A- A+
PugliaItalia
Prima le Tremiti ora Polignano Introna: "Ferma le trivelle, Renzi!"

Quale disegno occulto o malcelato si nasconde dietro la scientifica scelta delle destinazioni più attraenti di Puglia, per chiedere di installarvi piattaforme petrolifere, approdi di gasdotti, trivelle di sondaggi e ricerche "dell'oro nero" anche in modeste quantità?

Dopo le Isole Tremiti e le coste salentine di San Foca è la volta di un'altra vittima eccellente. E questa volta il bersaglio è ancora più grosso: Polignano a Mare. Tutto e sempre con il beneplacito del Governo nazionale, a prescindere dal colore politico della guida di turno e dei Ministri preposti al settore.

Polignano a Mare
 

Per le trivelle, in particolare, come già ipotizzato a proposito dell'eolico selvaggio, il dubbio che dietro il primo schermo ce ne siano altri molto meno decorosi e molto più pericolosi, come lo sversamento e l'interramento di rifiuti di ogni genere - più o meno tossici, cancerogeni e micidiali - è sempre più pressante, nonchè sempre più ricco di riscontri. Purtroppo tardivi, maledettamente tardivi!

“Il sì del Ministero dell'Ambiente alle trivelle tra Mola e Fasano: una clamorosa autorete del Governo”: non esita a segnalarlo allo stesso Primo Ministro Renzi, il presidente del Consiglio regionale della Puglia, Onofrio Introna, in una nota urgente a Palazzo Chigi.

La compatibilità ambientale concessa a tre richieste della Northern Petroleum, per ricerche di idrocarburi nei fondali, continua a destare preoccupazione, alla quale si aggiunge: “la sorpresa, per una decisione autolesionistica”, precisa Introna.

introna calre
 

Non solo si consente l’uso di una tecnica invasiva e pressochè fuorilegge come l’airgun, fa notare Introna, ma si rischia di svendere un’ampia area marina di grande pregio paesaggistico e turistico. “Tra le località minacciate c’è Polignano a Mare, una delle perle dell’Adriatico, Bandiera Blu, premiata solo cinque giorni fa con 5 Vele da Legambiente ed entrata nella hit internazionale delle spiagge più belle".

“È controproducente ed autolesionistico che mentre i mari pugliesi conquistano le borse turistiche mondiali", scrive il presidente Introna a Renzi, "il Governo nazionale consenta di sfregiare una delle bellezze italiane: autorizzare le prospezioni sismiche ha tutto per trasformarsi in un clamoroso autogol”. E con l'occasione sollecita una disciplina specifica, che tenga conto "della minaccia al nostro mare e alla filiera economica tradizionale, tra turismo, pesca e nautica. Le autorità locali hanno inoltre diritto ad essere coinvolte in una valutazione attenta del rapporto costi-benefici di progetti così impattanti".

renzi vota video
 

“Appoggio incondizionatamente la protesta dell’Amministrazione polignanese – dichiara il presidente del Consiglio regionale - contro iniziative che mettono a repentaglio un ambiente unico, fonte di reddito per l'economia locale e fiore all'occhiello del turismo regionale”.

trivelleadriatico
 

"Il Governo non può svendere, senza rimorso, una delle industrie più ecosostenibili, fiorenti e suscettibili di sviluppo pulito come il turismo, che vede la Puglia imporsi sempre più sui mercati internazionali”, per questo Introna rinnova al premier la richiesta di un confronto con gli Enti Locali, “per valutare cosa sia opportuno e cosa contrasti invece con le vocazioni di un Paese che dovrebbe fare della sua ‘Bellezza’ una delle risorse più importanti”.

Facendosi ancora una volta portavoce delle preoccupazioni delle comunità pugliesi, delle Associazioni e del movimento contro le trivelle, il presidente Introna rivolge “un nuovo appello al dialogo, rimasto finora disatteso, ma le proteste dei cittadini non possono essere accantonate con fastidio, in democrazia questo non è possibile. Acconsenta, perciò – chiede a Renzi - all’ascolto delle voci istituzionali e delle piazze pugliesi, Premier Renzi. La nostra difesa dell’Adriatico e dello Ionio non è un capriccio. È una ragione di vita e può essere una risorsa di crescita e di sviluppo”.

(gelormini@affaritaliani.it)

Tags:
pugliatrivelleintronarenzimare
i blog di affari
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
M5s, lo strappo è a un passo. E ora può nascere il partito di Conte
Illegittimo il redditometro fuori dalla realtà
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.