A- A+
PugliaItalia
Nextlaw idee sull'energia a confronto. Decarbonizzare costa? Sì, ma non troppo

Nextlaw Avvocati di Bari fa centro. Coglie a volo i temi del momento e si proietta sul palcoscenico del dibattito energetico, con un'iniziativa qualificata e articolata, che riscontra il plauso di addetti ai lavori, imprese, tecnici e opinionisti del settore. Confermando lo studio legale di diritto amministrativo con sedi a Bari e Lecce, nella posizione leader di affiancamento alle imprese nella gestione degli affari legali e delle relazioni istituzionali.

Opportunità e gestione del contenzioso, ma anche e soprattutto risvolti innovativi della gestione produttiva dell'energia da fonti rinnovabili, a Bari spingono lo studio Nextlaw Avvocati a promuovere ‘NextEnergia’, un'occasione di confronto-forum sul settore energetico. La nuova frontiera che vorrebbe veder calare i consumi energetici e diminuire le emissioni di CO2, laddove ormai Il 41% di energia prodotta in Italia proviene da fonti rinnovabili: eolico e solare in crescita.

IMG 3956
 
I dati raccolti registrano che nei primi nove mesi del 2016 calano in Italia, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, i consumi energetici (-2%) e diminuiscono le emissioni di CO2 (-3%). L’energia elettrica viene fornita per il 41% da fonti rinnovabili, con un record di solare ed eolico (14%). Lo conferma anche un’analisi condotta dall’ENEA, l’agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile. 
 
Questi e altri dati sono emersi nel corso del convegno ‘NextEnergia’ come si diceva promosso da Nextlaw Avvocati. Uno stimolo ad azioni innovative e un confronto, organizzato con i patrocini di Regione Puglia, ANCI, Confindustria e Alleanza delle Cooperative italiane, tra istituzioni, mondo della ricerca e sistema imprenditoriale sul futuro dell’energia in Puglia, tra fonti rinnovabili ed efficienza energetica.  
 
Testa Federico
 
Tra gli ospiti dell’incontro il presidente di ENEA, Federico Testa, chiamato a dare un significativo contributo di riflessioni sul tema contingente della decarbonizzazione, in questi giorni a tutto tondo sotto i riflettori di Puglia e non solo: "Così come si è innescato un percorso virtuoso - ha detto Testa - volto alla graduale sostituzione di energia prodotta da risorse fossili con quella derivante da fonti rinnovabili, così è naturalmente possibile, dal punto di vista tecnico, intervenire su impianti industriali riducendone le emissioni. Ovviamente spetta alla politica fare queste scelte e anche decidere, se e come, allocare i maggiori costi derivanti da queste scelte".
 
"In Puglia - ha spiegato il presidente dell’ENEA - ci sono spazi enormi per l’efficientamento energetico degli edifici, sia pubblici, come uffici, scuole e ospedali, che privati. Nel Nord Italia abbiamo stimato risparmi tra il 50% e il 60% in bolletta energetica; ad esempio, un intervento di 600.000 euro per realizzare cappotto isolante, infissi e caldaie in un condominio di 40 appartamenti consentirebbe risparmi annui in bolletta di circa 900 euro, pari alla metà della spesa media di una famiglia italiana che, in poco più di 6 anni, recupererebbe la spesa ritrovandosi un immobile rivalutato. E’ questo il momento di intervenire sugli immobili per adeguarli contemporaneamente sia dal punto di vista energetico che anti-sismico considerata la presenza in Legge di Bilancio anche del sisma-bonus".
 

Ma è proprio sulla decarbonizzazione che il presidente Testa ha raffreddato entusiasmi e spinte operative:"La riconversione a gas dell’Ilva di Taranto si può fare, ma ci sono due elementi da considerare con attenzione: i costi, che solo per la gestione salirebbero di un centinaio di milioni, e la procedura di gara per la cessione dell’azienda che si avvia ormai alla fase finale".

ilva2
 

"L’Ilva è in fase di vendita - ha avvertito Testa - stanno per essere presentate le offerte vincolanti da parte degli investitori interessati, e introdurre adesso elementi nuovi in un percorso già delineato significa correre il rischio di inchiodare tutto per chissà quanto tempo".

"L’Enea - ha ricordato il presedente - quando il tema della decarbonizzazione dell’Ilva è diventato più evidente, ha anche incaricato i suoi tecnologici per un approfondimento specifico (la Regione Puglia, in proposito, ha compiuto anche uno studio che prevede una totale riconversione a gas del siderurgico con due impianti da 2,5 milioni di tonnellate ciascuno, 1,2 miliardi di investimento, e 18 mesi di lavori). L’Enea, in sostanza, voleva capire se l’idea stava tecnicamente in piedi o meno".

