A- A+
Il Sociale

 

 

''Possono lanciare tutte le banane che vogliono ma Cecile è italiana. L'Italia le ha dato la possibilità di studiare, di farsi una famiglia e una carriera

. E' il suo Paese. Ascolterà tutto e tutti, insulti compresi. Ma non mollerà e un passo alla volta arriverà dove vuole''. Così il padre del ministro per l'Integrazione Cecile Kyenge interviene nelle polemiche sulla italianità che spesso coinvolgono la figlia.

Il padre del ministro per l'Integrazione, che è anche capo villaggiosull'altopiano del Katanga, all'estremità sud della Repubblica Democratica del Congo, è stato intervistato dal settimanale Oggi. Il nome del villaggio racconta da solo laq sua storia: Kyenge. Esattamente come il cognome della ministra dell'Integrazione Cécile. L'autorità di Clement (Kyenge) detto Kikongo è riconosciuta da oltre 50 mila persone, che vivono  in un raggio di 100 chilometri.

In un video del settimanale Oggi, si vede il padre della ministra in abiti 'cerimoniali' che prega davanti all'altare degli antenati, balla tra la folla e ascolta le richieste della gente. Poi, una sorta di danza tribale per "cacciare gli spiriti maligni da Calderoli": "Signore", dice in lingua bemba, "nella tua misericordia ci hai detto di pregare per chi ci perseguita, per chi ci ingiuria e per chi ci maltratta. Non siamo contro Calderoli, ma contro lo spirito che lo ha spinto a ingiuriare. Tu che puoi punire o perdonare, libera questo tuo figlio dalla malvagita' dello spirito. Fai che riconosca il suo peccato e che porti il suo pentimento davanti a Ce'cile".

L'uomo, che ha 74 anni e ha avuto 38 figli e 4 mogli, si è anche detto pronto a ricevere il parlamentare leghista: "Se Calderoli vuole venire qui accoglieremo anche lui a braccia aperte, come un fratello. L'importante è parlarsi. Attraverso il dialogo i problemi si svuotano".

 

Tags:
congopapàkyengecalderoli
Loading...

i più visti

casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.