A- A+
Politica
Vannacci, Alemanno spera. Non esclusa una sua discesa in campo
Gianni Alemanno

Vannacci: Alemanno spera, non esclusa sua discesa in campo

Vannacci nel movimento politico a cui sta lavorando Gianni Alemanno: per il momento si tratta di una pura suggestione. "C'e' da conforntarsi sulle idee, non e' che io condivida tutto quello che scrive Vannacci". L'ex sindaco di Roma lo dice a Ceglie Messapica, dove si è svolta la kermesse di affaritaliani.it “La Piazza”, in provincia di Brindisi, dove era atteso anche il generale salito agli onori della cronaca per il libro autoprodotto "Il mondo al contrario". Un libro che gli e' valsa una azione disciplinare per le considerazioni riguardanti gay e femministe - fra le altre - che vi sono contenute. Roberto vannacci, poco prima dell'inizio della tre giorni organizzata da Afaritaliani ha dato forfait perche', ha spiegato, "non sapevo che si trattasse di una iniziativa politica".

Tocca quindi ad Alemanno, tra i pochi a difendere pubblicamente Vannacci, catalizzare la curiosita' dei giornalisti: "Non sono il portavoce di Vannacci, ma credo che questo sia un momento delicatissimo per lui: la commissione di disciplina militare sta valutando il suo comportamento. Da questo punto di vista e' comprensibile che si sottragga ai dibattiti pubblici". Eppure, di una discesa in campo di Vannacci si parla con sempre maggiore insistenza, complice anche il lavoro di rassemblement della destra estrema a cui lavora Alemanno: "Quando io l'ho sentito ha sempre detto che vuol continuare a fare il militare e quindi non e' affatto detto voglia scendere in politica. Non lo esclude, ma non e' affatto detto. Dipendera' anche dai confronti che avra' con la disciplina militare e vedere cosa accadra'. Per adesso ha fatto una affermazione culturale che deve fare discutere e non deve essere censurata e su cui tutta la politica si deve misurare". Anche il governo. Ed Alemanno non risparmia critiche all'esecutivo e, in particolare, al ministro di Giustizia. "Crosetto ha sbagliato perche' ha giudicato Vannacci prima ancora di leggere il libro, prima ancora che la commissione militare prendesse una decisione", dice Alemanno.

"Questo un ministro non lo deve fare. Un ministro deve stare zitto o deve difendere un suo militare, mai attaccare. E' stata una scivolata clamorosa e la Meloni tace. Non dice una parola e gia' questo silenzio e' eloquente, come e' eloquente che in Fratelli d'Italia non hanno attaccato Crosetto ma non hanno difeso Vannacci. Crosetto ha fatto una scivolata, o ha avuto pressioni da altre realta'". Ma Vannacci e' solo uno degli elemtni che vedono Alemanno lontano dalla linea di Meloni. "Io non condivido la linea che sta tenenedo Giorgia Meloni con questo governo. Non voglio fare cadere questo governo, perche' se cadesse questo governo ne arriverebbe uno tecnico, con il centrosinistra e questo non lo voglio. Pero' credo che occorra rivedere tante cose, a cominciare dall'atteggiamento della guerra in Ucraina. Per me e' sbagliato mettersi in prima linea con gli Stati Uniti in questa guerra che costa moltissimo".

Ecco la ragione della sua iniziativa politica: "Ci siamo organizzati all'esterno di Fratelli d'Italia, con il Forum per l'indipendenza italiana che raccoglie quaranta sigle, e abbiamo trovato molti temi critici con questo governo. Ora svilupperemo un confronto con il governo e se loro continueranno su questa strada faremo un nuovo movimento politico per evitare che tanti temi divengano patrimonio della sinistra". Con Vannacci? "Deve deciderlo lui, ci sono molte idee su cui e' necessario confrontarci. Non e' che condivido tutto quello che Vannacci ha scritto, ci sono molte cose discutibili, molte cose espresse in maniera un po' da caserma, bisogna confrontarsi da questo punto di vista e vedremo se sara' possibile trovare una convergenza". Quello che non e' in discussione, invece, e' il rispetto misto a una certa ammirazione che emerge dalle parole di Alemanno: "Stiamo parlando di una persona che per 37 anni ha servito lo stato italiano in prima linea, ha comandato la Folgore, il Col Moschin, ma vogliamo rispettare una persona del genere? Adesso che il governo fa il guerrafondaio, ci va lui in prima linea o ci manda persone come Vannacci? E' stato messo da parte per due motivi: quello principale e' che Vannacci ha fatto una denuncia sull'uranio impoverito. E' stato messo a dirigere l'istituto geografico miliatre che non e' operativo, addirittura".

Vannacci: Alemanno, il silenzio Meloni è eloquente

"La Meloni tace, non dice una parola e già questo silenzio è eloquente, come lo è il fatto che alcuni esponenti di Fratelli d'Italia non hanno attaccato Crosetto ma hanno difeso Vannacci". Così l'ex sindaco di Roma, Gianni Alemanno rispondendo a una domanda sulla vicenda del generale Vannacci, a margine della festa di Affari italiani in corso a Ceglie Messapica. E sulla posizione del ministro della Difesa, Crosetto, ha ribadito: "Doveva stare zitto o difenderlo, magari una difesa di ufficio. Invece ha fatto una scivolata clamorosa e farebbe bene ad ammettere i suoi errori. Ammettere gli errori certe volte fa bene".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
alemannovannacci





in evidenza
Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"

Guarda il video

Affari gastronomici/ Il direttore Perrino dialoga con gli chef Antonella Ricci e Vinod Sookar. La presentazione del libro di ricette "Dalla Puglia con amore"


in vetrina
McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA

McDonald's dopo il gelato al bacon bandisce gli ordini con l'IA


motori
Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

Nuova Audi RS Q8: record al Nurburgring

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.