A- A+
PugliaItalia
Orsara di Puglia, Subappennino generativo: in arrivo architetti da tutt'Italia

Progettare il futuro e farlo a partire dall’evento generativo per eccellenza, il matrimonio, nell’area che è simbolo e metafora della necessità di trovare una nuova centralità da cui far ripartire l’intero paese: l’Appennino.

Villa Jamele   Orsara la sede del simposio

Sono queste le coordinate di senso de “La casa degli sposi”, simposio nazionale sull’architettura che si terrà a Orsara di Puglia, dal 17 al 20 settembre 2020, con professionisti e studi professionali provenienti da tutta Italia, per una iniziativa la cui rilevanza è testimoniata dal patrocinio e dalla partecipazione del Consiglio Nazionale degli Architetti.

L’iniziativa, inoltre, è patrocinata da Comune di Orsara di Puglia, Federazione Regionale degli Ordini degli Architetti della Puglia e Ordine degli Architetti della provincia di Foggia. A Orsara di Puglia, dal 17 al 20 settembre 2020, le tenute dello chef Peppe Zullo ospiteranno “La casa degli sposi”, quattro giorni di laboratori, conferenze, tavole rotonde e illustrazione di progetti ideati e realizzati sul tema del matrimonio.

Peppe Zullo e Lino Banfi nell'orto della Tenuta di Villa Jamele

L’iniziativa, la cui partecipazione da parte degli architetti dà diritto al riconoscimento di 20 Crediti Formativi Professionali da parte dell’Ordine degli Architetti di Foggia, è organizzata dall’associazione culturale Atelier Appennini (info e iscrizioni: www.atelierappennini.it). Nelle tenute di Villa Jamele e Nuova Sala Paradiso, si confronteranno architetti di fama internazionale invitati a coordinare i laboratori. Al termine delle quattro giornate, dovranno progettare un’architettura che sintetizza un evento a cui molti giovani, ma non solo, affidano aspettative fondamentali.

LA CENTRALITA’ DELL’APPENNINO - Atelier Appennini è un’Associazione culturale che rimette al centro del dibattito il futuro del nostro territorio e auspica una transumanza di ritorno dalle periferie degradate delle grandi città agli Appennini. Nata da un’idea di Pino Pasquali, viene fondata insieme a Valeria Penna e Sandra Maria Galbo nel 2014. Grazie al contributo culturale di Giorgio Muratore e alla collaborazione fondamentale di giovani sparsi su tutto il territorio, Atelier Appennini si è resa promotrice di numerose attività come conferenze, presentazioni, laboratori e partecipazioni a concorsi sul tema del territorio appenninico.

Orsara Villa Jamele 2

Dal 2014, come una “compagnia di giro”, si muove su e giù per i borghi degli Appennini, organizzando ogni anno workshop di progettazione con il coinvolgimento di giovani professionisti del settore (architetti, fotografi, designer, curatori, ecc..), cercando di diffondere l’idea secondo la quale è da questi luoghi che si deve ripartire per innescare una nuova economia. Ed è da questi territori, in parte abbandonati, che è possibile un nuovo “Rinascimento” non solo economico ma anche culturale e sociale.

L’IMPEGNO SULLE AREE INTERNE - Proprio sulle aree interne, l’Ordine degli Architetti della provincia di Foggia è particolarmente attivo in questi anni e negli ultimi mesi con una lunga serie di iniziative e, non da ultimo, con il dibattito avviato sul ruolo del capoluogo e la messa a sistema delle potenzialità espresse dell’entroterra di Capitanata.

Nicola Tramonte

“Con 61 comuni, 29 dei quali posti nel suo entroterra appenninico, Foggia è una delle provincie italiane dal più alto potenziale di sviluppo ‘total-green’ e totalmente innovativo. Non ci mancano lo spazio e le risorse ambientali, ma né l’uno né le altre sono stati finora trasformati in sviluppo sostenibile ed economia in cammino verso il futuro”, ha dichiarato Nicola Tramonte, presidente dell’Ordine degli Architetti della Provincia di Foggia.

Al “simposio” parteciperanno firme dell’architettura come Alessandra Accardi, Nicola Di Battista, lo studio Microscape, Pino Pasquali, Efisio Pitzalis, Beniamino Servino, Laura Thermes. Gli architetti provenienti da tutta Italia potranno farsi ispirare dalle architetture delle tenute di Peppe Zullo, strutture alle quali l’UNESCO ha riconosciuto il premio “Fabbrica del Paesaggio”.

Si tratta di luoghi dove natura, architettura e ‘destinazione’ degli spazi rappresentano un habitat destinato ad accogliere, celebrare, dare significato e rilevanza a un momento, il matrimonio, che continua a rappresentare una tappa fondamentale per una coppia di persone che intendono costruire un “noi” partendo da un patto d’amore e da un reciproco impegno verso l’altro.

(gelormini@gmail.com)

Loading...
Commenti
    Tags:
    orsara di pugliasubappennino generativo architetti italianicola tramontepeppe zullopuglia ordine
    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    i blog di affari
    Marini debutta a Farsetti e presenta l'opera simbolo della Biennale
    Milo Goj
    Il crepuscolo della ragione. Davvero lo è? Ne parlo con il sociologo Giovanni Cozzolino
    Di Antonella Gramigna
    1-2 ottobre appuntamento con l’AIM Investor Day di IR Top Consulting
    Paolo Brambilla - Trendiest
    i più visti

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.