A- A+
PugliaItalia
credito banca

“Vorrei capire perché le banche non offrono spiegazioni del perché non sostengono investimenti e crescita ma solo i mercati speculativi. La Bce ha trasferito risorse ciclopiche alle banche per sostenere le imprese, ma quelle risorse non sono diventate un supporto alle aziende, ma sono andate ad incentivare la speculazione. Quando si renderanno conto le banche che l’economia senza lavoro si tramuta in catastrofe?”.

 

Così il presidente della Regione, Nichi Vendola, apostrofa il sistema del credito, alla Fiera del Levante per la “Giornata del credito”, promossa da Obiettivo Finanza (lo sportello per facilitare l’accesso al credito istituito dalla Camera di Commercio di Bari) e organizzata da Promem Sud Est spa, Fiera del Levante, Confindustria Bari e Bat.

 

La Regione, attraverso il fondo di garanzia ha stanziato in una prima tranche cinquanta milioni di euro che hanno sviluppato investimenti per cinquecento milioni e in una seconda tranche ulteriori cinquanta milioni, “è il più cospicuo fondo stanziato da qualsiasi regione d’Italia”, sostiene Vendola che bacchetta i bancari, rei di non fare abbastanza per l’economia reale.

 

Il fondo del microcredito alle piccole e piccolissime imprese invece, agevolerà, secondo le stime di Loredana Capone, assessore allo sviluppo economico della Regione, circa milletrecento aziende pugliesi nell’arco di tre anni.

 

I bancari respingono le critiche del presidente Vendola, sostenendo che la questione sia ben più complessa.

Per il presidente dell’Aibe, associazione delle banche estere, Guido Rosa “L'Italia vive una situazione di grave crisi economica, dalla quale si può uscire solo avviando un percorso di riforme strutturali sempre più imprescindibili e in grado di renderla nuovamente competitiva nello scenario globale.
 
I mercati attendono da noi un segnale concreto e se il nostro Paese sarà in grado di trasmettere l'intenzione di avviare un serio percorso di riforme strutturali non potranno che reagire bene. Un giudizio migliore dei mercati si tradurrà, inevitabilmente, in una generale miglior valutazione del sistema Italia.
 
credito1
Le banche sono da sempre al fianco delle centinaia di migliaia di imprese che costituiscono un tessuto imprenditoriale caratterizzato da capacità non comuni: se la via della ripresa sarà di nuovo imboccata esse proseguiranno il loro cammino al fianco degli imprenditori italiani".
 

Per il presidente della Fiera del Levante, Ugo Patroni Griffi, “il sistema del credito, per non diventare oligarchia dei più forti, dovrebbe mettere in atto un approccio diverso sulla base del merito creativo. Mentre le piccole banche devono concentrarsi”.

Patroni Griffi5

 

Secondo l’Osservatorio Findomestic, la spesa per beni durevoli in Puglia è diminuita dell’11,8 per cento, risentendo del calo del reddito disponibile pro capite, con punte di contrazioni dei consumi che hanno raggiunto il 21,6 per cento, in alcuni settori.

 

La causa di questa crisi, secondo Giorgio Salvo, direttore della sede barese della Banca d’Italia va ricercata nella “debolezza della domanda soprattutto quella legata agli investimenti. Inoltre l’offerta è ancora troppo selettiva. L’atteggiamento prudente delle banche risente del deterioramento della qualità dei prestiti”.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
fiera del levantecreditobanchepatroni griffivendolabanca d'taliasalvo
i blog di affari
Giustizia civile: ok celerità ma attenzione ai diritti fondamentali
DONAZIONI DI SANGUE, AIUTI E PROGETTI PER AGRICOLTURA E BIOGAS
Boschiero Cinzia
Atti fiscali illegittimi: Convegno a Milano il 20 maggio
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.