I blog riportano opinioni degli autori e non necessariamente notizie, in ossequio al pluralismo che caratterizza la nostra Testata.
A- A+
Fisco e Dintorni
Mov. Consumatori al Presidente della Repubblica: atti esattoriali illegittimi
da sx: Dott. A. Sorrento, Avv. M. Sances e Dott. B. Maizzi

Movimento Consumatori e Partite Iva Nazionali scrivono al Presidente della Repubblica per segnalare che le intimazioni dell’Agenzia Riscossione sono illegittime perché non indicano i termini per fare ricorso.

 

La questione delle intimazioni di pagamento dell’Agenzia Riscossione senza i termini e l’Autorità per fare ricorso arriva alla Presidenza della Repubblica grazie agli esposti di Movimento Consumatori.

Come anticipato dal suo Vice Presidente nazionale, il Dott. Bruno Maizzi, “Tutto è partito nelle settimane scorse durante un convegno a Lecce dove si è parlato di mancanza di dialogo tra cittadini e Pubblica Amministrazione (si veda articolo del 19.04.2022).

In quell’occasione ci ha molto colpito l’intervento dell’Avv. Matteo Sances in merito alla mancanza di informazioni fondamentali all’interno delle intimazioni di pagamento e abbiamo chiesto alle nostre sezioni territoriali di verificare quanti contribuenti si sono rivolti a noi quando i termini per impugnare gli atti erano ormai scaduti e i risultati sono stati veramente allarmanti!!!

Ricordo ancora una volta che le intimazioni di pagamento, come gli altri atti esattoriali, devono essere impugnati entro termini perentori che possono variare da 60 a 20 giorni dalla notifica a seconda del tipo di pretesa (per esempio se si tratta di imposte, contributi o sanzioni) e del tipo di contestazione del contribuente.

Ovviamente, se i predetti termini non vengono indicati nelle intimazioni e il contribuente li fa scadere egli non avrà più la possibilità di rivolgersi al giudice competente. Tutto ciò è profondamente ingiusto. Ecco perché la scorsa settimana, grazie anche al supporto dell’Avv. Sances, abbiamo segnalato la questione al Presidente della Repubblica e al Ministro dell’Economia”.

Interviene anche il Dott. Antonio Sorrento, Presidente di Partite Iva Nazionali (PIN) che insieme a Mov. Consumatori ha scritto alle istituzioni, per segnalare che “La mancata indicazione di informazioni fondamentali all’interno delle intimazioni di pagamento può creare gravi disagi ai contribuenti. È chiara dunque l’urgenza di modificare tali atti, in modo da garantire a tutti i contribuenti il proprio diritto di difesa. Ma non solo.

Nelle prossime settimane saremo presenti –  insieme ai dirigenti di Movimento Consumatori e a illustri commercialisti e avvocati – a Milano per un convegno organizzato dal Dottore Commercialista Marcello Guadalupi e da MilanoPercorsi proprio a sensibilizzare professionisti e imprese su questa questione.

Nel frattempo invito tutti i contribuenti a controllare costantemente la propria posta elettronica certificata, in modo da verificare in maniera tempestiva eventuali richieste erariali”.

Commenti
    Tags:
    #matteosances #movimentoconsumatori #antoniosorrento #agenziadelleentrateriscossione #intimazionidipagamento





    in evidenza
    Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

    MediaTech

    Giorgia Meloni compare in video e il cane impazzisce

    
    in vetrina
    Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League

    Francesco Totti torna in campo, il Capitano protagonista della Kings League


    motori
    Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

    Lancia svela la Ypsilon HF e annuncia il ritorno nei Rally Gr4

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.