A- A+
Roma
Alemanno scende in piazza: una fiaccolata contro il degrado attorno Termini

Una fiaccolata per mettere in risalto il degrado che assale la stazione Termini. Scippi, rapina, sporcizia e pochi controlli: sono questi i motivi per cui il segretario e il vicesegretario di Indipendenza, Gianni Alemanno e Nicola Colosimo, scenderanno in piazza.

E lo fanno invitando tutti i cittadini a partecipare.

"Degrado e microciminalità"

“Degrado, micro-criminalità e violenza, questo è lo scenario che accompagna cittadini e turisti nella più importante porta di ingresso della città di Roma. La stazione Termini - e tutta l’area adiacente - è ormai una vera e propria zona franca abbandonata a se stessa e comandata da bande di immigrati, un luogo in cui le leggi dello Stato e gli interventi delle istituzioni comunali sono completamente ininfluenti ed assenti. Borseggi, molestie alle donne e spaccio di droga sono all’ordine del giorno e colpiscono indistintamente romani e stranieri in visita nella Città Eterna. È questa l’immagine di Roma che vogliamo trasmettere all’estero con il Giubileo alle porte? È in questo clima di tensione che vogliamo far vivere i cittadini capitolini?". Così hanno dichiarato il segretario Nazionale di Indipendenza, Gianni Alemanno, ed il vicesegretario Nicola Colosimo.

Tutti in piazza

"Come Movimento Indipendenza non possiamo permetterlo! Per questo motivo abbiamo organizzato una fiaccolata cittadina per la legalità e la sicurezza, sfidando degrado e paura ma anche accendendo un faro su una situazione ormai insostenibile e verso la quale il sindaco Gualtieri preferisce non solo voltare la testa dall’altra parte, ma ha addirittura proposto di installare una tendopoli a piazza dei Cinquecento, di fronte alla stazione. È evidente che per la sinistra progressista affrontare il problema o anche solo parlare del fallimento dell’integrazione degli immigrati in Italia è vietato e pericoloso", concludono.

 

Termini, la terra di nessuno: 10 arresti e 6 denunce per furti e rapine







Pnrr, la santa alleanza tra Intesa San Paolo e la romana Acea: vale 20 mld di euro

Pnrr, la santa alleanza tra Intesa San Paolo e la romana Acea: vale 20 mld di euro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.