A- A+
PugliaItalia
Il Salento di ieri e l'armonica di Angelo

di Rocco Boccadamo

Mi viene di ricordare che, oltre mezzo secolo fa, nella natia Marittima c'era un compaesano di nome Angelo, in gergo dialettale detto l’Ancilu ‘a Ddolurata ‘u Fiuranu, il quale, da autodidatta, armeggiava, giustappunto, con l'armonica a bocca di cui al titolo.

Lo faceva, abitualmente, di sera, dopo la giornata lavorativa e la cena, come pausa di svago e di distrazione, all’interno della bottega di barbiere gestita da Alessandro, nei pressi della piazza, dove, in aggiunta agli sparuti clienti bisognosi del taglio della barba o dei capelli, solevano riunirsi gruppi di giovani, interpreti di semplici e allegri cori sulle note dell’armonica.

Della compagnia, faceva parte ‘u Pippi ‘a Semira, dotato – lo è anche adesso – di una bella voce, il quale, negli anni successivi, fra l’altro, sarebbe divenuto cognato di Ancilu.

Le due suddette figure sono viventi e, quando mi capita d’incontrarle, scatta sempre una sorta di ritorno ideale alle lontane stagioni di quel “salone” da barbiere, allietato da armonica a bocca e cori.

°   °   °

Ho casualmente conosciuto in treno, Maira, nata nel 1991 in una cittadina sulle colline torinesi, rinomata, fra il resto, per la famosa “Lettera 43” e i cui abitanti sono denominati eporediesi. Figlia unica, dopo la maturità, per il proseguimento degli studi ha scelto di lasciare la sua terra, frequenta, infatti, psicologia in un ateneo del Veneto: le pesa un po’ il distacco dalle amiche delle elementari, medie e superiori, oltre che la separazione, nel senso chilometrico, dal suo ragazzo, rimasto a lavorare nel Piemonte.

Marittima5
 

Nella sede universitaria, abita in un appartamento preso in affitto, dove, per risparmiare sul canone, condivide una camera con una ragazza, mentre una seconda stanza ospita uno studente d'origine pugliese, aspirante filosofo.

Forse alla stregua di naturale reazione al suo stato di figlia unica, è contenta di dimorare insieme con i due giovani, si adopera ai fini della preparazione comune dei pasti, con ciò compiendo un utile tirocinio in vista dell’eventuale, futura creazione di una sua propria famiglia.

Con il ragazzo, nell’estate 2012, ha trascorso una breve vacanza nel Salento, conserva un ottimo ricordo dei luoghi, in particolare dei mari e della gente.

Maira sente molto la responsabilità di conseguire un buon profitto nei corsi accademici, così da ripagare i sacrifici economici dei genitori; in pari tempo nutre fiducia circa il suo futuro professionale, tendendo volutamente a immaginare che, intanto che lei completi gli studi, la situazione in giro possa subire notevoli modifiche in meglio, rispetto ai risicati e precari sbocchi ora, come noto, offerti ai giovani.

La coinquilina di camera, Giulia, viene invece dal Sud, dalla Basilicata, esattamente dal paese di Stigliano, ubicato in un’amena zona del Materano, ricca di verde e di corsi d'acqua, caratterizzata da estensioni di terreni non pianeggianti, bensì ondulati, con una serie di avvallamenti, i cosiddetti calanchi.

marittima3
 

La terra d'origine della ragazza richiama alla mente le plaghe del famoso poeta, sindacalista e politico locale, Rocco Scotellaro, vissuto solamente trent'anni: tra le sue opere, da ricordare in speciale modo “L’uva puttanella” e “Contadini del Sud”. Inoltre, si ricollega a un affascinante monumento religioso, che si erge su un’altura, il santuario dedicato a Maria Regina di Anglona, meta di nutriti pellegrinaggi da parte di devoti, provenienti sia dai territori vicini, sia da località distanti.

A proposito della “emigrazione” per studio della lucana Giulia, anche lei iscritta a psicologia, colpisce, in particolare, il suo fermo intendimento di concentrarsi al massimo sulla strada scelta, restandosene fissa nella sede universitaria senza ravvicinati week end verso Sud e ciò rappresenta, inconfutabilmente, una palese conferma della grande forza di volontà che l'interessata pone sul fronte della realizzazione dell’obiettivo prefisso.

 Ho ritenuto d’incentrare i presenti appunti sulla rievocazione, antica ma ancora viva, di Angelo, marittimese suonatore di armonica a bocca, e su sprazzi di semplici e sommarie storie, attuali, di ragazze: vicende belle, senza enfasi o retorica, di e per un’Italia  auspicabilmente bella nel suo insieme, in questo momento particolare in cui, alla ribalta della cronaca, dominano, purtroppo, altri, assai differenti eventi, riguardanti giovani donne, addirittura adolescenti.

 Meno male che, alla luce della generalità della vita comune che scorre quotidianamente, alla fine è dato di poter costatare che i puntini neri sono, in fondo, isolati ed eccezionali.

 

Tags:
armonicasalentoangelomarittimaboccadamo
i blog di affari
Green pass, così otteniamo diritti e libertà già garantiti dalla Costituzione
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Sindacalista ucciso, la solitudine dei lavoratori nello spirito del tempo
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Alternanza scuola-lavoro, diciamo basta all'istruzione turbocapitalistica
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.