A- A+
PugliaItalia
Digeronimo, il programma Bari in 100 pagine

Un programma per Bari fuori dai giochi. Presentata la proposta di programma dell'associazione Riconosciamo Bari. Cento pagine dedicate a Bari che affrontano le moltissime problematiche della città, studiate e realizzate dal gruppo di lavoro chiamato a raccolta da Desirèe Digeronimo.

Il volume, stampato anche in pillole per sintetizzare e inchiodare i punti più importanti, sono stati illustrati dal presidente dell'associazione, Gianvito Spizzico, Roberto Varricchio, che è il portavoce delle liste che sostengono la corsa a sindaco di Desirèe Digeronimo, Patrizia Facchini, psicologa, e Alessandra Creanza, studentessa.

Tra i provvedimenti più urgenti la questione sociale: l'istituzione di uno sportello di ascolto e intervento sociale con l'introduzione dell'innovativa figura del garante sociale, commissione formata da un'equipe di esperti. Un progetto di Social Housing secondo cui i nuclei abitativi si concentrino non solo sulla quantità, ma soprattutto sulla qualità.

Lo sviluppo del turismo, leva propulsiva per l'economia locale, attraverso l'individuazione dei punti di forza della città da valorizzare ulteriormente con l'obiettivo di far diventare Bari la primissima meta del Mediteraneo. Bari First Mediterrean Destination. Sarà inoltre obiettivo primario la creazione di condizioni idonee per gli investitori, correlata allo sviluppo del Marchio Città di Bari.

Incremento delle opportunità di lavoro con lo sviluppo economico delle imprese del territorio attraverso la creazione di tavoli stabili con il sistema delle imprese e la semplificazione delle procedure per la concessione delle licenze commerciali, con la previsione anche di ulteriori agevolazioni per l'imprenditoria giovanile e femminile.

Al termine della breve presentazione è intervenuta Desirèe Digeronimo, sottolineando come l'unico strumento ad oggi prodotto per la città di Bari da tutte le forze politiche che ambiscono a governare la città, al momento sia proprio il programma di Riconosciamo Bari.

Bari 100 pag
 

"Mentre un gruppo di cittadini si è spaccato la schiena per 4 mesi su una proposta di programma, che è bene ricordare non è completo e attende la collaborazione delle forze politiche e associative che vorranno unirsi a noi in questa straordinaria corsa, altrove in città si va in bicicletta, si passeggia in tandem, si litiga per il pallone, si pensa davvero a una città a misura di bambini, ma di bambini con la barba, un po' cresciutelli per giocare con la città".

L'occasione della conferenza stampa di presentazione del programma è stata colta da Desirée Digeronimo per smentire di aver mai scritto le dichiarazioni "virgolettate" riportate dal Corriere del Mezzogiorno. "Le parole secondo cui io sarei stata delusa dalla decisione di Pietro Petruzzelli di rinunciare alle primarie e che non ho mai votato centrodestra, semplicemente non sono mie. Su questa non dichiarazione mi aspetto una rettifica di portata almeno uguale allo spazio che ad esse è stato riservato sul Corriere del Mezzogiorno. Incidente chiuso".

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
digeronimoprogrammadesirèebari in 100 pagine
i blog di affari
Barbero sempre attaccato da quando si è dichiarato contro il Green Pass
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi, l’Ue e il neoliberismo che uccide la classe operaia
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Zaino sospeso: l'iniziativa continua
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.