A- A+
Sport
Milan, Cardinale: "Stadio a Milano priorità. Inter? Amo essere indipendente"
Gerry Cardinale con Gordon e Paul Singer (foto Lapresse)

Soprattutto in Italia abbiamo visto molti investitori stranieri, in particolare altri investitori americani, ma lei mi dice anche che non assomiglia agli altri. Puoi spiegare in che modo sei diverso e, ad esempio, in che modo ti differenzi dagli altri?
Beh, per fortuna noi amiamo costruire imprese. Sai, sono un po' preoccupato per ciò che vedo nel capitale che si sta investendo nello sport. Voglio dire, lo sport è una bolla da un po' di tempo. Non è un fenomeno nuovo. Direi che l'euforia intorno allo sport e le cose che sento mi preoccupano un po'. Voglio dire, nel momento in cui si inizia a parlare di sport come asset class, credo che tutti dovrebbero fermarsi un attimo e rifletterci, giusto? Ora. Abbiamo il vantaggio della longevità. Il modo in cui abbiamo acquistato il Milan ne è la dimostrazione: c'è una virtù e una continuità nel modo in cui abbiamo acquisito il Milan. Direi che Elliott ha fatto un ottimo lavoro nei quattro anni in cui l'ha posseduto. L'hanno portata a un punto in cui qualcuno come me può prendere il testimone e portarla al livello successivo. È straordinario. Direi che, sai, sono state fatte molte distinzioni. Io non mi paragono ad altre persone. So che il nostro modello ha funzionato, ho 20 anni di lavoro alle spalle per dimostrare che il nostro modello ha funzionato. E questo ci riporta al punto di partenza: quando guardiamo al Milan, guardiamo all'ecosistema, partiamo da quello e scriviamo i business plan. Ho tre componenti dell'ecosistema. C'è la Serie A, ci sono i tifosi, c’è il Comune di Milano. C'è una reale opportunità per noi di portare un capitale di trasformazione, una mentalità di costruzione, mentalità imprenditoriale e di professionalizzare il modo in cui questi beni sono gestiti e amministrati, e di fornire una proposta di valore alla comunità. Non c'è dubbio che ci sia una partnership pubblico-privato nel calcio europeo, bisogna accettarlo. In America non è così, i proprietari possiedono la squadra. I tifosi, insomma, sono passivi. In Europa non si può fare. Abbiamo una base di tifosi fenomenale in Italia e una base di tifosi fenomenale a Milano. Se si considera l'ultima partita del Tottenham a Milano è stato l'incasso più alto della storia italiana. La nostra media di presenze è la più alta di quest'anno, siamo al quinto posto in tutta Europa. Quindi i tifosi stanno facendo il loro lavoro. Noi dobbiamo fare il nostro. E’ giusto. E il nostro lavoro consiste nel fornire una proposta di valore a questi tre componenti. Ed è quello che intendiamo fare.

Milan RedBird Gerry Cardinale Maldini Milan RedBirdGerry Cardinale e Paolo Maldini (foto Imagoeconomica)
 

Veniamo allo stadio tra un minuto, una delle cose di cui mi piace di più parlare con alcuni dei tifosi nei media è questo: perché Gerry non segue perché non è allo stadio ogni domenica?  Qual è la tua risposta risposta a questa domanda?
Deriva da tutto ciò di cui ho appena parlato, non si tratta di me. Sono stato abbastanza fortunato da farmi le ossa. Nella mia carriera in Goldman Sachs ti insegnano a iniziare una frase con noi, non con io. Quindi questo concetto di proprietà personalizzata non ha senso per me. Queste cose sono molto difficili da gestire dal mio punto di vista, che è come quello di Bill Belichick (coach dei New England Patriots, ndr): se tutti fanno il loro lavoro sarà un successo, ma tutti devono fare il loro lavoro. Bisogna avere competenze sul campo e fuori dal campo. Quindi non ha nulla a che fare con me. Storicamente, si è sempre trattato di individui. Ma credo che sia un concetto antiquato. Se vogliamo entrare e trasformare questo ecosistema in modo responsabile, dobbiamo avere una mentalità di squadra. Io voglio vincere proprio come tutti gli altri. Sono al telefono più volte al giorno con la nostra dirigenza. Mi sveglio la mattina pensando a questo. Vado a letto la sera pensando a questo. Ma il mio presentarmi non cambierà nulla, il mio lavoro consiste nell'assicurarmi di fornire le risorse necessarie per essere competitivi. Tutti vogliono vincere. Nessuno è più competitivo di me. Voglio vincere uno scudetto e voglio vincere la Champions League ogni anno. La realtà è che il motivo per cui questi asset hanno scarso valore è che i risultati sportivi non si possono controllare. E’ il bello dello sport: non è controllabile. Quindi mi concentro su ciò che possiamo controllare, di cui sono  responsabile e che farò. È un lavoro di squadra. Non può essere solo di una persona.

