A- A+
Roma
Influenza, 2 milioni di malati: arriva il picco. Tutti a letto con la febbre

Sono oltre 2 milioni gli italiani colpiti finora dall'influenza invernale. È arrivato il tanto temuto picco: più di 673mila si sono ammalati nell'ultima settimana. Primato di casi in Lazio, Piemonte, Emilia Romagna, Toscana e Calabria.

 

Sono soprattutto i bambini tra i 5 e i 14 anni ad esser maggiormente colpiti dal virus influenzale.
I dati riportati dalla SIMIT, Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali dipingono una situazione in linea con le influenze stagionali. Lo scorso anno il picco fu registrato nel mese di dicembre, proprio sotto le festività natalizie. Stavolta invece, è l'anno nuovo a portare la grande ondata influenzale.
Nell’ultima settimana del 2017 si è registrato un brusco aumento del numero di casi in tutte le classi di età. A quanto riporta il costante monitoraggio dell'ISS il livello di incidenza in Italia è pari a 11,11 casi per mille assistiti. La fascia di età maggiormente colpita è quella dei bambini al di sotto dei 5 anni in cui si osserva un’incidenza pari a circa 29,2 casi per mille assistiti e quella tra 5 e 14 anni pari a 19 su mille.
Un brusco aumento anche negli anziani in cui l’incidenza è pari a 6,3 casi per mille assistiti. Il numero di casi stimati in questa settimana è pari a circa 673mila, per un totale, dall’inizio della sorveglianza, di circa 2.168.000 casi.
Secondo gli esperti, l'influenza non si esaurirà prima di fine febbraio. A marzo e aprile, invece, potrebbero arrivare altre forme virali respiratorie che possono causare sindromi simil-influenzali. A rischio saranno ancora gli anziani, che possono andare incontro a complicanze polmonari e cardiache.

Come prevenire l'influenza

Ecco le indicazioni fornite da Claudio Mastroianni, segretario SIMIT e Direttore della U.O.C. Policlinico Umberto I: “È essenziale rimanere a riposo e al caldo, bere bevande calde, usare antiinfiammatori e antipiretici. È da auspicare un uso consapevole degli antibiotici, solo nei casi di complicanze batteriche. In genere vanno evitati gli antibiotici, poiché si tratta di una forma virale che può essere curata con terapia sintomatica”.
Gli specialisti inoltre consigliano l'uso del vaccino antinfluenzale, la principale arma contro i malanni di stagione. “E ricordiamolo - conclude Mastroianni - non si tratta di una malattia banale, soprattutto quando colpisce persone a rischio, come anziani, soggetti immunodepressi, bambini e donne in gravidanza”.

 

 

Tags:
influenzapiccovaccinomalattiaraffreddorefebbreospedalesimitclaudio mastroianniprevenzione
Loading...





Zurich Connect

Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

Estate 2020 da virus, c'è una task force silenziosa: 400 cani bagnino Sics

Estate 2020 da virus, c'è una task force silenziosa: 400 cani bagnino Sics

i più visti
i blog di affari
Instagram e diritto d’autore sulle foto pubblicate nei propri profili social
di Dottoressa Michela Carlo
Scuola, "Mia figlia si è fatta male, posso chiedere i danni all'istituto?"
di Dott. Francesca Albi *
Migranti, "porti aperti" dicono i nuovi schiavisti supportati dalla sinistra
Di Diego Fusaro

RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
Finalità del mutuo
Importo del mutuo
Euro
Durata del mutuo
anni
in collaborazione con
logo MutuiOnline.it

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.