A- A+
PugliaItalia
Roma   Cimitero Laurentino  2003

Immagini conoscitive, fotografie come documenti personali dell’anima, essenza dell’intimo in un tempo definito dallo scatto. Così si presenta la prima mostra di Federico Annicchiarico,  dal titolo Intime Offtime, 15 scatti tra Bruxelles, Roma, Genova, Alberobello, Brindisi che indagano l’intima relazione tra soggetto e oggetto, tra uomo e spazio, colta dall'occhio discreto del mezzo fotografico.

Saranno gli splendidi spazi dell’Art Core Gallery (in via dei Marrucini 1), nello storico quartiere di San Lorenzo a Roma, ad ospitare le fotografie di Federico, fino al 10 settembre, nell’ambito della seconda edizione della manifestazione Crosswise!

L’evento è ideato ed organizzato dalla Fondazione Volume, nata con la volontà di coniugare una molteplicità di linguaggi, creando un luogo di incontro e comunicazione fra differenti ambiti artistici.

La prima mostra di Federico Annicchiarico, nato e cresciuto a Grottaglie (Ta), si apre con la sua ricerca intorno all’uomo e alla sua relazione con la realtà. Per contestualizzare gli elementi nella loro natura, il fotografo non costruisce scene, non ricorre alla finzione, ma osserva il vissuto. Emerge una lettura del tutto personale dell’elemento umano e la volontà di utilizzare la fotografia come traccia tangibile di presenza.

Lo scatto cristallizza l’attimo nel tempo. Il fotografo diventa il narratore di un racconto privato, di realtà, ambienti, dimensioni luogo-temporali pienamente vissute.

 

Le immagini rivelano le sfumature che il suo obiettivo ha saputo cogliere, con tutta la possibile empatia, l’estrema sensibilità e l'equilibrio formale.

La volontà di cogliere la vita sulla base immediata di un sentire fisico e mentale spinge Federico a lavorare trasversalmente tra cinema e fotografia. Questi linguaggi si fondono nelle sue immagini, rivelando la dimensione cinematografica verso la quale lo sguardo dell'autore tende, evidente nelle inquadrature e nella scelta di punti di vista.

 

Talvolta lo scatto non definisce i limiti spaziali di ciò che si riprende ma ne allarga i confini. L’interesse è infatti fermare il movimento per narrare l’anima di un’azione.

Alberobello (BA)   Trulli   2008

 

L’immagine fissa e il movimento di un suono possibile. Cosimo Terlizzi, regista e amico di Federico accoglie il suo invito per realizzare, durante il taglio del nastro  (23 luglio, ore 20, Art Core Gallery, Roma) un’opera dedicata alla sua selezione fotografica. Terlizzi compone "panoramico", una serie di tracce sonore dedicate ad ogni immagine proposta, proprio come farebbe un fonico di presa diretta, con la sola eccezione che l’artista, non presente al momento dello scatto, ne trae una personalissima suggestione, dando vita sonora a dei fotogrammi altrimenti muti.

 

Questa edizione vede protagonista la fotografia, in un ciclo di appuntamenti che indaga le differenti declinazioni della ricerca contemporanea, dalla fotografia di reportage e documentaria, fino ai più sperimentali progetti di artisti emergenti.

 

Ad ampliare gli intenti del ciclo di mostre, un autore sarà invitato a riflettere sul lavoro del fotografo in mostra, attraverso una composizione letteraria che accompagnerà le immagini, raccontandole, allargandone lo spazio visivo e creando uno stimolo verso differenti punti di vista.

 

(gelormini@affaritaliani.it)

 

 

Annicchiarico

FEDERICO ANNICCHIARICO - Cenni biografici

Diplomato all'Istituto Statale d'Arte di Grottaglie, nel 2001 consegue il diploma al Dipartimento di Scenografia dell'Accademia di Belle Arti di Firenze e nel 2005 si diploma in Fotografia Cinematografica al Centro Sperimentale di Cinematografia di Roma.

Inizia a lavorare come aiuto operatore e successivamente come assistente operatore per diverse produzioni cinematografiche e televisive. Successivamente comincia a lavorare come operatore di macchina per produzioni televisive di fiction.

Nel 2006, dopo numerosi cortometraggi che firma come direttore della fotografia, arriva il primo lungometraggio: "Ma che ci faccio qui!" di Francesco Amato. Lavora tra l'altro con Federico Rizzo per i film "Taglionetto" ed "Il ragioniere della Mafia" e con Paolo Sassanelli per i cortometraggi "Ammore" e "Uerra", quest'ultimo pluripremiato in moltissimi festival tra cui quello di Venezia, e con Davide Minnella per "Come si Deve" in mostra alla Berlinale e che vede protagoniste Piera Degli Esposti e Diane Fleri.

Ha collaborato inoltre con Cosimo Terlizzi, affermato artista e performer di origini pugliesi, ne "L'Uomo doppio" prodotto da Riccardo Scamarcio e Valeria Golino e Viola Prestieri (Buena Onda) in concorso al Torino Film Festival 2012. Firma la fotografia di "Niccolò Fabi Live Session all'Angelo Mai", ultimo lavoro discografico di Niccolò Fabi. Tra gli ultimi lavori per il cinema, realizza "Cosimo e Nicole" di Francesco Amato, vincitore del Marc'Aurelio D'oro, nella sezione Prospettive Italia, all'ultimo Festival del Cinema di Roma, una produzione Cattleya, con Riccardo Scamarcio e Clara Ponsot. Attualmente vive a Roma, insegna Fotografia Cinematografica al Centro Sperimentale di Cinematografia - Scuola Nazionale di Cinema.

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
annicchiaricoscattiromagrottagliemostrafotografia
i blog di affari
BANDI ERASMUSPLUS, AIUTI AI GIOVANI, ESSP PER SICUREZZA SOCIALE LAVORATORI
Boschiero Cinzia
Unioni civili, l'iter da seguire se si vuole divorziare
di Avv. Francesca Albi*
Svizzera, sì al Green Pass: il golpe globale del regime sanitario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.