A- A+
PugliaItalia
Vasile

La veste istituzionale lo diverte e lo stimola, così come lo eccita percepire di poter essere utile a qualcuno o a un progetto. E’ determinato a lasciare il segno, Antonio Maria Vasile, imprenditore alberghiero, appena entrato in Giunta come Assessore al Marketing Territoriale e ai Rapporti Internazionali del Comune di Bari. Ma a disposizione ha solo 6-7 mesi, tanti quanti ne restano prima del ritorno alle urne, per il rinnovo del Consiglio Comunale e l’elezione del prossimo Sindaco di Bari.

Miche Emiliano lo ha nominato su segnalazione della Federalberghi (Confcommercio) – Bari e Bat, di cui Vasile è Vice presidente Vicario e questo ha subito accresciuto malumori e reazioni alla nomina, non solo dall’opposizione politica, ma anche - in apparenza - dalla Confindustria locale.

O meglio, dal presidente della sua Sezione Turismo Bari e Bat, Massimo Salomone, che tradendo forse malcelate ambizioni ha esternato commenti critici sulla nomina, anche se nelle specifiche dinamiche procedurali, piuttosto che nel merito delle doti e qualità della persona prescelta.

Non si spiega altrimenti l’immediata correzione di rotta della stessa Confindustria che, nell’isolare le esternazioni di Salomone, ne ha stigmatizzato il carattere strettamente soggettivo. Facendo emergere, suo malgrado, l’indice alquanto modesto di rappresentanza alberghiera nell’area, rispetto alle altre associazioni di categoria.

Bari

“Promuovere la città di Bari sui mercati internazionali, con la stessa incisività ed esigenza professionale profuse nella promozione della propria catena d’Hotel. Censire l’intero patrimonio materiale ed immateriale a disposizione, per accentuarne la consapevolezza comune e diffusa e valorizzarne al meglio utilizzo e potenzialità. Prepararsi per sfruttare fino in fondo il grande appuntamento di Expo 2015 che, nelle sue declinazioni territoriali e nel tema “Nutrire il pianeta”, offrirà una vetrina unica alle risorse della Puglia in genere e delle sue realtà locali, a partire dal capoluogo Bari, in particolare”. Sono queste le direttrici lungo le quali intende muoversi, per riuscire a tracciare il segno che il breve lasso di tempo gli consentirà.

Antonio Vasile si dice “uomo del fare”, l’esperienza alberghiera lo predispone ad una certa attitudine al “problem solving”, ma anche a una certa cura dell'immagine come biglietto da visita per qualsiasi tipo di promozione. Anche per questo, entrando il primo giorno in ufficio, dopo aver incrociato lo sgurado ammonitore e beneaugurante delle foto di Pinuccio Tatarella e Leonida Laforgia nella guardiola della portineria dell'immobile, si è chiesto: "Perchè fuori dal balcone dell'Assessorato non ci sono le bandiere istituzionali?"

(gelormini@affaritaliani.it)

Iscriviti alla newsletter
Tags:
vasileassessoremarketingbari
i blog di affari
Covid, Lancet smonta le tesi che stigmatizzano i non vaccinati
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Draghi-Schwab, vis a vis due protagonisti dell'ordine neoliberale filobancario
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Violenza donne, la maratona radiofonica che dà voce alla lotta agli abusi
L'opinione di Tiziana Rocca
i più visti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.