A- A+
PugliaItalia
La Passionata sapori di transumanza

di Antonio V. Gelormini

Quella classica presenta i colori "vinaccia" del Nero di Troia e quelli violacei dei riti della Passione, che in quel crocevia della Storia - all'ombra di una delle Cattedrali più belle di Puglia e del suo magnifico Rosone dai ricami calcarei arabescati - sono diventati testimonianza suggestiva di sentimenti devozionali di forte tradizione.

La Passionata, frutto dell'amore creativo di Lucia Casoli e Nicola Mecca, è la risposta dauna alla più famosa e conosciuta "cassata siciliana".

Più leggera, delicata, elegante e raffinata, è un prodotto di alta pasticceria derivato dall'amalgama di tre tipi di ricotta, pecora, bufala e mucca, su biscuit mediterraneo, con ricopertura di marzapane di mandorle di Toritto, aromatizzato nelle diverse declinazioni di proposta (Nero di Troia, caffè, pistacchio, Strega...).


 

Un condensato d'identità rurale esaltato dall'impalpabile leggerezza delle sue ricotte. Uno scrigno senza tempo, per racchiudere tutto il patrimonio immateriale delle antiche contaminazioni da "transumanza", che se un tempo si irradiavano lungo il dedalo di tratturi reali e la rete meridiana delle strade del latte, oggi si diramano attraverso i sensori gustativi di appassionati, estimatori e degustatori ai ritmi moderni della fibra ottica.

Passionata1
 

Un prodotto dei nostri giorni, la cui tipicità è nelle tradizioni più autoctone in esso racchiuse. Una piacevole tentazione per palati fini, capace di sollevare lo spirito e di appagare le aspettative esigenti, suscitate dai primi approcci visivi e dall'arcobaleno di versioni presentate in vetrina.

IMG 6289
 

Una testimonianza della pluralità congenita e trasversale delle peculiarità territoriali che rappresenta, che affiorano al palato sin dal primo assaggio: dai profumi d'Abruzzo e Molise agli aromi classici della Campania, attraverso gli umori dolci e asprigni di una Puglia selvaggia e accattivante in tutte le sue sfaccettature: dal Gargano al Tavoliere, scendendo verso la Murgia ed arrivando fino alla penisola salentina.

Perchè l'ambizione di questo odierno "Dolce degli Dei" è quello di cantare e decantare la Puglia ai palati attenti del mondo intero, trasformando l'atavico lamento delle diomedee in sinfonia di sensazioni, capaci di stimolare gli animi sensibili e far volare il desiderio di scoprire i tesori di Puglia più nascosti.

(gelormini@affaritaliani.it)

 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
troiapassionatapasticceriacasoliepiscopiuscattedralerosone
i blog di affari
Super Green Pass al via: un ricatto, una forma di apartheid
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.