A- A+
Politica
Vertice Ue, Renzi in Senato: "Italia salvata dalle riforme"

"Il vero fondo salvastati dell'Italia e' stato fare le riforme strutturali". Cosi' il premier Matteo Renzi, al Senato, dopo aver spiegato che l'Italia ha fatto passi avanti nel panorama internazionale. "Se di esami si trattava l'Italia si presentava in ruolo di studente: oggi non e' cosi'". Il passo avanti e' stato "positivo ma non sufficiente, i segnali di ripresa sono timidi, il valore delle opere pubbliche bloccate per ritardi tra enti e' di 1% del Pil. Ma se oggi l'Italia e' nelle condizioni di non essere piu' sul banco degli imputati non si deve a fenomeni magici provenienti dall'esterno ma all'attivita' parlamentare", alle riforme fatte che hanno aumentato la "credibilita'" del nostro Paese.

"Il tema prevalente, oltre all'immigrazione, sara' la Grecia e la possibilita' di scrivere una pagina nuova con il rapporto dei quattro presidenti". Cosi' il premier Matteo Renzi, parlando al Senato alla vigilia del vertice Ue. E sulla Grecia aggiunge:  "La Grecia deve sapere che esiste nelle istituzioni europee una larga parte che fara' di tutti per aiutare la Grecia, ma lo sforzo deve essere reciproco". Cosi' il premier Matteo Renzi, parlando al Senato alla vigilia del vertice Ue. Per Renzi "il lavoro dell'Eurogruppo deve vedere una forte consapevolezza dei rischi ove l'accordo non si realizzasse" soprattutto per la Grecia.

"Non possiamo piu' avere paura del concetto di reimpatrio". Cosi' il premier Matteo Renzi, parlando al Senato sul tema dell'immigrazione, sprona "la sinistra a non avere paura del concetto di reimpatri" e di "rispetto delle regole". Renzi conferma l'utilita' e la necessita' dello "sforzo che facciamo e che ci inorgoglisce, a cominciare dalla cooperazione internazionale, passando per lo sforzo di salvare a nome dell'Italia migliaia di persone. Ma se si arriva in Italia senza titolo le procedure di reimpatrio devono essere accelerate, non si fanno accordi di cooperazione con chi non accetta il reimpatrio". "Chi ha diritto a stare in Italia deve restare in Italia, ma la sinistra - ha detto Renzi - non puo' avere paura del concetto di rispetto delle regole a cui ci dobbiamo tenacemente aggrappare per evitare un'ondata che mette a rischio la stessa idea di Europa". "Forse in passato siamo stati molti timidi nonostante il lavoro serio fatto da Prodi e da Napolitano allora ministro dell'Interno".

 "Il simbolo, per la mia generazione, della identita' europea e' stato la caduta del muro di Berlino, oggi rischiamo che i quattordicenni vedano salire su un muro, che qualcuno vorrebbe costruire fra Serbia e Ungheria". Lo ha detto il premier Matteo Renzi in Senato. "Per questo - ha sottolineato - dobbiamo insistere per l'allargamento" che e' un "disegno organico di costruzionbe europea lasciato a meta'". "Non e' possibile lasciare Serbia e Albania in una situazione di tensione", bisogna "evitare il ritorno dei muri", ha aggiunto.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
renzisenatoitaliaue
in evidenza
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi

CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

i più visti
in vetrina
Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C

Meteo, Italia nella morsa del caldo africano di Hannibal, picchi fino a 34°C


casa, immobiliare
motori
Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro

Tre propulsioni elettrificate per la nuova Kia Niro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.