"Il responso dei tecnici è stato favorevole, ma è venuto fuori che i costi di gestione, stimati quando il prezzo del petrolio era di 40 dollari al barile mentre oggi è risalito, crescevano in modo significativo: appunto di qualche centinaio di milioni di euro. Senza poi trascurare altri due elementi: che la riconversione a gas spinge a dover fermare per un periodo non breve l’acciaieria - e questo costituisce un altro elemento di costo - e che oggi ci sono tecnologie che, pur non utilizzando il gas, permettono comunque di ridurre l’impatto inquinante e migliorare la sostenibilità ambientale della produzione dell’acciaio".

Testa federico enea3
 

"Nel caso della decarbonizzazione dell’Ilva - ha riassunto quindi Federico Testa - bisogna analizzare tre aspetti. Ci sono una realizzabilità tecnica, una ambientale e una economica. Dal punto di vista della sostenibilità ambientale nessun dubbio: si può usare una fonte meno inquinante e questo è sempre auspicabile. Tecnicamente, inoltre, si può produrre l’acciaio non usando il carbone. C’è poi il terzo fattore, quello economico: allo stato attuale delle tecnologie, produrre acciaio senza usare il carbone ma utilizzando altre materie prime costa molto".

"Il tema - ha concluso Testa - deve allora essere preso in carico dalla politica per capire se le centinaia di milioni di euro che servirebbero per quest’operazione devono essere allocate in questo progetto o utilizzate per altro. Un ulteriore elemento da valutare è quello dei tempi necessari per la riconversione, che potrebbero essere molto lunghi. Anche in questo caso è la politica che deve fare una valutazione nel merito dopo aver analizzato tutti gli aspetti necessari per prendere una decisione così importante".

ilva 5
 

Posizione che sarà in qualche modo smentita daL senatore Massimo Mucchetti, presidente della Commissione Industria del Senato - durante una visita all'Ilva di qualche giorno dopo -  esprimendosi sul “prezzo del gas”, che un tempo rendeva economicamente non fattibile la decarbonizzazione mentre oggi, essendo "più abbordabile", non rappresenta più un limite per l’operazione.

Tesi possibilista, che ridà vigore al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, e recupera un precedente suggerimento dello stesso Mucchetti che segnalava come "Necessario e fattibile il coinvolgimento dell'ENI, per poter spuntare prezzi del gas ancora più bassi, in funzione della grossa partita di gas richiesto, se solo la politica volesse davvero spendersi per tale ambizioso e apprezzabile obiettivo".

Testa next energia
 

I diversi tavoli di confronto dell'appuntamento organizzazto a Villa Romanazzi Carducci si sono succeduti lungo il filo conduttore del futuro delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, vedendo protagonisti, tra gli altri - oltre al presidente dell'ENEA -  il sindaco della città metropolitana di Bari e presidente ANCI, Antonio Decaro, il professore di Sistemi Energetici del Politecnico di Bari, Riccardo Amirante, l’amministratore delegato di A2A Energie Future, Giuseppe Monteforte, l’Executive Vice President di ENI e Direttore della Direzione Energy Solutions, Luca Cosentino, l’Innovative Business Opportunity Manager di Enel Green Power Spa Alessio De Marzo, il presidente dell’Azienda Municipale Gas, Ugo Patroni Griffi, il presidente di ANCE Bari e BAT, Beppe Fragasso, l’amministratore delegato di GSF Global Solar Fund, Giuseppe Tammaro e il Responsabile Facility di Ariete Francesco Nardone, gli assessori della Regione Puglia allo Sviluppo economico Loredana Capone e alla Pianificazione territoriale Annamaria Curcuruto. 

Oltre ai direttori di dipartimento Domenico Laforgia e Barbara Valenzano, che - insieme ai rappresentanti delle principali associazioni imprenditoriali del territorio - hanno garantito un contributo prezioso e qualificato ai lavori, durante i quali sono stati illustrati innovativi progetti energetici ecosostenibili. Mentre altro contributo alla riduzione dei consumi è giunto anche dall'illustrazione delle politiche finalizzate a incentivare l’efficienza energetica degli edifici; confermati, con il via libera alla Legge di Bilancio 2017, ecobonus e detrazioni per le singole unità immobiliari e il nuovo piano di riqualificazione dei condomini, che potrebbe interessare 12 milioni di immobili.

capone loredana800
 
"Che cos'è la Puglia oggi sotto il profilo dell'energia?", ha chiesto nel suo intervento l'Assessore regionale allo Sviluppo economico, Loredana Capone, "È la prima regione in Italia per esportazione di energia elettrica e la seconda per produzione. Ciò ha consentito di soddisfare la metà dei consumi energetici dei pugliesi con le fonti rinnovabili. E ha permesso di ridurre enormemente l'utilizzo del carbone".
 
