A- A+
PugliaItalia
No-Triv, la lettera aperta di Introna a Renzi

Il presidente dell’Associazione Socialistideuropa, Onofrio Introna, ha rivolto al presidente del Consiglio dei ministri Matteo Renzi la seguente lettera aperta:

SIGNOR PRESIDENTE,

 

                                   nella sua precedente visita in Puglia, in occasione dell’inaugurazione della Fiera del Levante 2014, Le sottoposi nella mia veste istituzionale di presidente del Consiglio regionale il problema della ricerca ed estrazione di idrocarburi liquidi nei mari italiani e in quelli pugliesi, in particolare.

Introna Emil
 

 

Nell’occasione, Le chiedevo a nome della Puglia di riflettere sul rapporto costi-benefici della ricerca ostinata di una risorsa energetica di qualità scadente e quantità limitata, invitandoLa ad intraprendere la strada del dialogo col territorio, per definire scelte condivise e consapevoli.

 

È trascorso un anno, segnato dal Decreto Sblocca Italia e dai suoi contenuti, orientati verso il SI’    all’opzione petrolio, ma non si è esaurita intanto l’incessante e sempre pacifica opposizione istituzionale e popolare alle trivellazioni off shore.

 

Lo scenario si sta ora arricchendo con le prese di posizione delle Regioni adriatiche e ioniche, pronte ad adottare proposte di referendum abrogativo delle norme dei Decreti “Sviluppo” e “Sblocca Italia” favorevoli alla prospezione e coltivazione di gas e petrolio nei fondali marini.

 

Come sa, la Conferenza dei Presidenti dei Parlamenti regionali ha più volte richiesto unitariamente ai Governi nazionali di sospendere procedimenti e iniziative in materia.

 

Renzi FdL2014
 

Tra il 2011 e il 2013, cinque Consigli regionali (Abruzzo, Marche, Molise, Puglia e Veneto) hanno approvato proposte di legge di iniziativa regionale alle Camere, per vietare la prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi in mare.

 

Le Regioni chiedevano - e Le Chiedono tuttora - di condividere coi territori una strategia energetica sostenibile, definendo puntualmente e, aggiungerei, finalmente, un piano energetico nazionale, che oggi risulta il grande assente nella programmazione del Paese, per essere in condizione di raffrontarlo alle fonti di produzione disponibili.

 

Per questo, aggiungendo alle prese di posizione di Governatori e Consigli regionali l’ampio e preoccupato sentire dell’opinione pubblica, espresso in ogni occasione da comunità, associazioni e cittadini, Le rinnovo da cittadino che insieme a tanti vuole difendere la “bellezza” dell’Adriatico  e della nostra Terra, l’invito a voler stabilire nelle forme che riterrà più opportune un tavolo con le Regioni, gli enti locali e i movimenti civili. Servirà a produrre scelte che rispettino le vocazioni dei territori, i fattori economici spesso già fiorenti – come il turismo, la balneazione e la pesca -  i punti di forza e di sviluppo locale, che verrebbero inesorabilmente compromessi da una scelta improvvida, qual è certamente quella di sconvolgere l’ecosistema dei nostri mari.

 

                                                                                                      Onofrio Introna

Tags:
intronarenziletterano-trivfdl
i blog di affari
Lions Club Lecce ringrazia azienda di Bergamo
Cartelle esattoriali: quali anni d’imposta può chiedere il Fisco?
Dalla pandemia alla Nato, il doppiopesimo egocentrico della Svezia
Di Massimo Puricelli*
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.