A- A+
PugliaItalia
Decaro: 'Voterò scheda bianca. Battaglia trivelle già vinta!'

La nota diffusa in tarda serata da Antonio Decaro, sindaco di Bari, accreditato tra i renziani più rfedeli, indica molto probabilmente quale sarà la prese di posizione in finale - sul referendum del 17 aprile - in Direzione nazionale del Partito Democratico il 4 aprile, dopo il rinvio odierno per il lutto conseguente alla morte di 7 studentesse italiane in Spagna.

"Da sindaco di Bari e della Città metropolitana, diversi mesi fa, mi sono impegnato - afferma Decaro - facendo approvare dai rispettivi consigli, mozioni e risoluzioni finalizzate a richiedere al Governo di modificare la legge in materia di ricerca e di estrazione di idrocarburi in mare. Le nostre proposte sono state recepite nella Legge di Stabilità 2016 che ha anche modificato, come richiedevano le regioni, le precedenti norme che di fatto rendevano possibile l'attività estrattiva".

Decaro trivelle
 

"Ci sono stati momenti, anche qualche anno fa - prosegue - in cui era all’ordine del giorno il rilascio di nuove concessioni per le prospezioni, con il rischio che le piattaforme si moltiplicassero. In quel momento, con convinzione ho sostenuto la battaglia per proteggere il nostro mare, l’ho fatto come politico, come rappresentante delle istituzioni e come cittadino pugliese".

"Oggi grazie anche a questo impegno la legge italiana sulle piattaforme petrolifere è la più restrittiva d'Europa: nel nostro mare è vietato autorizzare nuove trivellazioni entro le 12 miglia". 

E poi aggiunge: "Questo è un risultato straordinario per tutti coloro che come me, in questi anni, si sono battuti per evitare nuove trivellazioni, per tutelare l' ecosistema marino e per salvaguardare la bellezza e il patrimonio paesaggistico della nostra costa". 

decaro 50
 

"Tuttavia è rimasta in vigore una norma, quella relativa al referendum, che non riguarda nuove trivellazioni entro le 12 miglia, già vietate, ma solo la proroga, alla scadenza, delle concessioni già rilasciate e da anni in esercizio, fino all’esaurimento dei giacimenti già coltivati".

Quindi la precisazione: "Posto che, qualunque sia l’esito del referendum, questo non comporterebbe una chiusura delle piattaforme, credo che il dibattito di questi giorni, che ha affrontato argomentazioni anche molto tecniche e complesse, sia legittimo tanto a sostegno del Si quanto a sostegno del NO e che i cittadini abbiano sempre il diritto di esprimersi".

E infine la dichiarazione di voto: "Personalmente, non ritenendo il quesito referendario determinante per le vicende del nostro territorio, parteciperò al voto con la scheda bianca, augurandomi che il referendum raggiunga il quorum e che i cittadini che si sono formati un proprio giudizio possano decidere per il sì o per il no, con la certezza che la battaglia per vietare nuove trivelle nel nostro mare, l’abbiamo già vinta".

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
decaroschedabiancatrivellereferendum
i blog di affari
Reddito di cittadinanza, chi lo percepisce non ottiene l'assegno divorzile
di Francesca Albi*
FONDI PER ICT, CRISI, RETI CONTRO FURTI BENI CULTURALI, CONTRO OMOFOBIA
Boschiero Cinzia
Smettere di fumare: 5 step da seguire
Anna Capuano
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.