A- A+
Sport
"Il Milan non può giocare contro natura!". Lettera aperta a Inzaghi


SECONDA  LETTERA APERTA  A PIPPO  INZAGHI. HA RAGIONE  SERENA: "IL MILAN NON PUO' GIOCARE C O N T R O   N A T U R A ! "


Di David  Messina

 
Caro Pippo,
 
Aldo Serena, un centravanti di sfondamento come Te e che ha giocato nel Milan  prima di te segnando 8 gol, ha rilasciato il primo Maggio una intervista alla Gazzetta dello Sport, nella quale diceva, tra l'altro: " Il Milan di Pippo gioca contro NATURA, non comanda mai. Nella sua natura c'è il possesso palla e il comando del gioco, questo Milan, pure quando ha fatto bene, era sempre subordinato, un gruppo che giocava d'attesa, che stava in secondo piano".  
 Questa lucida analisi di Serena mi ha fatto balzare in mente  una prima lettera aperta  che io ti ho inviato il 3 Marzo scorso, tramite  questo diffusissimo quotidiano on-line "Affaritaliani" dal quale ti riscrivo oggi. In quella lettera, scrivevo, tra l'altro:

"Considerazione che ritengo molto importante: il Milan di tutti i tempi ha sempre avuto una chiara e avvincente identità tattica.  Una precisa identità tattica ce l'aveva con Rocco ( ferreo catenaccio e contropiede nobilitati dal più geniale "Abatino" di tutti i tempi , Gianni Rivera ), ce l'aveva con Liedholm ( movimento continuo e possesso palla: "Finché la palla l'abbiamo noi, spiegava Nils,gli altri non possono farci male"), l'ha avuta con Sacchi ( squadra cortissima e pressing asfissiante) e ce l'ha avuta, chiarissima e plurivincente, con Ancelotti e persino con Allegri e Seedorf: 2 esterni di difesa molto offensivi ( da Zambrotta e Paolo Maldini ad Abate e
De Sciglio ), sempre proiettati lungo le fasce del campo e sempre pronti a "scodellare"( come si diceva una volta ) palloni su palloni nell'area avversaria, a beneficio di un buon colpitore di testa o di 2 punte fisse  di cui una forte di testa e l'altra di piede.

Il tuo Milan di oggi, caro Pippo, quello visto all'opera l'ultima volta  contro il Chievo Verona, non aveva  una precisa identità tattica, trascurava la spinta propulsiva sulle fasce laterali e giocava con una punta che usa la testa solo per pensare
( e non sempre a proposito ), Menez. Il quale Menez è bravissimo nel dribling stretto, ha grande senso del gol ma non può essere lui ad esaltare e concretizzare  le doti offensive del Milan, navigando sempre all'esterno dell'area avversaria.
E' vero, Menez è l'attuale capocannoniere del Milan, ha realizzato ben 12 gol! Ma a Verona è parso stanco e svogliato, comprensibilmente  incapace di sfondare  una difesa a riccio come quella del Chievo.
Allora Pippo, in occasione della partita che potrebbe diventare la tua ultima in caso di sconfitta o di gara senza adeguato furore agonistico, gioca d'azzardo, ripeto, nel tuo interesse e nell'interesse della squadra !
Non sarà disponibile Abate ? Scaraventa il velocissimo Cerci sulla fascia destra
( come usava  ai tempi in cui indossava la maglia del Torino) e dai all'ottimo Antonelli ( molto più aggressivo e dinamico di Papà Dustin ) il compito inderogabile di catapultarsi continuativamente sulla fascia sinistra e di scaraventare al centro dell'area avversaria palloni su palloni.  E lì, al centro dell'area avversaria, dovranno imperversare 2 arieti, 2 implacabili cecchini forti entrambi di piede e di testa, Pazzini e Destro.
Il Milan rischierebbe così di sbilanciarsi troppo in avanti e di prendere qualche gol in contropiede ?  E' possibile ! Ma una macchina da guerra come quella che potrebbe venir fuori dai cross di Cerci e Antonelli, dai suggerimenti geniali di Bonaventura, dagli assalti di Poli e dalle bordate di Pazzini e Destro  sarebbe sempre in grado di  realizzare almeno un gol in più del Verona. E aggiungo di più,  proprio perché apparso tanto stanco e svogliato contro il Chievo, io Menez lo farei giocare solo nella ripresa, al posto di una delle due punte per metterlo nelle condizioni di sfruttare i suoi micidiali dribling ed i suoi tiri insidiosi contro difensori veronesi ormai sfiancati o comunque logorati dai duelli diretti del primo tempo contro "panzer" forti e mobili quali Pazzini e Destro. Tutto ciò scritto, ti chiedo scusa  Pippo, sottolineando  che  ho scritto questa lettera perché ti conosco da quando hai esordito in seria A, perché ti appezzo e ritengo che tu hai davanti a te una brillante carriera anche da allenatore. In conclusione, ho  scritto encomiastiche cronache delle tue esaltanti "goleade", quando eri un diabolico centravanti della Juventus prima e del Milan dopo. Vorrei adesso poter esaltare le tue indubbie qualità di stratega della panchina, tornando a vedere all'opera un Milan con una precisa  ed efficace  identità tattica".

