A- A+
Home
Sandoz: Rituximab biosimilare sottomesso a FDA, l'ente USA per i farmaci

Sandoz: Rituximab biosimilare sottomesso a FDA, l'ente USA per i farmaci

 

Sandoz, divisione del gruppo Novartis e leader globale nel settore dei farmaci biosimilari, annuncia oggi che l’ente regolatorio americano Food and Drug Administration (FDA) ha accettato la domanda di registrazione - Biologics License Application (BLA) - del  biosimilare Rituxan (rituximab).


 

Rituxan (rituximab) è indicato per il trattamento dei tumori ematici, tra i quali il linfoma non-Hodgkin’s (linfoma follicolare e linfoma diffuso a grandi cellule B) e la leucemia linfatica cronica, oltre che per le malattie immunologiche come l’artrite reumatoide.


 

"Negli Stati Uniti, i costi sostenuti per le cure oncologiche  sono una della principali preoccupazioni per molti pazienti e per le famiglie,  come anche per il sistema sanitario” dice Mark Levick MD PhD, Global Head of Development, Biopharmaceuticals, Sandoz. “Con l’accettazione da parte dell’FDA della nostra domanda di registrazione di rituximab biosimilare, vogliamo offrire ai pazienti un biosimilare di Sandoz di alta qualità, che, a seguito dell’approvazione, potrà portare risparmi in ambito sanitario e favorire la competizione, liberando risorse e facilitando così l’accesso dei pazienti anche ad altre terapie oncologiche, comprese quelle innovative”

 

 

Sandoz: Rituximab biosimilare sottomesso a FDA, l'ente USA per i farmaci


 

La Biologics License Application (BLA) inoltrata all’ FDA è costituita da una esauriente documentazione comprensiva di dati analitici, preclinici e clinici. La documentazione include uno studio di farmacocinetica e farmacodinamica in  pazienti con artrite reumatoide (ASSIST-RA), e uno studio di fase III a conferma di sicurezza ed efficacia nei pazienti con linfoma follicolare (ASSIST-FL). Sandoz ritiene  che i dati forniti dimostrino che il biosimilare corrisponda  al farmaco di riferimento, in termini di sicurezza, efficacia e qualità.

 

L’impegno di Sandoz è volto ad ampliare l’accesso dei pazienti a farmaci biosimilari di alta qualità per migliorare la loro vita. L’azienda è pioniere e leader globale nei farmaci biosimilari, commercializza attualmente cinque biosimilari in tutto il mondo e prevede di lanciare  cinque biosimilari dei principali farmaci biologici  in oncologia e immunologia, tra il 2017 e il 2020. Tra questi, rituximab biosimilare è stato approvato a giugno 2017 dalla Commissione Europea, con il nome commerciale di Rixathon.

 

 

Sandoz: Rituximab biosimilare sottomesso a FDA, l'ente USA per i farmaci

 


Sandoz ambisce a mantenere la sua posizione di leader nell’industria dei biosimilari grazie alla sua esperienza e competenza nello sviluppo, produzione e commercializzazione di questi farmaci. Come divisione di Novartis, primo gruppo farmaceutico ad aver raggiunto  una posizione di leader sia per  farmaci innovativi che per i farmaci  a brevetti scaduto, Sandoz beneficia della sua  esperienza  e competenza in  numerosi diversi mercati.

 


Sandoz continua a sostenere le politiche che consentono ai pazienti e ai sistemi sanitari di beneficiare dei vantaggi offerti dall’impiego dei biosimilari. Questo è stato recentemente dimostrato dall’unanime decisione positiva della Corte Suprema americana relativa alla Notice of Commercial Marketing  (NCM). La Corte Suprema ha stabilito che la NCM può essere concessa prima dell’approvazione FDA, accelerando di 180 giorni l’accesso dei pazienti ai futuri biosimilari. La Corte Suprema ha inoltre chiarito  il funzionamento della “patent dance”, il processo ne quale il produttore di biosimilare deve fornire informazioni confidenziali al produttore del farmaco di riferimento.

 

Tags:
sandozrituximab biosimilarefdafood and drug administration
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate

Covid-19, le regole europee per conviverci durante l’estate


casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Coffee Break

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.