A- A+
PugliaItalia
Introna a Letta: 'Protestiamo per i marò disertando l'Indian Republic Day'

Disertare le celebrazioni della Festa nazionale dell’India il 26 gennaio, in segno di ferma protesta per la vicenda dei marò pugliesi trattenuti a Delhi: il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, chiama in causa il premier Enrico Letta ed estende l’appello a tutte le Autorità e Amministrazioni italiane, di ogni livello.

“Mi spiace per il popolo indiano, amico del nostro Paese, ma proprio attraverso queste assenze simboliche, nella ricorrenza del 65esimo Republic Day federale, si deve levare chiara e netta dal nostro Paese l’indignazione dei cittadini che da due anni attendono di conoscere fatti e circostanze che riguardano i due connazionali”.

Intanto, Introna chiederà alla Conferenza dei capigruppo di aprire la seduta del Consiglio regionale, mercoledì 22 gennaio, come annunciato, con una riflessione sul caso, che si protrae dal 15 febbraio 2012. È pronta la bozza di un ordine del giorno, d’iniziativa dell’Ufficio consiliare di Presidenza, che inviterà il Governo nazionale ad attivarsi su ogni tavolo internazionale e canale diplomatico, per far sì che le Autorità indiane facciano finalmente chiarezza sul caso e perché ai due marò venga restituita quanto prima la dignità umana e la libertà personale”.

“Come ha dichiarato proprio un rappresentante del nostro Governo - aggiunge Introna - il problema non è solo riportarli a casa, ma riportarli a casa con onore”. Il presidente si riferisce all’intervista nella quale il ministro della Difesa Mario Mauro si è detto assolutamente convinto dell’innocenza dei due connazionali, contestando tempi e modi dello sviluppo giudiziario della vicenda, tali da essere ormai diventati un caso.

marò 500 (2)
 

Il nuovo pronunciamento del Consiglio regionale della Puglia esprimerà solidarietà ai familiari e vicinanza al tarantino Massimiliano Latorre e al barese Salvatore Girone, da due anni soggetti alla giustizia in India, prima nello Stato del Kerala ed ora davanti alla Corte Suprema federale, senza nessuna imputazione formale e con il rischio, ventilato da fonti semiufficiali, d’essere sottoposti ad accuse che prevedono la pena capitale.

“Anche solo parlare di pena di morte è aberrante per uno Stato moderno – protesta il presidente Intona – com’è inaccettabile che i nostri marò possano essere accusati di atti di pirateria e terrorismo. Dispiace che i vertici di un Paese di antica e nobile civiltà come l’India, sotto la pressione dell’opinione pubblica locale colpevolista si stiano distinguendo in una serie di rinvii senza fine, trascurando il principio della presunzione di innocenza”.

Da questa vicenda, conclude Introna, “giustizia e verità rischiano di uscire a brandelli e sono già a pezzi la dignità umana e il diritto ad un processo equo”. L’odg del Consiglio pugliese chiederà al Governo italiano di far pervenire una nota ufficiale al primo ministro Manmohan Sing, motivando la mancata partecipazione alle celebrazioni della Giornata nazionale indiana con la volontà di manifestare l’indignazione e la sofferenza degli italiani, per un intrigo internazionale interminabile.

Tags:
maròindiaintronaletta
Loading...
i blog di affari
Casaleggio e i 5Stelle: quel sospetto sulle ricandidature
Premio Golia 2021: straordinaria partecipazione
Laurea bruciando i tempi? Prima bisogna risvegliare la passione per la cultura
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.