A- A+
Sport
Italia, Mancini ai Mondiali di calcio in Qatar? Clamorosa rivelazione
Roberto Mancini (Lapresse)

Italia non ripescata ai Mondiali di calcio. Mancini in Qatar come commentatore Rai?

L'Italia non andrà ai Mondiali di calcio in Qatar (con buona pace di chi sognava il ripescaggio per il caso Cile-Ecuador), ma il ct Roberto Mancini potrebbe invece esserci. Non nelle vesti di allenatore, ma commentatore. O almeno, questo è il sogno di Alessandra De Stefano, direttore di RaiSport. "Mi piacerebbe avere Francesco Totti con noi a commentare il Mondiale del Qatar. E non sarebbe male avere da Coverciano anche il c.t. Roberto Mancini e i suoi azzurri nell’analisi tecnica o pure alla moviola. Proverò a parlarne anche con il presidente federale Gabriele Gravina". Tutte le sfide saranno trasmesse in diretta tv tra Rai1, Rai2 e Rai Sport: "Trasmetteremo tutto. Abbiamo 64 partite, 34 vanno su Rai 1, 20 in prima serata. Con quattro sfide al giorno nella prima parte, cominciando al mattino, non avremo tanto tempo, ma un programma di approfondimento serale lo faremo, dalle 22, prima di Porta a Porta. Cercheremo di fare tutto dal Qatar, coinvolgendo altri talent oltre a Di Gennaro e Adani".

Italia, Mancini guarda all'esempio della Francia anni '90 che poi vinse i Mondiali di calcio

L'Italia non andrà ai Mondiali di calcio in Qatar (dal 21 novembre al 18 dicembre 2022), ormai sono naufragate le residue speranze di ripescaggio. Ma il commissario tecnico della nazionale, Roberto Mancini, guarda più in là. E prevede un futuro roseo per la sua squadra:  Nel ’90 e nel ’94 la Francia non andò ai Mondiali, dal ’98 in poi ha avuto nazionali straordinarie (e quell'anno vinsero i Mondiali battendo in finale il Brasile per 3-0, ndr). Speriamo di farlo anche noi, il materiale umano c’è", ha spiegato all’evento "LGI sotto le stelle" (una rassegna di sport e giovani con in campo le eccellenze marchigiane).

Italia, Mancini, la rivincita ai Mondiali (2026) e la scommessa sui giovani azzurri

Mancini dunque rilancia la sua scommessa alla guida dell'Italia. Poco male l'eliminazione dai Mondiali 2022 (per mano della Svizzera nei gironi e della Macedonia del Nord ai playoff). Oltreutto non bisogna scordare che la nazionale è campione d'Europa dopo il trionfo di Wembley in finale contro l'Inghilterra padrona di casa ai rigori. "Sono rimasto perché abbiamo fatto un percorso straordinario. Ci sono state situazioni negative, capitate tutte insieme nello stesso momento. Sono rimasto perché ho la possibilità di rifarmi. Nessuno può sapere se rivinceremo l’Europeo o se possiamo vincere il Mondiale. Ci aspettano 4 anni importanti e noi lavoreremo per fare il massimo. In Inghilterra, Germania, Spagna, i giovani giocano in prima squadra. Da noi no, è questo il grande problema".

Come rilanciare l'Italia? Roberto Mancini una ricetta ce l'ha: "Dobbiamo cercare in fretta dei giovani, che magari ora non sono molto conosciuti o non giocano ad altissimo livello, che possano essere utili alla Nazionale. Ne abbiamo visti tanti nelle ultime settimana e sono molto bravi, la differenza la fa il fatto che non hanno molta esperienza".

La sconfitta con la Germania in Nations League? "Sono stati superiori, ma non è stata una partita negativa come ha detto il risultato (5-2, ndr). Ci servirà molto, anche se a nessuno piace perdere. Non ci ha fatto piacere, ma ci sono state delle cose buone", le parole del commissario tecnico Roberto Mancini.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    italiamancinimondiali di calciomondiali qtar




    in evidenza
    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    De Filippi furiosa in tv

    "Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

    
    in vetrina
    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

    Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire


    motori
    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.