Vaccino Covid 19

La necessità di far fronte alla dilagante pandemia di Coronavirus ha spinto la comunità scientifica mondiale verso lo sviluppo, in tempo record, di un vaccino in grado di mettere al riparo la popolazione dai sintomi gravi della malattia e prevenire la trasmissione a terzi. Nel dicembre del 2020 si è dato inizio alla campagna vaccinale in Italia, con la somministrazione delle prime dosi a sanitari e anziani over 80.


Quanti vaccinati in Italia



Al 14/1/2022 alle 15:35 i dati sui vaccinati in Italia sono: • 118.477.457 dosi somministrate • 48.473.433 che hanno fatto almeno una dose (pari all’89,75% delle persone over 12) • 46.801.454 che hanno completato il ciclo vaccinale (pari all’86,65% delle persone over 12) • 503.418 guariti da al massimo 6 mesi (pari allo 0,93 % della popolazione over 12) • 25.481.609 totale terza dose/richiamo/booster (pari al 64,45 % della popolazione potenzialmente oggetto di dose addizionale o booster che hanno ultimato il ciclo vaccinale da almeno 4 mesi) 48.976.851 totale con almeno una dose + guariti da al massimo 6 mesi (90,68 % della popolazione over 12) Per quanto riguarda i dati su quanti vaccinati in Italia tra i bambini (5-11 anni): • 741.348 totale con almeno una dose (pari al 20,28% della popolazione 5-11) • 123.386 totale ciclo vaccinale completato (pari al 3,37% della popolazione 5-11) 179.066 totale guariti da al massimo 6 mesi (pari al 4,90% della popolazione 5-11)


Quanto costa il vaccino Covid



In Italia la vaccinazione contro il Covid-19 è del tutto gratuita. Questo perché è lo Stato a sobbarcarsi la spesa per l’acquisto delle dosi necessarie e per la loro conservazione, distribuzione e somministrazione. In una intervista al Corriere della Sera dell’aprile 2021 l’amministrato delegato di Pfizer, Albert Bourla, aveva spiegato che il vaccino Covid viene venduto ai governi con un sistema a tre prezzi: “Per i Paesi avanzati le dosi costano ‘come un pasto’ (circa 20 euro), […] Nei Paesi a reddito medio, diamo il vaccino a quasi la metà del prezzo e nei Paesi a basso reddito lo diamo a prezzo di costo”. Ad agosto 2021 il Financial Times sulla base dei contratti di fornitura di vaccino Covid all’Unione Europea stimava un costo di 19,50 euro a dose per Pfizer e di 25,50 dollari a dose per Moderna.


Come funziona il vaccino Covid



Il vaccino Covid utilizza principalmente tre diverse tecnologie per stimolare la risposta immunitaria dell’organismo e fermare l’infezione. Il vaccino Covid ad acido nucleico prodotto da Moderna e Pfizer fornisce istruzioni alle cellule del corpo per produrre la proteina Spike, presente solo nel virus Sars-CoV-2, tramite molecole di RNA messaggero (mRNA). Il vaccino Covid a vettore virale utilizzato da Astrazeneca e Johnson & Johnson produce lo stesso effetto utilizzato un virus basato sull’adenovirus dello scimpanzé ma totalmente innocuo e non in grado di replicarsi. Il vaccino Covid a base proteica di Sanofi, GlaxoSmithKline (GSK) e Novavax invece contiene frammenti della proteina Spike per spingere l’organismo a produrre gli anticorpi.


Chi ha avuto il Covid deve vaccinarsi?



Chi è stato infettato dal Coronavirus ma non ha mai fatto il vaccino Covid deve farlo entro 12 mesi dalla guarigione e poi il richiamo dopo 120 giorni. Chi ha contratto il virus dopo la prima dose ma sono passati 14 giorni dalla somministrazione del vaccino Covid deve fare il richiamo dopo 120 giorni. Se sono invece trascorse più di due settimane deve effettuare la seconda dose dopo 6 mesi e la terza dose entro 4 mesi dalla precedente. Chi è guarito dal Covid dopo la seconda dose e ha quindi completato il ciclo di vaccinazione primario deve fare la terza dose dopo 120 giorni dalla guarigione


Visualizza tutto
Visualizza meno
Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.