A- A+
Sport
Milan, Mihajlovic nuovo mister: Sinisa-Galliani convincono Berlusconi

Il Milan ha scelto. Sara' Sinisa Mihajlovic il nuovo allenatore rossonero. La societa', attraverso Adriano Galliani, si era gia' mossa preventivamente con il serbo, addirittura il 18 marzo scorso: un sondaggio informativo, che con il tempo si e' trasformato in una promessa tra le due parti. Solo il caro Carletto avrebbe potuto rompere questo patto, e Mihajlovic ne era al corrente: si e' sempre mostrato disponibile nell'attendere, una scelta che alla fine ha pagato molto.

Il tecnico in pectore ha varcato il cancello di Arcore alle 20:29, assieme ad Adriano Galliani. Ad attenderli, Silvio Berlusconi, convinto dall'amministratore delegato a scegliere l'ex allenatore della Sampdoria. Una cena a base di domande e richieste, perche' il Milan sara' da ricostruire, una volta posata la prima pietra. Ci sara' da sbrigare il nodo Inzaghi, ancora sulla carta allenatore del Milan: solo dopo il suo esonero, ormai annunciato da tempo, ci sara' l'ufficialita' dell'ex giocatore di Lazio e Inter.

Un decisione forte da parte del Milan, che consegnera' la rosa in mano a un uomo rigido, per molti colonnello o sergente: per Adriano Galliani, l'ideale per questa squadra troppo molle e indisciplinata. Mihajlovic torna sui suoi passi, dopo che, nel 2010, aveva ammesso pubblicamente che non avrebbe mai allenato il Milan, per via del suo passato interista. Un pensiero ridimensionato lo scorso marzo (che coincidenza), quando apri' la possibilita' di un futuro rossonero. Qualche giorno fa l'addio ufficiale alla Sampdoria, suo vecchio amore.Oggi, neo allenatore del Milan. In poche ore, un susseguirsi di emozioni. Alle ore 16:30 la partenza da Roma, arrivo a Linate un'ora piu' tardi, prelevato e ospitato da Adriano Galliani. Alle ore 20, la partenza per Arcore. Ad accoglierlo un Berlusconi motivato per il prossimo mercato, ma anche attento al passato del serbo: nel menu' della cena le scelte non sono casuali, come le lasagne al pesto, piatto ligure, e la parmigiana di melanzane, dai sapori siculi: Sampdoria e Catania, ricordi che rimarranno nel suo cuore. Una miriade di emozioni. Da domani, tutte da vivere: con firma del contratto e insediamento nella nuova famiglia rossonera.

I dubbi di Berlusconi prima della cena di Arcore - Il no di Ancelotti era più che previsto nell'ambiente (solo Silvio Berlusconi aveva pubblicamente professato fiducia) ora il Milan va alla ricerca di un nome forte e possibilmente da definire a breve. Vertice ad Arcore tra il patron rossonero e Adriano Galliani. L'ad propone i nomi sul campo.

Viste le difficoltà su Antonio Conte, il primo della lista di Galliani è Sinisa Mihajlovic, che ha divorziato dalla Sampdoria e fatto sapere in passato che il suo passato interista non sarebbe un problema. Un mister solido che saprebbe come prendere in mano lo spogliatoio del Milan riuscendo a compattarlo. Sino a quindici giorni fa era vicinissimo al Napoli, prima che Aurelio De Laurentiis mollasse la presa per mettere tutte le sue fiches su Unay Emery del Siviglia (allenatore che piace al Milan, ma al momento pare che i rossoneri non vadano oltre l'azione di disturbo).

PIace a Galliani, ma Berlusconi ha dei dubbi. Lui punta sul secondo nome: Vincenzo Montella. L'Aeroplanino era già stato esaminato tra i candidati circa un anno fa. Piace però senza dover pagare la clausola rescissoria di 5 milioni di euro alla Fiorentina.

In seconda fila ecco Sarri (con cui ci sono stati dei contatti): gran maestro di calcio, capace di dare un gioco all'Empoli, ma senza l'appeal agli occhi dei tifosi e tutto da valutare su una grande piazza come Milano. E poi Cristian Brocchi (con Marcello Lippi direttore tecnico): il suo lavoro è stato molto apprezzato da Berlusconi nelle squadre giovanili, ma dopo la bocciatura di Inzaghi risulta un rischio una nuova promozione dalla Primavera alla prima squadra. Per quanto sul tecnico ci sia davvero grande stima.

Ancelotti ha detto no al Milan: "Devo riposare" - Carlo Ancelotti ha comunicato al Milan che non potra' essere lui l'allenatore della Prima squadra rossonera nella prossima stagione agonistica. Lo rende noto la societa' rossonera sul proprio sito. "Ringrazio l'@acmilan per l'interesse. E' difficile dire di no a un club a cui voglio tanto bene. Devo riposare. Vi auguro il meglio". Cosi', attraverso il proprio account Twitter, Carlo Ancelotti ha salutato il mondo Milan spiegando - in inglese, spagnolo e italiano - il motivo della sua scelta di non accettare la proposta di tornare ad allenare i rossoneri.

Tags:
milanancelottimihajlovicmontellasarri
in evidenza
Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

Wanda, Fico e... Gallery Vip

Cristina D'Avena, bikini esplosivo
Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

i più visti
in vetrina
Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente


casa, immobiliare
motori
Lancia firma il suo primo monopattino elettrico

Lancia firma il suo primo monopattino elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.