Una delle cose che mi viene chiesta in ufficio è che ci sono molti ex dipendenti di Elliott, il vostro CEO, il vostro CFO, se non sbaglio. E ha avuto un ruolo importante nella concessione del prestito per l'acquisto dell'azienda, per cui a volte ci si chiede quale sia il rapporto tra Red Bird ed Elliott, e credo che sia una buona occasione per chiarirlo.
RedBird ed Elliott si capiscono molto bene. Sai, ho un enorme rispetto per Paul Singer e Gordon Singer. Non li conoscevo prima di questo. Come ho detto, sono rimasto molto colpito da ciò che hanno fatto con questo asset in quattro anni, soprattutto perché non hanno alcuna esperienza reale di investimenti in asset sportivi. Ma questi ragazzi sanno come far crescere il flusso di cassa. Il fatto che questi asset siano scambiati su un multiplo dei ricavi è una barzelletta. È una cosa da pigri. Queste attività vengono scambiate su un multiplo del flusso di cassa. Elliott la pensa allo stesso modo. E quindi, sapete, loro sono uno degli investitori più sofisticati del pianeta. Quindi ho dovuto pagare un prezzo molto alto. E l'ho fatto, ma perché sono stato in giro per quattro anni, e perché ho fatto l'apprendista nel calcio europeo, e ho trascorso cinque anni con quasi 200 squadre, e abbiamo investito in Francia e in Inghilterra. Avevo un punto di vista preciso su quale sarebbe stato il business plan del Milan. Non si trattava solo di presentarsi per comprare qualcosa. Quindi, parte della determinazione con cui ho formulato il piano aziendale è stata la virtù della continuità. Così ho detto a Elliott: "Quando faremo questa cosa, voglio che voi continuiate ad essere coinvolti e quindi vi metteremo in una parte diversa della struttura del capitale (ndr. vendor loan)". RedBird detiene il 100% di questa società e li considero assolutamente importanti nella struttura del capitale, perché sono ragazzi molto intelligenti e poi hanno anche portato la cosa al livello successivo. Abbiamo preso due dei loro uomini migliori di loro spontanea volontà. Non l'ho fatto io. Hanno alzato la mano. E hanno detto: "Siamo entrambi italiani. Siamo stabiliti a Londra, ci piacerebbe tornare in Italia, ma è una decisione di vita familiare”. Potremmo prendere due piccioni con una fava, visto che stavate cercando qualcuno che sostituisse Ivan, che ha fatto un ottimo lavoro. E io ho detto: "Certo". Li abbiamo esaminati insieme a tutti gli altri e, “sorpresa delle sorprese”, sono ottimi, sia come CEO che come CFO. E il motivo per cui questo funziona davvero è che sono molto uniti, come parte del nostro team. Siamo molto attivi, per tornare alla sua domanda su di me, non si tratta di me, ho intorno a me persone di grande talento. Abbiamo quindi un team molto diversificato che è responsabile, in un modo molto simile a Belicheck, di tutti i diversi settori. C’è molta vanità ed ego che gravita intorno allo sport. E l'unica cosa che vorrei dire è che siamo tutti tipi di persone che non hanno queste caratteristiche.

Alcuni proprietari della Premier League amano dare consigli ai loro allenatori
Credo di averlo sentito qui nel panel. Siamo ragazzi intelligenti, proprio come tutti voi, siamo commerciali. Voglio dire, non è astrofisica. Non stiamo curando il cancro, ma c'è un'esperienza che sappiamo di poter fare: abbiamo un'attività di analisi dei dati. Oggi tutti usano i dati. Sono finiti i tempi del vecchio film Moneyball in cui ci presentavamo con i dati come se il capitale fosse un vantaggio competitivo. Ma il modo in cui usiamo i dati, a mio avviso, è differenziato. Tutti hanno accesso agli stessi feed di dati, ma varia il modo in cui li usate. È come se si trattasse di un ROI sull'efficienza degli obiettivi. Quindi, il modo in cui i giocatori si posizionano per aumentare la loro efficacia, la loro capacità di aumentare le reti segnate, è ciò di cui si tratta e quindi lo stiamo esaminando.

SEGUE - STADIO E PREMIER LEAGUE..

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cardinale milangerry cardinalemilan




in evidenza
Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"

Guarda il video

Annalisa snobba il marito: "Sanremo? Non ci siamo visti, avevamo da fare: è andata così"


in vetrina
Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey

Milano, inaugurato il primo murale in Italia dello street artist Obey


motori
Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Kia svela EV3: il nuovo SUV elettrico compatto con 600 km di autonomia

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.