A- A+
Il Sociale
Non è il momento di dire basta al celibato dei preti?

Decide di lasciare l’abito talare per l’amore di una donna. Accade a Lamezia Terme e il protagonista della storia che non fa parlare d’altro in città è un  sacerdote, pare molto preparato e rigoroso, che è stato parroco in una zona periferica prima di assumere un altro incarico.

Grazie al web, in particolare al social network Facebook, la vicenda del  sacerdote innamorato che, per non vivere nell’ipocrisia, decide di tornare allo stato laicale, è diventata di dominio pubblico. Anzi, è al centro di una discussione che, proprio sul web, si è scatenata tra chi comprende la decisione e chi la critica.
In una lettera indirizzata al vescovo di Lamezia Terme,intanto, il sacerdote avrebbe addotto, a giustificazione della decisione non meglio precisati motivi familiari.

Mi colpisce per un doppio ordine di motivi. La prima perché sono tra coloro che pensano che sia giunto il momento di consentire ai preti di sposarsi. La seconda perché un po’ mi spaventa il fatto che una persona che immaginiamo stia vivendo un dilemma personale venga sottoposta a un vero processo mediatico dopo che qualcuno ha postato la notizia sul web rendendola di dominio pubblico.

E qui c’è il terzo elemento di riflessione. Perché in qualche modo trovo similitudini tra il chiacchiericcio di paese che favorisce quella che il sociologo Howard Becker definì «teoria dell’etichettamento», da me tanto sofferta, e quanto avviene attraverso i social network, dove tutti si sentono in diritto di sparare giudizi fino a condizionare i comportamenti dei malcapitati (penso al ragazzino che si è tolto la vita perché etichettato come gay).

Non ho soluzioni al proposito e sono contrario a qualsiasi tipo di censura. Ma difendo la decisione del prete che trova il coraggio di invertire il proprio cammino per vivere in base a quanto gli detta la coscienza anziché rifugiarsi nel silenzio e nell’ipocrisia, o peggio nella paura, come spesso accade.

Mi auguro che nella Chiesa si torni a ripensare il celibato dei preti. Già cardinali illuminati del calibro di Schönborn e Hummes (quest’ultimo poi di fatto costretto a ritrattare dal Vaticano) lo avevano proposto alla luce dell’esperienza di oltre 100 mila preti che nel mondo hanno lasciato il sacerdozio a causa dell’atteggiamento della Chiesa.

Di sicuro, come molti hanno già sostenuto, aiuterebbe a contrastare la crisi delle vocazioni.

Anche Joseph Ratzinger, 32 anni, firmò una lettera con altri otto giovani teologi indirizzata alla Conferenza episcopale tedesca chiedendo di riconsiderare l’ipotesi di permettere ai preti di crearsi una famiglia.

dal sito http://sacerdotisposati.altervista.org/

(I sacerdoti lavoratori sposati sono impegnati per una riforma della Chiesa e per un Cristianesimo meno tradizionalista aperto al futuro)

Tags:
celibatopretisposati
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Pnrr e opportunità per le Pmi CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri

Pnrr e opportunità per le Pmi
CorporateCredit, l'intervista al Ceo Giordano Guerrieri


casa, immobiliare
motori
Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo

Mercedes Benz punta ad essere l’auto di maggior valore al mondo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.