A- A+
Roma
Vaccino, la protesta dei medici di base: "O noi o gli hub, Figliuolo decida"

Vaccino, Fimmg Lazio: "La Regione predilige gli hub ai medici di famiglia, Figliuolo indichi alle giunte regionali la strada corretta".

“Ci corre l'obbligo di lanciare un allarme sulla campagna di vaccinazione in atto. Se si vuole, ed è obbligo morale, sanitario, sociale economico, farlo“, fa sapere la Fimmg Lazio, la federazione dei medici di famiglia regionali, "occorre mettere in condizioni di vaccinare la prima linea del sistema nel territorio. I medici di medicina generale sono l'ossatura del sistema sanitario nazionale ma sono fermi al palo. E' assurdo, ricevono dosi di vaccino con il contagocce, con un sistema di distribuzione caotico, spesso arbitrario, senza certezze", continua Fimmg.

"Non abbiamo nessuna sicurezza sulle dosi, ci danno quello che avanza al sistema, oppure ci chiedono di fare quello che non sono in grado di fare loro: i domiciliari, ma secondo le loro agende, non sulla scorta delle priorità che il medico conosce per i propri pazienti. E' disperante dover dire ai pazienti : 'Non possiamo fare nulla', disdire gli appuntamenti dati, dire 'ricorrete alla prenotazione. E' umiliante. Si privilegiano gli hub, - proseguono i medici di base - ma puntare solo e soltanto su queste strutture è un errore. Aprire punti vaccinali negli ospedali dovrebbe essere opzione aggiuntiva, finale, e invece si va verso l'ospedalizzazione anche di questa battaglia che, per essere vinta, deve coinvolgere il territorio. La Lombardia è nel caos proprio perchè ha puntato sull'ospedalizzazione estrema umiliando il territorio e i medici che lo presidiano. Vedere anziani alla Nuvola e in altri hub in fila, spesso accompagnati,  nonè un bello spettacolo. Dovrebbe essere la soluzione di sostegno non la via principale. Se si vuole vincere questa guerra serve che i medici di medicina generale vengano riforniti regolarmente di vaccini. Inutile mettere in campo farmacisti o altre figure. Inutile creare pasticci. Serve linearità . Ben venga l'aiuto di tutti ma la prima linea, - si legge ancora nella nota Fimmg - quella presente ovunque in questa Regione e in questo paese, venga messa in condizione di fare la propria parte.  L'Inghilterra lo ha fatto e i risultati si vedono. La carenza di vaccini è un problema oggettivo, ma ora sono in arrivo 5 milioni di dosi. Ecco, invertiamo il meccanismo, dateci i vaccini per gli anziani delle città, dei paesi, dei piccoli centri, delle frazioni, in montagna come al mare. I pazienti lo chiedono e noi oggi siamo costretti all'impotenza. Ci rivolgiamo al generale Figliuolo perché indichi con decisione alle Regioni di imboccare questa strada, chiediamo alla Regione Lazio di essere protagonista di questo cambiamento. Riservare una quota, cospicua, dei nuovi arrivi alla medicina generale, confidando nella organizzazione dei medici che funziona. Noi siamo in grado di fare milioni di vaccini, lo abbiamo dimostrato. Dateci i vaccini, eliminate la burocrazia in eccesso. Date i vaccini alla prima linea altrimenti questa guerra non si vince", conclude Fimmg.

Commenti
    Tags:
    vaccinomedici di basefigliuolo


    Loading...
    Loading...





    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    Roma diventa un Truman Show: la parabola di Raggi e dei consiglieri giocosi

    i più visti
    i blog di affari
    A Genova il 26 aprile 2021 il Premio Arte Scienza e Coscienza 2020
    Formazione e aggiornamento ICT con WhoTeach, Assintel e Formaterziario
    WhoTeach
    Il Governo Draghi estirpi la mafia una volta per tutte
    Di Ernesto Vergani

    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.