A- A+
Roma

Irraggiungibile con i mezzi pubblici, tagliata fuori dai principali itinerari turistici e ora, soffocata dal cemento. La maestosa residenza dell’imperatore Adriano a due passi da Tivoli rischia perdere il bollino dell'Unesco, che quattordici anni fa l'aveva iscritta tra i beni patrimonio dell'umanità.

Lo sottolinea Sergio Rizzo sul Corriere della Sera annotando il drammatico crollo dei visitatori passati dai 154 mila del 1999 agli appena 100mila del 2013. La storia di Villa Adriana è quello di un Patrimonio turistico violato nel corso degli anni dove ora addirittura prevista la realizzazione di un complesso edilizio di 191 mila metri cubi progettato dall’architetto Paolo Portoghesi.

La vicenda della "lottizzazione Nathan" si intreccia con la gestione della Regione Lazio che avrebbe visto bene nei pressi di Villa Adriana anche la discarica dei rifiuti di Roma. A distanza di due anni il rischio che le Nazioni Unite possano prendere in esame una decisione così clamorosa, come spiega un rapporto in possesso del ministero dei Beni culturali, non sembra affatto scongiurato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
villa adrianaunescocemento



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
Covid, l'Italia? Laboratorio del capitalismo terapeutico su scala planetaria
L'OPINIONE di Diego Fusaro
Lo Sportivo Straniero in Italia: Importante Convegno
Mascherina all'aperto, simbolo dell'alienazione e uniforme dei sudditi
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.