A- A+
Sport
Juventus, Pirlo è ufficiale via (New York). Tevez non ancora

Carlos Tevez è un giocatore del Boca Juniors: anche se tecnicamente non c'è stato alcun annuncio di addio alla Juventus sin qui, a differenza di Pirlo (vedi sotto) e di Storari.

Dopo il #tevezvuelveacasa del club Xeneize, non è ancora arrivato alcun comunicato ufficiale da corso Galileo Ferraris. I due club evidentemente stanno ancora limando alcuni dettagli. Non a caso, ad esempio, il giovane Lucas Vangioni in predicato di fare il percorso opposto, risulta ancora tra i giocatori del reparto offensivo del Boca se si consulta il sito degli argentini, mentre Tevez non è stato inserito tra gli attaccanti.

Resta il fatto che l'Apache tornerà alla Bombonera, mentre il nuovo ciclo della juventus riparte da Mandzukic, Dybala e da un prossimo colpo (da Oscar a Cuadrado non mancano le ipotesi di lavoro).

Bye bye Pirlo. "Grazie maestro" - L'addio di Pirlo alla Juventus adesso è ufficiale. Il centrocampista bresciano giocherà con i New York City.

Il club bianconero lo ha salutato con un comunicato dal titolo "Grazie maestro". Eccolo

Grazie Maestro. Non può che iniziare con queste due parole il saluto, l'omaggio ad Andrea Pirlo al termine della sua avventura in bianconero.
Grazie, per quello che ci ha fatto vedere, vivere, vincere in questi quattro anni.
Maestro, perché tra tutti i suoi soprannomi è sempre stato quello che ci è piaciuto di più. I compagni lo chiamano “Professore” e in effetti, per loro, campioni affermati, trovarsi al fianco di Andrea è come seguire una lectio magistralis. Per chi invece professionista non è, conoscere la raffinata semplicità del suo gioco è una rivelazione continua, è come scoprire l'essenza stessa del calcio. Ecco perché per noi “Maestro” è più indicato. E poi è l'appellativo degli artisti, siano essi pittori, registi del cinema, direttori d'orchestra.
Pirlo, in campo, è tutto questo. È carisma silenzioso, è controllo di palla, è la finta che spiazza uno, due, tre avversari in un colpo. È l’apertura improvvisa, il pallonetto che scavalca la difesa.
È la testa in moto perpetuo, quando il gioco è lontano. Uno sguardo a destra, uno al centro, uno a sinistra, per tenere d'occhio compagni e avversari. Per sapere prima di tutti cosa accadrà: non è preveggenza, non è istinto. È pura e semplice intelligenza.

Una dote che, unita a due piedi delicati e precisi, ha plasmato un fuoriclasse inarrivabile. È anche grazie a lui se la Juve, oggi, è di nuovo ai vertici del calcio italiano ed europeo: con lui, con il suo arrivo, nell'estate 2011, è partito il nostro esaltante cammino. Con un suo assist per Lichtsteiner, l'11 settembre di quell'anno, è iniziata la dittatura dello Stadium, inaugurato appena tre giorni prima.
Qualche mese dopo segnerà il suo primo gol in bianconero: è il 18 febbraio 2012, Juve-Catania, calcio di punizione dal limite al 22' del primo tempo. Kosicky rimane fermo, pietrificato, a guardare il pallone infilarsi alla sua sinistra. Nei quattro anni successivi la scena si sarebbe ripetuta altre 14 volte: delle 19 reti segnate con la Juve in 164 presenze, 15 sono arrivate da calcio piazzato, spesso nei minuti finali. Come quella a Genova, il 16 marzo 2014, tassello fondamentale nello scudetto dei record. O quella, quattro giorni dopo, segnata a Firenze, in Europa League. O come il gol nel Derby dello scorso novembre, questo non su punizione, firmato a quattro secondi dal termine.
Con la sua capacità di rimanere freddo e lucido nei momenti più delicati, con la sua imperturbabilità, ci abbiamo anche scherzato, e lui si è prestato volentieri al gioco. La campagna social #PirloIsNotImpressed è subito diventata un tormentone e, lo confessiamo, ci siamo chiesti più volte come avremmo potuto concluderla. Anche questa volta Andrea ha anticipato tutti, decidendo di iniziare una nuova avventura a New York.
Tecnicamente, in questi casi, si parla di “risoluzione consensuale” del contratto. A noi piace più pensare a questo momento come ad una stretta di mano, come ad una pacca sulla spalla tra amici che hanno condiviso esperienze straordinarie. E che serbano, l'uno nei confronti dell'altro, affetto, stima e profonda gratitudine. Per Andrea, giocare e vincere con la Juventus è stata la logica, quasi inevitabile conseguenza di una carriera già costellata di successi, arricchita negli ultimi quattro anni, da altrettanti scudetti, da una Coppa Italia e due Supercoppe italiane. Per la Juventus e per i suoi tifosi, avere ammirato Andrea, avere condiviso con lui emozioni e vittorie è stato un piacere e un privilegio.
E allora grazie Maestro e buona fortuna, ti seguiremo anche da una parte all'altra dell'oceano. Now #WeAreImpressed

Pirlo si congeda "grazie Juve, ora nuova avventura" - "Non e' stato semplice decidere, ma e' arrivato il momento di iniziare una nuova avventura che pero' non mi fara' mai dimenticare il legame che ho con questi colori. Fino alla fine forza Juventus". Andrea Pirlo, in una lettera pubblicata sul suo account Twitter, si congeda dai bianconeri in vista del suo trasferimento negli Usa, al New York City Fc. "Puo' essere difficile trasformare le emozioni in parole, soprattutto se coinvolgono 4 anni cosi' importanti della mia vita - scrive - Posso solo dire un enorme grazie a tutti coloro che mi hanno accompagnato e sostenuto in questa avventura: la societa' Juventus a partire dal nostro presidente, senza dimenticare ogni singola persona che ci lavora; i miei compagni di tante battaglie, di molte risate e di qualche lacrima; i tifosi e tutti coloro che mi hanno sempre seguito con affetto anche nei momenti meno belli.Grazie di cuore a tutti voi".

Iscriviti alla newsletter
Tags:
juventuspirlonew yorktevez
in evidenza
La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

Corporate - Il giornale delle imprese

La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

i più visti
in vetrina
CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"

CDP, approvato Piano Strategico. Gorno Tempini: "Occasione senza precedenti"


casa, immobiliare
motori
Fondazione Pirelli: l’archivio storico dell’azienda milanese e non solo

Fondazione Pirelli: l’archivio storico dell’azienda milanese e non solo


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.