A- A+
Roma
M5S, espulso il ribelle Barillari: “Colpevole di non essermi venduto al Pd”

Davide Barillari è stato espulso dal Movimento 5 Stelle: il collegio dei probiviri ha ufficializzato la decisione. L'oramai ex consigliere ribelle della Regione Lazio va subito all'attacco: “Cacciato perché colpevole di non essermi venduto al Pd”.

 

Ad annunciare l'espulsione è stato lo stesso Barillari con un post pubblicato su tutti i suoi profili social. “Arrivata l'espulsione – scrive l'ex M5S –. Sono stato cacciato dal M5S dopo 10 anni di vero attivismo dal basso, oggi sono dichiarato 'colpevole' di essere rimasto coerente ai valori e alle promesse fatte ai cittadini, 'colpevole' di non essermi mai venduto al Partito Democratico come hanno fatto tanti altri. Ora, dai banchi del gruppo misto, continuerò con ancora più forza a combattere a fianco dei cittadini, nelle battaglie che i miei colleghi non hanno più il coraggio di fare”.

L'annuncio di Barillari è accompagnato dalla memoria difensiva che il 3 aprile scorso ha inviato al collegio dei probiviri, al garante Beppe Grillo ed al capo politico Vito Crimi. Nella memoria Barillari non ha voluto difendersi dalle accuse, rilanciando che la sua espulsione è un pubblico atto di accusa contro il tradimento dei valori fondativi del MoVimento 5 Stelle da parte dei suoi stessi vertici: “Intendo dichiararmi colpevole, colpevole di coerenza, non solo riconoscendo illegittimo il tribunale che mi vorrebbe giudicare, ma dichiarando che la Carta di Firenze 2019 ha rappresentato l’ultimo legittimo e doveroso tentativo di salvare il MoVimento 5 Stelle. Accusando me e gli oltre 1300 sottoscrittori della Carta di Firenze 2019, voi stessi decretate la fine della spinta propulsiva e propositiva del MoVimento 5 Stelle. Con la mia espulsione, viene espulso anche il dissenso costruttivo di tantissime voci insieme alla mia, viene cacciata un’area democratica che ha il diritto di esistere e di portare le proprie istanze. Chiudendo la porta in faccia ai portavoce e agli attivisti che si riconoscono nei valori del Rinascimento 5 Stelle invocato nella Carta di Firenze 2019, siete voi stessi a infliggere l’ultima pugnalata alla schiena del MoVimento. Siete voi a tradire il MoVimento 5 Stelle”.

Nonostante fosse stato messo da parte dal Movimento già da tempo, Barillari stava comunque continuando le sue battaglie. L'ultima denuncia da consigliere M5S riguardava le vaccinazioni obbligatorie contro l'influenza e lo pneumococco, con la scoperta della “fake news di Zingaretti”. Nell'ordinanza del 17 aprile l'inganno: “Annunciano ai quattro venti la vaccinazione anti-pneumococco obbligatoria, ma poi l'ordinanza di Zingaretti dice che è solo 'rafforzata la raccomandazione'”.

Coronavirus e vaccini obbligatori: la fake news di Zingaretti sul pneumococco

Loading...
Commenti
    Tags:
    davide barillaribarillari m5sregione laziocoronavirusdavide barillari espulsobarillari espulsoconsiglio regionale laziom5smovimento 5 stellepd




    Loading...




    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    L'ombra di Forza Italia sull'università grillina: rivoluzione alla Link Campus

    L'ombra di Forza Italia sull'università grillina: rivoluzione alla Link Campus

    i più visti
    i blog di affari
    La bordata di Paola Ferrari alla Leotta: “Vuole dare ‘mmagine da Barbie...”
    Francesco Fredella
    Vince il sì, ma gli unici a poter brindare sono i neo-oligarchici liberisti
    FINANZIAMENTO SOCI - RINUNCIA DEI SOCI ALLA RESTITUZIONE - TASSABILITA'

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.