A- A+
PugliaItalia
Stefàno ultimatum a Lorenzin 'Pronto a chiudere l'Ilva'

Il sindaco di Taranto, Ippazio Stefano, batte un colpo. Dopo una sorta di "evanescenza" dal palscenico alquanto movimentato sulle vicende più recenti relative all'Ilva, alla città di Taranto e ai dati inquietanti dei rapporti epidemiologici - illustrati dal presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - il primo cittadino entra in scena con un ultimatum al ministro Beatrice Lorenzin.

renzi ilva
 

"Non ci hanno ancora messo a disposizione questi dati, che appaiono molto gravi. Se il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, non risponde alla nostra lettera inviata nei giorni scorsi, in cui chiediamo se questi dati sono validati scientificamente e se ci sono pericoli attuali per la popolazione, abbiamo già pronta la bozza dell'ordinanza di chiusura dell'Ilva che sottoporremo al Prefetto".

L'impressione di un'azione concertata per provare a "stanare" il Governo su un tema così scottante - che si trasforma in un punto di forza per Michele Emiliano e il suo braccio di ferro con Matteo Renzi - è abbastanza forte. E le dichiarazioni del consigliere regionale Ernesto Abaterusso (PD), diffuse con una nota, supporterebbero l'ipotesi: "Con la decisione della Giunta di impugnare dinanzi alla Corte Costituzionale la legge numero 151/2016 il Governo regionale dà la giusta risposta a un territorio da anni penalizzato e che ha già pagato a carissimo prezzo gli errori del passato".

lorenzin 02
 

"Basta guardare l’ultima indagine resa pubblica, sugli effetti negativi che le sostanze tossiche emesse dall’Ilva provocano sulla salute degli abitanti residenti nei comuni vicini all'Ilva - prosegue la nota - per comprendere quanto sia grave la situazione: +24% di ricoveri per malattie respiratorie dei bambini residenti nel quartiere Tamburi, +26% per quelli che appartengono al quartiere Paolo VI. Un aumento in generale del 4% delle mortalità e, se si guarda più nel dettaglio, si registra un +5% delle mortalità per tumore ai polmoni e un +10% per infarto del miocardio dovuto alla continua esposizione alle polveri industriali. E se si analizzano i dati relativi agli effetti dell'esposizione all'anidride solforosa industriale la situazione peggiore: +9% di mortalità, +17% mortalità per tumore polmonare, +29% per infarto del miocardio".

abaterusso ernesto
 

"Alla luce di questa preoccupante fotografia - aggiunge Abaterusso - spiace constatare come, nonostante le tante sollecitazioni e nonostante i dati così allarmanti, il Governo, piuttosto che dare un segnale forte in termini di tutela della salute e del territorio e indicare la strada migliore da percorrere, mostri ancora una volta totale estraneità".

ilva notturno
 

"La città di Taranto e la Puglia non possono restare a guardare. Bene dunque hanno fatto il Presidente Emiliano e la Giunta a impugnare il X decreto salva-Ilva che contiene in sé profili di illegittimità, soprattutto con riguardo al ruolo marginale che viene riconosciuto alla Regione nei processi decisionali".

E poi conclude: "Ora, non spetta a noi dire se l'IVA deve chiudere o meno, ma una cosa è certa: con la salute dei cittadini non si può e non si deve scherzare così come non si può e non si deve scherzare con il livello occupazionale. Il nostro obiettivo deve dunque essere uno: far sì che il diritto al lavoro non diventi sinonimo di morte. Lavoriamo allora affinché si riesca a garantire un lavoro e la serenità di tante famiglie nel rispetto però della salute che è e deve restare sempre un bene fondamentale.

(gelormini@affaritaliani.it)

------------------------------

Pubblicato sul tema: Regione Puglia impugna la legge salva-Ilva alla Consulta

                               Taranto, la scelta coraggiosa. di A. Gelormini

                               Industrializzare il turismo (di A. Gelormini)

                               Taranto, Massafra e Statte Il triangolo dei tumori per l'Ilva

 

Tags:
ippazio stefàno taranto sindaco ilva decreto chiusuraippazio stafàno ilva mnistro beatrice lorenzin taranto
i blog di affari
Covid, per il siero benedetto denunciano i genitori. Così invocano la libertà
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Il Vaticano s'è svegliato. Ddl Zan figlio del nuovo ordine rifiuta i dissensi
L'OPINIONE di Diego Fusaro
La Meloni vola nei sondaggi ma si vota solo alle primarie del Pd
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.