A- A+
PugliaItalia
Banche Venete, Emiliano: 'Il testo del decreto resta invotabile'

Sul decreto del Governo relativo al salvataggio delle Banche Venete, Michele Emiliano conferma l'invotabilità: "Le Banche Venete erano sotto osservazione delle istituzioni da anni. Soprattutto negli ultimi tre sono state seguite quotidianamente da Bankitalia e Governo. Aver escluso dal risarcimento i risparmiatori dopo il giugno 2014 è un errore clamoroso oltre che illegittimo".

Banche venete3
 

"Il Bail In, voluto e concordato in Europa dallo stesso Ministro Padoan - continua Emiliano - è entrato in vigore dal primo gennaio 2016. Non si capisce perché debbano essere abbandonati i risparmiatori che hanno creduto da un lato nell'intervento dello Stato attraverso il monitoraggio della crisi e quello del fondo Atlante dall'altro lato, fidandosi delle istituzioni.

G7 Emiliano
 

"Tra le proposte c'era anche l'interdizione perpetua degli amministratori che hanno creato questo disastro. Anche il No a questa proposta ci lascia senza parole. Per queste ragioni e per tutte le motivazioni spiegate approfonditamente nella lettera inviata ai deputati e senatori del Pd ritengo invotabile il testo blindato dal Governo che manterrà ovviamente la fiducia di tutto il Pd".

"Il salvataggio delle Banche Venete era ed è fondamentale - conclude Emiliano - ma confermo che si doveva e si poteva fare in maniera diversa e non a scapito dei risparmiatori senza voce. Banca Intesa ha fatto il proprio dovere, la politica meno. I due doveri erano conciliabili".

(gelormini@affaritaliani.it)

------------------------------- 

Pubblicato sul tema: Banche Venete, scintille tra Emiliano e il ministro Padoan

Tags:
decreto salva banche venetemichele emilianoinvotabile lettera
i blog di affari
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.