A- A+
PugliaItalia
Bif&st, si accendono le luci ed è subito: Pierfrancesco Favino

Pierfrancesco Favino ha inaugurato il ciclo di incontri al Teatro Petruzzelli insieme all’edizione 2018 del Bif&est. Al centro della conversazione con il critico Fabio Ferzetti, le riflessioni sul suo lavoro e le ragioni della sua versatilità.

petruzzelli favino2
 

Inaugurazione eccellente per l’edizione 2018 del Bif&st, con un ‘tutto esaurito’ e posti in piedi al Teatro Petruzzelli, per accogliere il primo dei protagonisti delle Masterclass che si confermano come uno degli appuntamenti più attesi e seguiti della manifestazione diretta da Felice Laudadio.

Una standing ovation ha quindi accolto l’arrivo sul palco di Pierfrancesco Favino, a testimonianza di una popolarità che va oltre l’ammirazione per il suo talento di attore ma segno di affetto e stima per l’uomo che ha mantenuto semplicità e sincerità nonostante la statura acquisita di star internazionale. Semplice e sincero lo è stato per tutta la durata dell’incontro condotto dal critico Fabio Ferzetti, preceduta dalla proiezione di “A.C.A.B.” di Stefano Sollima, tra i film più rappresentativi di una carriera che conta ben 76 titoli in 25 anni tra cinema, teatro e televisione, senza mai restare prigioniero di nessun cliché.

Bifest Favino2
 

La varietà dei suoi personaggi e dei film interpretati è alla base delle sue scelte fin dall’inizio, come ha spiegato rispondendo alla prima delle domande che gli ha rivolto Ferzetti: “Ho sempre pensato che il mestiere dell’attore fosse proprio questo, modellarsi rispetto a quello che si fa. Avere una faccia ‘facciosa’, d’altra parte, mi ha consentito di fare cose tanto diverse l’una dall’altra, come pure la consapevolezza di avere il privilegio di scoprire quante cose può essere un individuo nella sua complessità. Faccio l’attore fondamentalmente perché mi piace l’essere umano. Affrontare gli opposti è un altro privilegio pazzesco che mi ha offerto e continua a offrirmi questo mestiere, come quando nel giro di pochissimi mesi mi sono trovato a interpretare il poliziotto fascista di “A.C.A.B.” e l’anarchico Pinelli in “Romanzo di una strage” di Marco Tullio Giordana”.

Una passione, quella per la recitazione, che accompagna Favino fin dall’infanzia: “Ho deciso che avrei recitato fin da quando avevo 6 o 7 anni, passavo le ore davanti alla Tv a guardare i vecchi film di Totò. La chiave di volta fu poi a 8 anni quando i miei genitori, entrambi appassionati di teatro, mi portarono a vedere Don Carlos di Schiller con Gabriele Lavia, fu una vera folgorazione. Dopo il Liceo, quindi, ho fatto domanda all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica e per fortuna mi hanno preso, altrimenti non so cosa sarebbe stato di me a 30 anni”.

Noto per la meticolosità con cui prepara i suoi personaggi, Favino ha raccontato come ha affrontato il personaggio di “A.C.A.B.”: “Ho trascorso del tempo insieme a veri celerini, sono stato allo stadio a osservarli mentre lavoravano, ho preso dimestichezza con scudi e manganelli per poi scoprire che anch’io potrei usarli se dovessi essere aggredito. Mi era già capitato in un altro film, quando mi sono trovato con una pistola tra le mani. Ecco un altro aspetto positivo del mio lavoro: ti dà la possibilità di sollecitare i tuoi istinti e prendere consapevolezza dei rischi che questo comporta. E poi ho frequentato a lungo un vero celerino di destra per poi scoprire che a casa, insieme al busto del Duce, aveva il manifesto di Che Guevara. Questo per dire che l’essere umano non è mai una cosa sola. È anche per questo che ho accettato l’avventura del Festival di Sanremo”.

bifest 2018
 

Sanremo: impossibile non citare un’esperienza che ha cambiato la percezione del pubblico nei confronti dell’attore romano, rivelandone la poliedricità oltre che la versatilità nel cinema. “Era esattamente quello che volevo, avrei dovuto fare già prima qualcosa del genere, superando la paura di ciò che il pubblico avrebbe pensato di me. Ma mi sono ricordato di come Gassman non avesse avuto timore di esibirsi a Canzonissima, di Mastroianni che ululava accanto a Mina, di Tognazzi che raccontava barzellette. Ora sono consapevole di essere diventato nazional-popolare ma è una cosa bella. Purché lo si faccia bene.”

A proposito di eclettismo, un altro notevole talento che Favino ha talvolta manifestato è quello di imitatore. Così, per il divertimento del pubblico del Petruzzelli, si è prodotto in un’irresistibile imitazione di Marco Giallini e poi di Rocco Papaleo, insieme al quale sta per affrontare il prossimo impegno, “I moschettieri del Re” di Giovanni Veronesi - nel cast anche Valerio Mastandrea e Sergio Rubini - atteso sugli schermi per Natale. Subito dopo l’attore sarà Tommaso Buscetta nel film di Marco Bellocchio “Il traditore”: “Non vedo l’ora, ho inseguito questo ruolo per tanto tempo, mi ci sto preparando fin da quando stavo girando ‘A casa tutti bene’ con Gabriele Muccino. Sono affascinato dall’idea di interpretare un uomo che è diventato celebre senza essere nessuno e che ha vissuto cambiando faccia più volte”.

Teatro Petruzzelli during Bifest
 

Ma quando sente veramente un personaggio, Pierfrancesco Favino? “Quando mi parla, quando ho capito come pensa. È così che riesco a far sì che l’attore non scavalchi il personaggio, non imponga al pubblico la propria personalità e superiorità. L’attore non deve mai dimostrare quanto è bravo. Non deve essere uno strumento ma un oggetto”.

L’amore per il suo mestiere ha portato Favino ad accettare la direzione di una scuola di formazione a Firenze. “Ho deciso di dirigere l’Oltrarno di Firenze a condizione che la scuola fosse gratuita, per favorire chi non avrebbe potuto permettersela e poi ho voluto che gli insegnanti provenissero da tutto il mondo, perché gli allievi potessero apprendere delle tecniche che qui non vengono insegnate. Lavorando più volte nel cinema americano ho infatti scoperto che, benché il talento di chi lo fa non sia inferiore a quello degli artisti italiani, oltreoceano ci sia molta più attenzione alla formazione e alla ricerca”.

Prima di intrattenersi a lungo con gli spettatori per gli autografi e gli immancabili selfie, Pierfrancesco Favino ha incassato i complimenti di un illustre spettatore dell’incontro: Pippo Baudo. “Sono venuto qui ad ascoltarti”, ha detto il popolare conduttore che sarà protagonista della Masterclass di domani, “perché sei bravo, colto e intelligente. Ti auguro ogni fortuna”!

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
bif&st baripierfrancesco favinomasterclass petruzzellifelice laudadiosole luci foyer cinema
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Mario Monti all'Oms, nuovi tagli alla sanità in nome del liberismo?
Di Diego Fusaro
M5s? Ora è diventato come gli altri. Il grillismo si sgonfia nella routine
di Maurizio De Caro
Accordo Israele Emirati Arabi Uniti: il nemico del mio nemico è mio amico.
Andrea D'Amico
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.