A- A+
Sport
Federica Masolin, Davide Cassani e... ecco il progetto/aperitivo Bike for Good
Ederica Masolin

Bike for Good con Federica Masolin, Roberta Di Mario, Davide Cassani e Giovanni Bruno

L’evento di lancio del prossimo 25 novembre, in programma alle ore 18.45, presso la sede dell’ACI di Milano (via Marina, 6), apre la strada al progetto “Bike for Good”, realizzato da Fondazione Laureus Sport for Good e Fondazione Edison Orizzonte Sociale (EOS).

A introdurre la serata ci sarà Federica Masolin, giornalista e volto di Sky Sport e Ambassador Laureus. A lei, a Daria Braga, Direttore di Fondazione Laureus Sport for Good e a Francesca Magliuolo, Direttrice della Fondazione EOS – Edison Orizzonte Sociale, il compito di fare gli onori di casa e di offrire l’aperitivo di benvenuto, a cui seguirà l’intervento di Davide Cassani, Ambassador Laureus, ex ciclista ed ex commissario tecnico della nazionale maschile élite di ciclismo su strada.

Laureus Bike for good (foto 1)
 

Davide Cassani, in particolare, si soffermerà sull’uso della bicicletta nella vita quotidiana e sull’importantissimo tema della sicurezza stradale su due ruote. La partecipazione è aperta a tutti a fronte della registrazione a questo link

La serata sarà poi animata da Roberta Di Mario, pianista e compositrice, che con la sua musica accompagnerà nella narrazione di storie e miti del ciclismo la voce del giornalista sportivo Giovanni Bruno.

Giovanni Bruno, in qualità di storyteller, ripercorrerà l’epopea di Alfonsina Strada, “Nomen omen”, prima donna a competere nel ciclismo su strada in gare maschili, ritenuta di diritto pioniere della parificazione tra sport maschile e femminile. A ruota, Bruno si soffermerà anche sulla storia di Emil Zátopek, mezzofondista e maratoneta cecoslovacco, capace di conquistare quattro medaglie d’oro e un argento ai Giochi olimpici, e di Eric Liddell e Harold Abrahams, leggendari campioni britannici di atletica leggera, le cui gesta sono al centro del film “Momenti di Gloria”.

Il progetto “Bike for Good”, attivo per tutto l’anno scolastico 2022-2023, ha l’obiettivo di offrire ai giovani, provenienti da contesti sociali vulnerabili, percorsi educativi e formativi, tramite workshops dedicati, sull’importanza della sicurezza stradale sulle due ruote e della sostenibilità, fornendo anche competenze di meccanica ciclistica e più in generale di promuovere stili di vita sostenibili e sottolineare l’importanza e il valore positivo della bicicletta e dello sport. Tra le iniziative promosse, in evidenza, la biciclettata che coinvolge i giovani del progetto, organizzata con la Randonneé MiRando Milano (www.mirandomilano.it). Un evento, in programma nel prossimo febbraio, rivolto agli amanti della bicicletta e della sostenibilità con partenza dal centro di Milano.

FONDAZIONE LAUREUS SPORT FOR GOOD

Fondazione Laureus Sport for Good è un’organizzazione internazionale nata nel 2000 su ispirazione di Nelson Mandela secondo cui “Lo sport ha il potere di cambiare il mondo”. La missione di Laureus nel mondo è quella di rispondere attraverso lo sport ai bisogni più urgenti dei giovani superando così i limiti imposti da problemi sociali e ambientali, con il fine ultimo di perseguire gli obiettivi di sviluppo sostenibili delle Nazioni Unite. Lo sport è quindi inteso come uno strumento per implementare percorsi educativi, inclusivi, formativi e per la parità tra bambini e ragazzi con particolare attenzione per i più fragili. In Italia Fondazione Laureus è attiva dal 2005 e interviene a seguito di rilevazioni statistiche e analisi dei bisogni mobilitando ampie reti territoriali del terzo settore (scuole, social servizi sociali istituzionali, enti no profit, parrocchie) e sportive (società sportive specializzate in differenti sport e operanti nei territori di riferimento) con l’intento di promuovere la coesione sociale e il supporto ai minori più vulnerabili. Laureus svolge quindi un ruolo di raccordo tra le varie realtà del territorio incentivando buone pratiche, mettendo a sistema reti trasversali e gli attori più rilevanti nel campo sociale e imprenditoriale e producendo un effetto moltiplicatore sul tessuto sociale e la comunità di riferimento.

FONDAZIONE EDISON ORIZZONTE SOCIALE (EOS)

Fondazione Edison Orizzonte Sociale (EOS) nasce con l’obiettivo di sostanziare il ruolo della società come operatore energetico responsabile impegnato nel contribuire con le proprie persone e competenze agli obiettivi dell’Agenda 2030 e, in particolare, a quelli dedicati all’educazione di qualità (SDG4), all’inclusione sociale e riduzione delle disuguaglianze (SDG10), alla promozione di comunità sostenibili (SDG11) e alle azioni di rafforzamento dei rapporti di partenariato per il raggiungimento di obiettivi sostenibili comuni (SDG17). EOS opera attraverso piani triennali e per gli anni 2022 – 2024 ha deciso di concentrare i suoi interventi prevalentemente a favore della fascia di preadolescenti e adolescenti che vivono in condizioni di fragilità, attraverso la coprogettazione con gli operatori del terzo settore e il sostegno di interventi che favoriscano la crescita, lo sviluppo e l’educazione di ragazzi e ragazze attraverso la partecipazione culturale e la pratica sportiva.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
bike for gooddavide cassanifederica masolin




in evidenza
Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”

La conduttrice vs Striscia la Notizia

Caso gioielli, Scotti punge Fagnani: “Belva addomesticata? Devi fare i nomi”


in vetrina
Affari in Rete

Affari in Rete


motori
Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Lamborghini Urus SE: l'icona dei super SUV diventa ibrida

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.