A- A+
PugliaItalia
Statte (Ta), "Il Che" con J.M. Guevara e A. Vincent

Chi era il Che? Tra coloro che hanno fatto la storia del ‘900  costituisce una figura certamente tragica: quella di un rivoluzionario morto nelle mani di un potere autoritario, che stava combattendo con le armi in pugno. Un eroe, consapevole vittima del  proprio coraggio, una  leggenda, un mito a cui sono state dedicate canzoni, ballate una letteratura sterminate dei film e... tante magliette tanti tatuaggi portati da anonimi ragazzi o da personaggi famosi? Un uomo gioioso che amava la vita e la affrontava con ironia, legato alla famiglia, strambo e curioso, inquieto e coraggioso, fragile e forte insieme come lo ricorda Juan Martin Guevara suo fratello minore nel libro “Il Che mio fratello”.

Guevara3
 

 

La sala  della biblioteca in cui si svolge la presentazione del libro, si è fatta affollata di un pubblico variegato di tutte le età che ascolta in religioso silenzio questo anziano signore, che parla di se della sua famiglia, la cui storia sembra tratta da un racconto di Garzia Marquez un padre pieno di progetti avviati, interrotti, ripresi, piccoli traffici, una madre autorevole, colta e rigida ed insieme ribelle  e femminista ante litteram; dei figli studiosi e vivaci, dotati come  si suol dire di genio e sregolatezza, soprattutto il maggiore Ernesto, il futuro Che: - una nuvola che va viene e scompare - che come Aureliano de Buendia promuoverà decine di rivoluzioni, ma le sue  non saranno tutte perse.

 

Sullo sfondo il continente americano con i suoi drammi le profonde disuguaglianze sociali le estreme povertà e le grandi ricchezze, le città brulicanti di gente e le campagne che nella prima metà del novecento erano ancora immense distese nel nulla. Stati autoritari che con una serie infinita di pronunciamenti militari negavano ogni forma e possibilità di riscatto: nella Argentina segnata da 17 colpi di stato e da una stagione cruenta di repressioni, dai 30.000 desaparesidos, al Cile dove il Generale Pinochet abbattè il governo socialista di Salvador Allende e compì una delle più feroci repressioni della storia, dal Brasile dei generali “gorilas”che praticavano la tortura sui propri oppositori come documentato da studi e rapporti del tribunale Russell, a Panama del becero Noriega invischiato nel narco-traffico, al Salvador dove gli squadroni della morte giunsero ad assassinare in chiesa il vescovo Oscar Romero  al Nicaragua del regime di Somoza.

 

guevara statte
 

Tutta l’America latina era sotto un tallone di ferro. Talvolta le forze progressiste riuscivano a vincere, ma  in quel caso come una tagliola scattava una repressione violenta animata da forze interne ed esterne ai singoli paesi, dalle forze conservatrici di ciascuna nazione con il complice aiuto delle compagnie multinazionali e degli USA. A nessuno era data la possibilità di alzare la testa persino a Grenada piccola isola  di poche migliaia di abitanti - meno di S Marino - senza alcuna rilevanza economica  o strategica- quando si era insediato un governo di sinistra furono mandati i marines.

 

Per questo la necessità del cambiamento passava attraverso la strettoia dell’atto rivoluzionario, la violenza del potere non lasciava intravedere altra possibilità. La rivoluzione non poteva fermarsi nel Paese in cui aveva vinto perché inevitabilmente sarebbe stata repressa e strangolata dall’interno e dall’esterno, come successe a ad Allende, come è successo ai sandinisti che avevano liberato il Nicaragua dalla dittatura di Somoza. Cuba è stata assediata per decenni e Trump oggi ripropone l’embargo.Per questo Ernesto aveva lasciato il suo incarico nel governo cubano ed era andato in Bolivia. Per questo l’idea di rivoluzione non era una ipotesi folle e romantica, ma una idea politica, oggi sconfitta ma che per  molti anni fu credibile nell’America latina come nel Vietnam.

 

guevara statte3
 

 

 

Il potere si appropria dei corpi dei suoi avversari.  Voltaire nel “Trattato sulla tolleranza” descrive  lo strazio dei corpi di coloro che venivano condannati. Michel Foucault in “Sorvegliare e punire”compie alcune descrizioni che appaiono quasi una parafrasi dello scritto di Voltaire, il potere strazia i corpi per impadronirsi degli uomini. Il potere si impadronisce dei corpi anche da morti, le teste dei briganti venivano esposte al pubblico per monito. I crani dei briganti studiati da Lombroso per definire la minorità biologica dei ribelli, anche i corpi possono essere utili o ingombranti sin dalla antica Grecia. Il corpo di Polinice doveva rimanere insepolto violando tutte le norme della pietà a testimonanza della forza del potere dei sovrani di Tebe su chi si ribella, ed Antigone viene condannata per aver dato sepoltura alla salma del suo sfortunato fratello.

 

Guevara Vincent
 

Le autorità Boliviane tergiversano non vorrebbero consegnare il corpo del Che alla famiglia Roberto viene mandato in giro per la Bolivia senza risposata: poi il corpo riappare il CHE è lì sembra una quadro di Mantenga. Qui Juan Martin Guevara si contraddice, ha scritto un libro per riportare il Che alla sua dimensione umana, per liberarlo dal mito, percè non sia soltanto un’effige su una maglietta perché sa che solo così il suo vero messaggio politico e culturale potrà essere conservato, un uomo che ha lottato ed è morto per una idea una idea grande  di giustizia , ma una idea che chi vuole può abbracciare, una idea che ha segnato la sua vita che ha fatto più di otto anni nelle carceri della dittatura argentina, una idea che  si puà realizzare in varie forme, ma pur sempre un movimento reale dell’umanità.

 

Ma l’amore di fratello non riesce a trattenersi e sfuggire all’immagine del Cristo di Mantenga, morto in nome di una giustizia ultraterrena . alla fine se il Che è stato un uomo un semplice uomo intelligente, onesto e determinato è più facile per tutti definirsi guevaristi.

Tags:
juan martin guevaraarmelle vincentche guevarastatte tarantomario pennuzzilibro
Loading...
Loading...
Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

i blog di affari
Takeflight vola in Israele e apre agli investitori
Alessandro Massacesi
Amadeus dice che fa Sanremo per noi ma intanto si becca mezzo milione di euro
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Covid. FormaSicuro: tra salute, sicurezza e rispetto dei vincoli normativi
i più visti

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.