IMG 3957
 
"La produzione pugliese - ha proseguito  - è pari al 28% dell’intera produzione eolica italiana, al 16% di quella fotovoltaica e al 9% di quella bioenergetica. Ma la strategia regionale non si ferma qui. Dopo aver cercato di frenare la corsa agli incentivi nazionali, per tutelare il territorio la Regione oggi sta pensando all'efficientamento energetico degli edifici (pubblici: 204 milioni le risorse stanziate, e privati: 40 milioni); al catasto energetico (di recente approvazione la nuova legge) e al revamping/repowering. Dobbiamo fare i conti, infatti, con l'obsolescenza di parte degli impianti realizzati nel territorio: i risultati dell'analisi sulla vetustà degli impianti evidenziano che nel 2020 gli aerogeneratori con un età superiore o pari a 15 anni saranno 476. Occorrerà, pertanto, operare scelte in merito che dovranno contemperare le esigenze dello sviluppo economico con la tutela del paesaggio e tutto ciò non potrà che avvenire con uno specifico provvedimento legislativo". 
Beppe Fragasso
 

 

"Per questa ragione - ha concluso l'Assessore Capone - convocheremo al più presto, nel prossimo mese, un tavolo alla presenza dell'assessorato all'Ambiente e del Paesaggio, oltre che dello Sviluppo economico, per condividere il percorso normativo".

A tal proposito, il presidente di ANCE Bari e BAT Beppe Fragasso, intervenuto in uno dei tavoli di ‘NextEnergia’ ha dichiarato: "L’efficienza energetica unitamente agli interventi di miglioramento della sicurezza strutturale degli edifici svolgono un ruolo chiave per il raggiungimento degli obiettivi ambientali e di messa in sicurezza del Paese. Le politiche finalizzate a incentivare tali interventi, avviate in questi anni e previste nella Legge di Bilancio 2017, rappresentano un’importante opportunità anche per il settore dell’edilizia. Ci aspettiamo pertanto che vengano messi in atto programmi e politiche per un rapido avvio degli interventi congiunti di efficientamento energetico  e sicurezza strutturale".

"Con questo convegno - ha sottolineato con soddisfazione per il successo di partecipazione e di qualità degli interventi l’avvocato Luca Clarizio di Nextlaw Avvocati - abbiamo voluto fare il punto sul settore delle energie rinnovabili, ormai strategico per l’economia della Puglia, leader a livello nazionale nella produzione di energia fotovoltaica ed eolica".
 
"Decarbonizzazione, efficientamento energetico del patrimonio immobiliare e revamping dei parchi eolici e fotovoltaici più vetusti per aumentarne l’efficienza produttiva - ha specificato Clarizio - rappresentano step di buon senso nell’ambito di un’efficace politica energetica regionale per i prossimi anni".
 
Luca Clarizio def
 
----------------------------------------
 
Nextlaw - Studio legale di diritto amministrativo di Bari con sede anche a Lecce, che si occupa di ‘Ambiente ed energia’, ‘Contratti e servizi pubblici’, ‘Salute’, ‘Reti, territorio e infrastrutture’. Managing partner è Luca Clarizio, impegnato ad accompagnare le imprese nella gestione degli affari legali e delle relazioni istituzionali. Nelle sedi di Nextlaw sono presenti gli altri tre partner dello studio, Marco Lancieri, Anna Del Giudice, Francesco Cantobelli, e diversi altri avvocati.

(gelormini@affaritaliani.it)

------------------------------------

Pubbliucato sul tema: Ilva senza carbone, Mucchetti (Sen.) smentisce Testa (Enea) su costi eccessivi

                                Decarbonizzazione: è trend A favore anche Deutsche Bank

 

Tags:
nextlaw bari studio legale luca clarizio energianextenergy decarbonizzazione confronto idee domenico laforgia giuseppe galasso ance
Loading...
i blog di affari
Riminaldi incontra il Guercino e i giganti del Barocco
Gian Maria Mairo
PROGETTI PER CARCERI, GIUSTIZIA, VOLONTARIATO, CINEMA, DONATORI SANGUE
Boschiero Cinzia
Aggio esattoriale da abolire: denuncia di PIN
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.