A- A+
Roma
Mascherine obbligatorie: Conte salva Zingaretti e De Luca dai ricorsi al Tar

Mascherine obbligatorie anche all'aperto, alla fine a salvare Zingaretti e De Luca ci pensa il premier conte con il nuovo Dpcm che imporrà l'obbligo con una legge di Stato. E così i Governatori potranno evitare un andirivieni davanti ai giudici del Tar, pronti a bollare le loro ordinanze locali come illegittime.

In particolare il Governo evita la seconda musata al Governatore del Lazio, quella che si andrebbe ad aggiungere alla bocciatura dell'obbligo di vaccino e per gli ultra sessantenni e a quella del “tempario per le visite specialistiche”

E questo perché sulla decisione del Lazio (e prima della Campania tra le grandi regioni) pesa il giudizio dei giuristi. Spiega Gianluca Arrighi, esperto di diritto e scrittore: “L’articolo 85 del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza (decreto regio 18 giugno 1931, n. 773) vieta di comparire in luogo pubblico senza i tratti del viso riconoscibili e prevede per i trasgressori una sanzione fino a 103 euro; questa legge, pertanto, rende giuridicamente illegittime le disposizioni con le quali i presidenti di regione, con una semplice ordinanza, stabiliscono l’obbligo di indossare le mascherine nei luoghi pubblici”.

gianluca arrighi
 

Secondo il noto scrittore e giurista romano, infatti, soltanto un'altra legge dello Stato, modificando o abrogando l'articolo 85 del Testo Unico di Pubblica Sicurezza in vigore sin dal 1931, avrebbe potuto obbligare le persone a coprire i propri tratti somatici nei luoghi pubblici. "Ferma restando la necessità di arginare e controllare la diffusione del Covid 19 - ha dichiarato Arrighi - è allarmante la demolizione del diritto a cui stiamo assistendo durante la pandemia. Sono in gioco le libertà fondamentali e le garanzie che il nostro ordinamento giuridico pone a tutela dell'intera collettività." 

Ma il fronte del No alle mascherine per decreto regionale e non solo si allaga anche ai Vigili Urbani. Spiega il sindacato dei Vigili Urbani di Roma, Ugl: “Obbligare alla mascherina anche in luoghi aperti e privi di assembramenti, per combattere la quoridiana guerra contro il Covid-19, ricorda l'amara situazione della campagna di Russia, combattuta dai nostri militari con le scarpe di cartone. Non può essere uno "straccetto" sulla bocca e naso la carta vincente in questa delicata battaglia, quando poi anche fior di virologi ritengono inutile, se nn dannoso, l'uso della mascherina protratto nel tempo"

Cosí in una nota Sergio Fabrizi, Segretario Provinciale UGL Polizia Locale, che continua "Si pretende di voler obbligare ad indossarla per ore anche coloro che devono lavorare all'aperto, magari in condizioni di mantenimento della distanza interpersonale. Si pensi agli operai nei cantieri, agli asfaltisti ed agli altri operatori sotto sforzo fisico che devono aggiungere disagio alla respirazione per la mascherina".

Ancora più duro il commento dei caschi bianchi romani, coloro che di fatto, dovrebbero poi curare l'osservanza delle norme, sanzionando pesantemente i cittadini in caso di inottemperanza "Si tratta di una norma difficile da comprendere ed ancor più da far comprendere", dichiara il Coordinatore Romano UGL PL Marco Milani "tant'é che che ci vengono segnalate perplessità tra gli stessi operatori, a procedere con le sanzioni ai cittadini in condizioni di non assembramento. Alcune osservazioni che pervengono a questo sindacato, sono anche di natura giuridica, non vorremmo che anche questa ordinanza, una volta cassata dal T.A.R., venga definita una goliardica provocazione".

“Vaccini nei supermercati”: esplode la guerra tra medici di base e farmacisti

Loading...
Commenti
    Tags:
    mascherineobbligo di mascherinetarzingarettide lucacontedpcmpandemiacoronavirusgianluca arrighipolizia localevigili urbaniuglmarco milaniseconda ondata coronavirus




    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Vigili Urbani Roma: dal sesso in auto a Report, salta il comandante Napoli

    Vigili Urbani Roma: dal sesso in auto a Report, salta il comandante Napoli

    i più visti
    i blog di affari
    Le piste da sci? Per Giorgio Gori non sono essenziali. Ma...
    Di Diego Fusaro
    LIBRI/ Vasyl' Makuch, il Jan Palach ucraino che si bruciò contro il comunismo
    Di Ernesto Vergani
    Unyli. Rivoluzionare il mercato dell’intimo, con i brand ad alto potenziale
    Greta V. Galimberti - Trendiest

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.