A- A+
PugliaItalia
Modugno le vittime salgono a 9 La città si stringe alle famiglie

Anche Miche Bruscella, 43 anni, tra i titolari della ditta di fuochi pirotecnici al centro del tragico scoppio di venerdì scorso a Modugno (Ba), ora è nell'elenco delle vittime, che salgono complessivamente a 9. E' morto nel reparto di Rianimazione del Perrino, a Brindisi,  Due i feriti: restano gravi le condizioni di Vincenzo Bruscella, socio e zio di Michele, ricoverato nel reparto grandi ustionati dell’ospedale di Napoli. Altre due persone sono ferite, ma non in maniera grave. La famiglia Bruscella nella deflagrazione aveva già perso un altro componente, Vincenzo Armenise, cognato di Michele.

Modugno scoppio2
 

Sgomenta la città di Modugno, per l’ulteriore aggravarsi del bilancio del disastro nell’azienda di pirotecnica ‘Bruscella Fireworks’. Nel corso del primo giorno di lutto cittadino proclamato dal Sindaco, Nicola Magrone, sale a nove il numero delle vittime della esplosione dello stabilimento. E il sindaco, impegnato tra l’altro nel contatto con soccorritori e inquirenti e nel raccordare le attività di sostegno ai famigliari colpiti dalla tragedia, promuove un’iniziativa per favorire la commossa domanda di partecipazione della comunità di Modugno al dolore per le vittime.

“L’amministrazione comunale – dice Magrone – ha la volontà di accogliere istanze e suggerimenti provenienti dal mondo del volontariato, da pezzi della società e da semplici cittadini. Per questa ragione sta programmando, e coordinerà, una grande manifestazione pubblica di solidarietà che avrà luogo quando si saranno definite le dimensioni di questo tragico evento e si sarà stabilita la data delle esequie. Pensiamo a una marcia silenziosa, una fiaccolata, che abbia la sua conclusione sul luogo del disastro”.

Emiliano Modugno
 

Intanto, la commozione e il turbamento sono davvero tangibili in città. Si moltiplicano i ceri votivi apparsi già dalla giornata di ieri sulle soglie di tante abitazioni e di numerosi esercizi commerciali, sotto semplici volantini affissi sui muri, listati a lutto e con la scritta ‘Vi siamo vicini, famigliari e dipendenti ditta Bruscella’. Bruscella è azienda storica e solida, che sembra sia stata controllata con frequenza, perché produceva fuochi di artificio per festeggiamenti in tutt’Italia e fornita, a quanto sembra per ora, delle autorizzazioni necessarie.

"Quella di Modugno è probabilmente una delle più grandi tragedie accadute in questo settore produttivo così importante per la nostra identità culturale", ha detto il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. "Un dolore fortissimo quello di dover accettare che persone straordinarie, che hanno donato negli anni tanta bellezza e tanta felicità a chi ha potuto ammirare la loro opera, oggi abbiano perso la vita vittime del loro pericoloso lavoro. I feriti e i familiari delle vittime sentano l'affetto di tutta la Regione Puglia che si stringe attorno a loro in questo momento di dolore".

(gelormini@affaritaliani.it)

---------------------------

Pubblicato sul tema: Modugno, il sindaco Magrone proclama il lutto cittadino

Iscriviti alla newsletter
Tags:
modugnovittimecittàfamigliesolidarietàmagroneemiliano
i blog di affari
LIBRI/ Il Grand Tour di Stefano Veraldi, dermatologo vagabondo
Di Ernesto Vergani
Vaccini obbligatori ai bambini, che cosa fare quando l'ex coniuge si oppone
di Avv. Maria Grazia Persico*
Green Pass, uno strumento di discriminazione e di controllo biopolitico
L'OPINIONE di Diego Fusaro
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.