A- A+
PugliaItalia
943187 178960135600308 801793199 nBari – Aveva ribaltato il risultato del primo turno, alle scorse Comunali, e vinto il ballottaggio contro un centrodestra già forte della maggioranza in Consiglio ma non è bastato. Tredici consiglieri del centrodestra coratino, eletti nelle liste di Pdl, Puglia prima di tutto, Unione di Centro, Movimento Schittulli e Rinnovamento Corato, hanno rassegnato le proprie dimissioni, determinando la fine anticipata dell’Amministrazione guidata da Renato Bucci.
 
“È maturato il tempo delle scelte decisive per il futuro della nostra Comunità. La grande illusione è svanita e con essa la parentesi di governo di chi, con confusione e incompetenza amministrativa, stava mandando allo sbaraglio la nostra Città”, hanno mandato a dire gli uscenti, il cui redde rationem è arrivato attraverso un documento protocollato questa mattina a Palazzo di Città. E a poco è servita la resistenza dell’azzurro Salvatore Cannito e dell’ex compagno di partito, Carlo Roselli, nel frattempo passato al Misto, le cui firme mancano in calce: “Occorre un Sindaco che abbia una sua maggioranza perché la stabilità è elemento indispensabile per un’efficace azione amministrativa. È doveroso ridare la parola agli elettori affinché, attraverso libere elezioni, decidano il loro futuro”, recitano i manifesti apparsi in città, alla vigilia dell’assise che vedeva in agenda la presentazione delle linee programmatiche del primo cittadino, sin dal day after di cinque mesi fa alle prese con la condizione di “anatra zoppa”, la stessa con la quale ha dovuto fare i conti anche il collega nocese, Domenico Nisi.
 
Il countdown ufficiale era scattato già nella serata di ieri: “Un atto di liberazione”, lo avevano definito dall’Udc di De Palma, nel corso del congresso centrista. E la requisitoria con la quale si annuncia il ritorno alle urne è durissima: “Dopo aver demolito e denigrato l’azione amministrativa del centrodestra sono state presentate linee programmatiche chiaramente ispirate alle nostre. Che ne pensano i cittadini che avevano creduto nel programma elettorale del Sindaco? Che fine ha fatto il programma elaborato dal “Patto per Corato?”,accusano dall'opposizione, mettendo sotto accusa le scelte compiute “esclusivamente tramite delibere della Giunta senza coinvolgere il Consiglio comunale”. E ricordano l’inizio tumultuoso della convivenza al Governo, con le schede bianche di Sindaco e partito di riferimento sull’elezione di Franco Caputo a capo dell’Assemblea. “Abbiamo invano atteso una proposta di bilancio”, attaccano a testa bassa, così come “falsa è la favola raccontata sul patto di stabilità, secondo Bucci, foglia di fico sotto la quale la precedente Amministrazione avrebbe nascosto le sue pecche”. O quella sull’interramento dell’elettrodotto che “nelle linee programmatiche, resta una priorità ma da realizzare compatibilmente con le disponibilità economiche e la capacità di spesa”. La campagna elettorale è ufficialmente riaperta.
 
a.bucci1@libero.it
(Foto:Aldo Dith)
Tags:
coratobuccicaputogiuntacomunevotoelezioniperronepdlpd
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.