Questa lettera del 3 Marzo scorso dimostra evidentemente che, non solo condivido appieno l'analisi di Serena ma che sono più che mai convinto che il primo problema del tuo Milan è quello di rinunciare  sistematicamente a "far la partita", come si dice nel gergo calcistico, ad attaccare insomma e ad osare senza paure preconcette e  con l'orgogliosa determinazione di una squadra che ha fatto la storia del calcio italiano, vincendo più titoli in campo europeo e mondiale.  Quanti cross in area avversaria hanno fatto ad Udine Abate e De Sciglio? Manco uno! E non per loro scelta ma perché a loro non affidi più il compito di scattare sistematicamente in avanti, lungo le fasce laterali, per crossare il pallone in area avversaria. Abate e De Sciglio sono i laterali che anche la Nazionale italiana ha scelto per far volare le maglie azzurre in campo internazionale. Non puoi costringerli a far soltanto i puntelli di una difesa sempre più traballante. A questo punto, Pippo, non hai più nulla da perdere, tenta il tutto per tutto. E tentare il tutto per tutto vuol dire anche, utilizzare da titolare fisso in mezzo alle aree avversarie Pazzini affinché  con la sua testa trasformi i cross di  Abate o Cerci, De Sciglio o  Antonelli in gol o in assist vincenti per gli inserimenti del tuo capocannoniere  Menez ( 16 gol di cui 8 su rigore ), di Bonaventura e del rientrante Montolivo. Ricorda che Pazzini è stato, alla fine, anche l'uomo vincente di Allegri. Il tecnico oggi della Juve, per un intero girone d'andata non riuscì mai ad ottenere un gol nel primo tempo dal suo ultimo Milan, salvo che nelle 4 occasioni in cui si decise a schierare Pazzini  fin dal primo minuto di gioco. Con Pazzini in panchina nei primi tempi, il Milan non riusci a far gol in ben 13 partite. Solo nel secondo tempo entrava Pazzini ed il Milan realizzava più gol, rimediando agli errori del primo tempo. Pensaci Pippo, pensaci bene ed osa. Facendo gol e spettacolo qualche volta si può anche perdere ma molte altre volte si vince. Ed i tifosi si divertono sempre e comunque!

 

Tags:
milaninzaghi
in evidenza
Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

Esportazioni

Simest, la qualità a supporto della competitività delle pmi italiane

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, apre il nuovo Museo delle Gallerie d’Italia a Napoli


casa, immobiliare
motori
Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina

Citroën Ami 100% ëlectric: la rivoluzione della mobilità urbana è in vetrina


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.