A- A+
PugliaItalia
Black or Bitter? La variegata galassia autoctona del Negro Amaro

Sono quasi 17.000 ettari (nel 2010) quelli destinati all’uva  Negro Amaro in Italia, praticamente nella sola Puglia. Erano  oltre 40.000 nel 1970, prima che cominciassero gli espianti voluti dall’UE: essa resta comunque la varietà più coltivata della nostra regione, più dello stesso Primitivo, al quale contende anche  il primato della popolarità.

salento vigneti
 

Una estensione invece incomparabile rispetto a quella della terza delle più importanti varietà a bacca rossa pugliese, l’Uva di Troia (solo 1.400 ettari nel 2010). Solo in Puglia? In verità un po’ ce n’è anche in Basilicata e in Campania, ma si tratta di quantità infinitesimali.

Ora il Negro Amaro è arrivato anche nel nord della Puglia (per es. nel cerignolese), ma la sua  collocazione naturale è nelle province di Brindisi e Lecce. Non ci si sorprenda troppo, però,  nello scoprire che quest’uva  è sbarcata anche negli States, dove alcune wineries (come Montoliva Vineyards, in Illinois, una cantina specializzata in Tuscan-inspired wines, che adotta il curioso motto: “La birra è fatta dagli uomini, il vino dai santi”) ne producono una versione in purezza, e persino in Australia.

Rosati 810x540
 

In Adelaide Hills c’è un produttore noto perché vinifica solo varietà italiane, Parish Hills: Nebbiolo, Dolcetto e Negro Amaro soprattutto, ma anche altri tipi di uva caratteristici del nostro paese. Sembra che il Negro Amaro si sia adattato bene in terra australiana, mostrando di poter conservare , pur in un territorio molto caldo, la propria acidità.

Da solo o in blend con altre varietà (la Malvasia nera è uno dei suoi partner favoriti) , è ingrediente fondamentale di numerose DOC, da quella di Copertino al Salice Salentino e allo Squinzano.

La Malvasia nera, secondo Ian D’Agata, notissimo collaboratore italiano della rivista Decanter, è stata storicamente, per il Negro Amaro, quello che il Canaiolo è stato per il Sangiovese chiantigiano: doveva alleggerire una certa monoliticità che questo vitigno assume nelle zone meno interessanti.

negroamaro Patriglione2
 

A me il Negro Amaro piace rosato (anche se la colorazione dei vini che se ne traggono è al limite della definizione di questo colore): non è un caso, forse, che  da questa varietà che siano nati i primi rosé italiani (chi non conosce la storia del Five Roses di De Castris?), ed è in questa categoria negletta che essa ha dato alcune  delle  migliori riuscite del nostro paese, insieme al Montepulciano Cerasuolo abruzzese  e   al Chiaretto del Garda.

negrroamaro3 Patriglione
 

Tuttavia, specie in alcune annate, le migliori versioni “rosse” del Negromaro (gli appassionati ben conoscono il Patriglione di Taurino e l’amaroneggiante Graticciaia di Vallone) sono capaci di dare emozioni non inferiori a quelle suscitate da vini italiani ed esteri più famosi. Ma innanzitutto perché Negro Amaro (Jancis Robinson preferisce la versione unificata, Negroamaro)?

Secondo alcuni il nome deriverebbe dal latino niger e dal greco mavros. Entrambi significano nero, sicché Negro Amaro significherebbe “nero nero”. E’ il colore dell’uva, più che del vino, generalmente meno scuro. Secondo altri, Negro Amaro deriverebbe semplicemente dall’unione di “nero” (il colore)  e  “amaro” (il sapore). Non che questa varietà spicchi per amaritudine: probabilmente si cercava di distinguerla dal Negro Dolce, un’uva  tempo presente nel Salento.

-------------------------------------

Pubblicato in precedenza: La pluralità autoctona pugliese: antidoto al consumatore globalizzato

                                      Dici Primitivo e pensi alla Puglia, ma in California il cugino americano...

                                      Gioia del Colle, Manduria o Sava Primitivo, 'What else?'

Iscriviti alla newsletter
Tags:
negro amaro negraoamaro galassia autoctonavini puglia america guglielmo belleli vitigni
i blog di affari
Interessi e Fisco: strana differenza tra quando chiede e quando paga
I mercati auspicano una donna come capo dello Stato: Belloni o Cartabia
L'OPINIONE di Ernesto Vergani
CONSULTAZIONI EUROPEE, PROGETTI PER BIBLIOTECHE, SCUOLE E GLI OVER 65
Boschiero Cinzia
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.