A- A+
Roma
Coronavirus, infermiere positivo trova 78mila euro: “Li dono per il vaccino”

Coronavirus, infermiere del Policlinico Umberto I positivo al Covid-19 dopo una festa all'ospedale Sant'Andrea per una assunzione: senza sintomi ed in isolamento domiciliare, per noia rivoluziona casa e trova due buoni postali della mamma defunta da 5 milioni di lire ciascuno, pari oggi a 78 mila euro.

 

Luca Ferrari, infermiere di 34 anni, ad inizio marzo e prima del lockdown imposto dal Governo Conte, viene invitato da un amico specializzando all'ospedale Sant'Andrea per un rinfresco in cui si sarebbe festeggiata la sua assunzione come medico. Qui il dramma: al termine della festicciola, 8 tra medici ed operatori sanitari che ne avevano preso parti iniziano ad avere i sintomi del Coronavirus e risultano positivi al tampone. Tra questi c'è anche Luca.

Il giovane infermiere non ha gravi difficoltà respiratorie e la febbre e sempre rimasta bassa e così viene lasciato in isolamento domiciliare. “Avevo solo un po' di tosse e qualche linea di febbre, niente più – spiega ad Affaritaliani.it –. Ho preso degli antipiretici per tre giorni e poi è sparito tutto. Quando la Asl mi ha contattato per fare un nuovo tampone sono risultato negativo”.

Nel frattempo però Luca non poteva uscire di casa ed allora ha deciso di mettere un po' di ordine per casa. “Io sono una persone che ama stare in giro, sto sempre fuori casa. Preso dalla noia ho deciso coì di rivoluzionare casa e di mettere tutto ciò che era fuori posto in ordine – continua l'infermiere –. Rovistando tra delle vecchie foto ho trovato due buoni postali fruttiferi dal valore di 5 milioni di lire ciascuno del 1995 di prorpietà di mia mamma, morta due anni fa. In qualità di unico erede perché figlio unico e anche mio papà è morto, e vista la mia impossibilità di uscire perché al tempo ancora positivo ho cercato su internet qualcuno che potesse verificare per me la validità di questi due buoni. Grazie all'Associazione Giustitalia abbiamo scoperto che i buoni erano ancora validi e che valevano oggi poco più di 78 mila euro (78.333,80€ per l'esattezza, ndr). Mi è stato assicurato che la cifra mi verrà accreditata entro 20 maggio prossimo”.

Una volta che la cifra verrà accreditata sul proprio conto, Luca ha deciso di donarne una parte alla ricerca del vaccino del Coronavirus: “Sono soldi piovuti dal cielo questi e se non fossi stato male non li avrei mai trovati. Io sono una persona molto fatalista e credo che da una cosa brutta possa nascerne una bella. I soldi fanno sempre comodo, non va negato, ma sono una persona che vive da solo, ho un bello stipendio e una casa di proprietà e quindi per questo ho deciso di donarne una buona parte alla ricerca del vaccino o di una cura per il Covid-19. La mia donazione sarà una piccola goccia nell'oceano ma sono sicuro che potrà comunque essere molto utile”.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
buoni postalicoronaviruscoronavirus curacoronavirus romadonazione coronavirusinfermiere guaritoinfermiere positivovaccinovaccino coronavirus






Challenge mortale a Roma: ragazzino di 12 anni trovato impiccato davanti al Pc

Challenge mortale a Roma: ragazzino di 12 anni trovato impiccato davanti al Pc


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.