A- A+
PugliaItalia
Decaro e Magrone per la OM "Passo avanti fondamentale"

“E’ stato compiuto stasera un fondamentale passo avanti nell’ormai lungo percorso per salvare il lavoro degli operai Om, in attesa da quattro anni. E’ stata infatti individuata dal Ministero per lo sviluppo economico l’azienda che dà maggiori garanzie”. Lo ha detto il sindaco di Modugno, Nicola Magrone, a conclusione dell’incontro tenuto al ministero per lo sviluppo economico col ministro Federica Guidi, sul progetto presentato da ‘LCV Capital Management’ per i siti industriali di Modugno e di Gioia Tauro.

All’incontro hanno partecipato, tra gli altri, anche l’amministratore delegato di Invitalia, Enrico Arcuri, i presidenti delle Regioni Puglia e Calabria, Michele Emiliano e Mario Oliverio, il sindaco di Bari, Antonio Decaro, i segretari territoriali e nazionali delle organizzazioni sindacali.

magrone sindaco
 

“Oggi si tratta – ha continuato Magrone - di augurarci che l’opera del ministero e delle Regioni Puglia e  Calabria giunga rapidamente all’accordo di programma previsto e segua passo passo l’iter esecutivo del complessivo progetto, anche con la collaborazione delle autonomie locali, come è sottolineato nel verbale d’intesa firmato stasera al ministero”.

La conclusione dei lavori di oggi ancora una volta, sostanzialmente, conferma la linea proposta sin dall’estate 2013 dal sindaco Nicola Magrone, con proposte operative per la reindustrializzazione tramite la collaborazione fattiva degli enti locali, a cominciare dal Comune di Modugno.

decaro emiliano ex1
 

Il sindaco Antonio Decaro, dopo l'incontro ha dichiarato: “Oggi, da sindaco di Bari e dell’area metropolitana, ho sottoscritto l'accordo preliminare con la Regione Puglia e il Ministero dello Sviluppo Economico per l'insediamento della Lcv Capital Management che investirà 80 milioni di euro nello stabilimento della Om carrelli elevatori di Modugno e sul sito calabrese di Gioia Tauro con un dato occupazione importante: tra i due siti si dovrebbero raggiungere più di 1400 posti di lavoro nel giro di qualche anno, tra nuove assunzioni e il riassorbimento dei lavoratori in mobilità".

"Si chiude una vicenda che va avanti dal 2011 che ha interessato la sorte di 194 lavoratori che ci auguriamo da oggi possano tornare a guardare con più fiducia al futuro, insieme alle loro famiglie. La LCV produrrà sia a Bari che a Gioia Tauro automobili innovative dal punto di vista tecnologico e la nuova produzione si inserirebbe in un'area che si è già caratterizzata nel settore dell'automotive".

"Questo risultato - ha concluso Decaro - potrebbe oggi rappresentare un'occasione concreta di sviluppo dell'area industriale di Bari, che, nonostante le attuali difficoltà economiche, è la realtà più importante dell'Adriatico e del Mezzogiorno".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
decaromagroneommodugno
i blog di affari
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.