A- A+
Sport
Coronavirus, Cannavaro dalla Cina mostra il documento di fine quarantena: "C'è speranza per l'Italia"

Coronavirus, Cannavaro dalla Cina mostra il documento di fine quarantena: "C'è speranza per l'Italia"

Fabio Cannavaro, allenatore della squadra di calcio del Guangzhou, in Cina, ha mostrato su Instagram il certificato di fine quarantena: "Ciao ragazzi, per me è finita la quarantena, questo è il documento che mi permette di girare per la Cina liberamente. Stamattina già sono stato al centro commerciale, in banca, a pranzo fuori. C'è grande attenzione, ovunque misurano la temperatura, ma la vita sta tornando alla normalità. Questo ci deve far ben sperare per l'Italia",

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    cannavarocannavaro italiafabio cannavarocoronavirus
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

    CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


    casa, immobiliare
    motori
    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory

    Gruppo Renault festeggia il 1° anniversario della Refactory


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.