A- A+
Sport
Milan, Berlusconi a Mihajlovic. "Champions imperativo categorico"

“La Champions è un imperativo categorico. Non possiamo, come Milan, stare fuori dalle semifinali e dalle finali di Champions. Il progetto che abbiamo di commercializzazione del marchio nei paesi orientali, soprattutto in Cina, si può fare se il Milan rimane protagonista in Europa e nel Mondo. In quel caso, la commercializzazione del marchio può portare introiti altissimi”. Silvio Berlusconi torna a Milanello e consegna (o ribadisce) la missione che Mihajlovic e la squadra devono portare a termine nel breve medio e lungo periodo.

Le due vittorie contro Sassuolo e Chievo hanno rinfrancato l'ambiente Silvio sottolinea che Sinisa ha cambiato qualcosa nel modulo: “Certo, abbiamo abbandonato certi schemi di gioco che non funzionavano e ci stiamo dirigendo più verso quello che è lo stile Milan, con un calcio ragionato, fatto di possesso palla e palla a terra".

E auspica: "Appena avremo indietro Balotelli e Menez torneremo ad un modulo ultra offensivo. Il francese ha questo problema alla schiena ed è un gran peccato. Pensavamo che con lui e con il nuovo Balotelli avremmo avuto una nuova forza offensiva, con Menez dietro a Balotelli e Bacca. I due avrebbero dovuto giocare vicini, a distanza di 6-7 metri d’altro con Mario che non avrebbe più svariato sulle ali come ha fatto in passato. Dobbiamo avere una propensione offensiva che deve durare per tutta la partita”.

Menez avrebbe potuto essere il trequartista giusto: “Era l’uomo che pensavamo che avrebbe agito dietro le punte. Ci contavamo tanto”.

Intanto sta per tornare ufficialmente Kevin Prince Boateng: “Tira in porta da qualsiasi posizione. È strutturato per essere un grande centravanti. Le ginocchia stanno bene. Il contratto? Dipende dalle risposte che darà il suo fisico. A me è sempre piaciuto”.

Berlusconi giura sulla conferma di Mihajlovic: “E’ una persona forte. Non ha mai avuto abbattimenti. L’ho sempre trovato fiducioso della possibilità di esprimere un buon gioco e di fare buoni risultati. Il campionato è altalenante e il distacco dalla prima, se avessimo vinto a Torino, sarebbe di cinque punti. Li abbiamo sbagliato perché non abbiamo tenuto la palla e abbiamo dibattuto con i giocatori di questo. La società Milan ha sempre tenuto in considerazione i propri allenatori e il loro morale. Come avete visto abbiamo tenuto il contratto con Inzaghi fino alla fine del campionato e non abbiamo mai voluto andare contro i nostri allenatori”.

Silvio coccola Donnarumma: “E’ una bellissima evenienza quella di un 16enne ritenuto pronto a giocare subito in Serie A. E’ il portiere dei prossimi 20 anni. Invido i miei successori che non avranno bisogno di investire sul portiere nei prossimi anni”.

Buoni segnali da Bertolacci: “E’ migliorato molto. Ci siamo parlati e gli ho detto che ci aspettavamo un altro giocatore, ma da domenica ha cambiato marcia. Mi dicono quelli del Genoa che anche da loro faceva fatica a inizio campionato e che emergeva da ottobre in avanti. Ottobre adesso è finito, quindi…”.

La trattativa con mister Bee: “Ci sono state tante cose allucinanti, come certi attacchi di certi giornali che hanno insinuato che i soldi di Bee fossero dei miei capitali all’estero. Colgo l’occasione per ribadire un concetto: se uno dimostra che il signor Berlusconi ha fuori dei capitali, mi impegno a versare in beneficenza 10 volte la somma che verrebbe trovata. Solo dei dissennati possono pensare questo. Quando sono andato a Lugano, l’ho fatto perché mister Taechaubol aveva li un suo consulente”.

 

Tags:
milanberlusconimihajlovicchampions

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.