A- A+
Roma
Roma, l'invasione dei lupi. Branchi alle porte della città: “terre eldorado”

di Luca Benigni

Tornano i lupi fuori le mura di Roma e il Campidoglio si mobilita. A breve sarà istituito un tavolo tecnico scientifico per monitorare l’evolversi di questa riconquista che appare impetuosa e diffusa.

Non c’è emergenza ma il fenomeno richiede grande attenzione. Un branco, forse di 5 o 7 esemplari, abita nei 2000 ettari della tenuta di Castel di Guido, un altro di quattro, vaga nelle terre del Parco di Veio, da Labaro fino quasi al Soratte. Di loro si hanno le foto , si sa che ci sono cuccioli, si sa che uno di questi, a Castel di Guido, era nato disabile e che proprio nei giorni scorsi è stato trovato cadavere investito da una vettura di passaggio nelle strade bianche dell’oasi. A Veio una lupa è stata uccisa, forse con il veleno. Non sono animali viandanti, ma "residenti", e con soddisfazione, nei boschi intorno alla grande città dove hanno cibo e posti giusti per la tana e spazi protetti per crescere i nuovi nati.

Stando ai tecnici una così significativa presenza di lupi nei pressi di aree abitate ed in particolare di Roma, non si registrava da almeno 200 anni. “E’ un fenomeno nuovo, non episodico e si sta lavorando per studiare forme di governo capaci di garantire una convivenza equilibrata tra allevatori, residenti e lupi - spiega Rosario Fico dirigente dell’Istituto zooprofilattico di Lazio e Toscana- una riunione preliminare c’è stata in Comune lo scorso 28 marzo. L’obiettivo è istituire una struttura permanente, una sorta di tavolo tecnico, per seguire puntualmente i movimenti del predatore ed i problemi connessi alla sua presenza in aree molto antropizzate".

I lupi stanno colonizzando nuovi territori partendo dai monti e camminando per corridoi naturali di boschi, anfratti, corsi di torrenti fino al mare. La loro presenza è accertata nelle alture intorno a Tolfa, ma anche nelle pianure della laguna di Orbetello nei pressi della spiaggia della Feniglia come nella Maremma. Proprio giovedì c’è stata una riunione a cui hanno partecipato tecnici dello Zooprofilattico nel corso della quale si è preso atto della presenza di un branco composto da 7/10 individui che scorazza tra le colline dell’Uccellina, le vigne di Morellino e gli alevamenti di ovini. Nei giorni scorsi una fototrappola ha immortalato una famiglia di predatori in un’area boschiva limitrofa al centro abitato di Viterbo. A due passi dalla provincia di Roma e dei parchi del Litorale romano. Un lupo maschio in cerca di nuove terre, d'altra parte, percorre, in una notte, anche 40 chilometri.

Se il “sopralluogo” fornisce i requisiti giusti, il maschio "alpha" torna indietro ed emigra con la famiglia. E' quello che sta accadendo. Oggi ci sono tutte le condizioni perche l’espansione prosegua a ritmi intensi: le terre romane e del Lazio sono una sorta di "eldorado" ambientale per i cinghiali, istrici, ricci volpi, nutrie e dunque per il loro principale predatore. L

e aree tutelate dei grandi parchi regionali hanno fatto da serbatoio per questa stupefacente ripresa del lupo che produce sorpresa e meraviglia mentre torna a alimentare fantasie e paure.Un riequilibrio cosi vasto e profondo si è potuto realizzare grazie alla riduzione del terreno dedicato all'agricoltura, al suo abbandono, alla crescita dell'area boschiva. Condizioni ottimali per la crescita delle popolazioni di ungulati e di cinghiali in particolare. “Quando ci sono loro - aggiunge - il dirigente dell'Istituto Zooprofilattico Rosario Fico - nel giro di due anni arrivano i lupi che ora provano ad ampliare il loro regno occupando nuove colline e pianure. E’ in atto un processo di riequilibrio naturale di grande rilevanza. Siamo solo all'inizio della ricostituzione di un patrimonio di ricchezza ambientale e faunistica straordinario. Va seguito e governato perche resti ampio e fertile".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
romaagro romanolupiinvasione di lupianimalilazioparco di veiocastel di guidoambienterosario fico



Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

i più visti
i blog di affari
ETICA E GIORNALISMO, AIUTI EUROPEI PER REGIONI E CULTURA
Boschiero Cinzia
"Fermate il decreto": anche PIN scrive al Presidente della Repubblica
Super Green Pass, arriva il giorno della discriminazione sotto forma di legge
L'OPINIONE di Diego Fusaro


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.