A- A+
PugliaItalia
Emiliano imu

Il sindaco di Bari Michele Emiliano esprime la sua personale solidarietà e quella dell’intera città di Bari al Procuratore della Repubblica, Antonio Laudati, nel mirino dei clan mafiosi per la sua attività di contrasto alla criminalità organizzata.

“Plaudo alla decisione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica che ha consentito di rafforzare le misure di sicurezza a garanzia dell’incolumità del procuratore Laudati. Nessun servitore dello Stato deve sentirsi solo, e questo vale a maggior ragione per chi ha conseguito risultati importati nella lotta alla criminalità organizzata, colpendo il cuore delle attività economiche delle mafie pugliesi. Ad Antonio Laudati sento di esprimere la vicinanza di tutti i baresi che credono nella giustizia e nello Stato”.

 

Laudati2

Secondo il racconto di un pentito, sarabbero in atto contatti tra la mafia foggiana e quella barese, dopo i numerosi copli messi segno sui beni confiscati a seguito di accertate attività criminose, per colpire il procuratore capo di Bari.

Tags:
emilianoantimafiastrisciuogliolibergolislaudatibari
i blog di affari
Separazione, padre assente da 20 anni: così i figli possono chiedere i danni
di Avv. Violante Di Falco *
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.