A- A+
Politica
Taglio col trucco ai vitalizi. Salvi molti big condannati

Il taglio ai vitalizi sarà solo quasi di facciata. In queste ore, in Consiglio di presidenza del Senato e in Ufficio di presidenza della Camera, è previsto il voto che dovrebbe cancellare i vitalizi agli ex parlamentari condannati. Ma come riporta il Fatto Quotidiano, l'ultima versione della delibera prevede scappatoie per tangentisti e condannati della prima ora. Una versione diversa da quella iniziale, che salva quasi tutti dall'inserimento della riabilitazione, all'esclusione dell'abuso d'ufficio e alla modifica in senso restrittivo per i delitti non colposi da quattro a sei anni. La delibera che andrà in votazione prevede un salvacondotto, che trova fondamento e giustificazione come soluzione giuridica per evitare ricorsi, ma che trasforma nei fatti, l'annunciata soppressione in una cancellazione revocabile in caso di riabilitazione. Sono molti i politici che hanno comunicato alla pubblica opinione l'avvenuta riabilitazione, il loro vitalizio non avrà neanche un giorno di sospensione nonostante i reati commessi.

Paolo Cirino Pomicino, ex ministro del Tesoro, è stato condannato per finanziamento illecito ai partiti e ha patteggiato una pena di due mesi per corruzione. Non rientra tra i cancellati visto che la sua condanna è inferiore ai due anni, ma anche perché nel 2011 ha annunciato l'avvenuta riabilitazione. Salvatore Sciascia, senatore di Forza Italia, in passato è stato condannato per aver corrotto alcuni finanzieri, ha spigato di essere stato riabilitato. Quando uscirà da Palazzo Madama recepirà il vitalizio. In sostanza in caso di approvazione della delibera i condannati potranno giocarsi la carta della richiesta della riabilitazione.

"Adesso e' tempo di decidere". Si è conclusa ieri con una esortazione al Parlamento la dichiarazione congiunta dei Presidenti di Senato e Camera, Pietro Grasso e Laura Boldrini, in merito ai vitalizi per i parlamentari condannati. "Mezzo milione. Tanti sono ad oggi - affermano - i cittadini che chiedono la revoca dei vitalizi agli ex parlamentari condannati in via definitiva per reati gravi, come mafia e corruzione, e che per questo hanno sottoscritto la petizione lanciata da 'Riparte il futuro'. Meritano dunque un sentito 'grazie' i promotori che ci hanno simbolicamente consegnato, a Palazzo Madama e a Montecitorio, il risultato di questa bella azione di cittadinanza attiva. Una battaglia civile - proseguono Grasso e Boldrini - che da' forza alla buona politica e risponde al bisogno di trasparenza e moralizzazione. Il tanto atteso provvedimento delle Camere, infatti, e' alla stretta finale: domani sara' formalmente sottoposto, in contemporanea, agli organi competenti dei due rami del Parlamento. Per arrivare a questo risultato ci sono voluti dei mesi di lavoro, durante i quali sia la Camera che il Senato hanno chiesto pare

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vitalizitagliocondannatiparlamentograssoboldirni
in evidenza
Neve e gelo all'assalto dell'Italia Le previsioni sono da brivido

Meteo, offensiva siberiana

Neve e gelo all'assalto dell'Italia
Le previsioni sono da brivido

i più visti
in vetrina
Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!

Kendall Jenner sfida meteo, neve e gelo in bikini nero. Guarda che stivali!


casa, immobiliare
motori
Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online

Fiat Panda, regina incontrastata delle auto usate vendute online


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.