A- A+
Sport
mourinho stramaccioni ancel

MORATTI "CONTINUARE CON LO STESSO RENDIMENTO" - "Quella di Marassi era una partita, dovremo continuare a dare lo stesso rendimento". Il presidente dell'Inter Massimo Moratti ha risposto ai giornalisti presenti all'uscita degli uffici della Saras a proposito della sfida di mercoledì sera (recupero del turno di campionato rinviato causa alluvione su Genova) che ha visto l'Inter battere a domicilio la Sampdoria. E alla domanda se quelli delle ultime tre partite sono i segnali che vuole vedere per la conferma del progetto e di Stramaccioni in panchina, ha risposto: "Si', sperando che tutti stiamo bene".

Senza dimenticare che Josè Mourinho dopo la vittoria del Real Madrid nel quarto d'andata di Champions contro il Galatasaray ha detto senza mezzi termini che all'Inter ci tornerà perchè gli è rimasto un grande amore dentro, ma non ora. Un giorno lontano, perchè nel breve il suo futuro sembra sempre di più a Londra, di ritorno nel Chelsea o Parigi (magari con Marco Materazzi come vice allenatore) nel caso in cui Carlo Ancelotti dovesse lasciare. Già perchè nelle scorse ore sono rimbalzate voci di conferma al Psg (alla luce del campionato quasi vinto e di una Champions onorevole. Ma a Madrid si parla con insistenza di un pressing di Florentino Perez proprio su Carletto.

E Strama dunque respira? Dipende. Molto dal rendimento dell'Inter da qui a fine stagione. L'obiettivo terzo posto è ancora possibile: vero che ci sono 7 punti dal Milan, ma il calendario può permettere rimonte, mentre nelle prossime quattro partite i cugini avranno avversarie molto difficili (trasferta a Firenze e Juve, Napoli e Catania a San Siro). L'easito finale del campionato (senza dimenticare la Coppa Italia) peseranno sull'umore di Moratti e su eventuali conferme o scelte esterne (da Mazzarri a Blanc passando per Michajlovic tanto per fare qualche nome).

IL POST SAMPDORIA

STRAMACCIONI "VITTORIA IMPORTANTE, INUTILE FARE CALCOLI" - Il risultato e' ottimo e anche la prestazione soddisfa Andrea Stramaccioni. La sua Inter e' passata 2-0 a Marassi sul campo della Sampdoria e porta a casa tre punti vitali in chiave Champions League. "Oggi era importantissimo fare risultato contro una squadra che ha dimostrato il suo valore, che ha grandi capacita' di corsa e che in casa ha messo tutti in difficolta' - ha spiegato il tecnico nerazzurro ai microfoni di Sky Sport -. Oggi l'Inter ha dato un bel segnale, ha confermato il passo avanti, sul piano dell'intensita', che si era gia' visto con Tottenham e Juventus". "La Sampdoria ci ha messo in difficolta' - ha continuato - e questi tre punti sono importanti cosi' come lo e' trovare continuita' nelle prestazioni, cosa che dopo Natale non abbiamo mai avuto. Adesso, invece, veniamo da tre gare fatte con grande intensita'". Stramaccioni sa che la Champions League e' ancora lontana, sette punti da recuperare non sono pochi. "E' inutile fare calcoli, bisogna continuare a lavorare cosi' e oggi contro una squadra in forma e su un campo difficile come questo abbiamo fatto il massimo, confermando il trend positivo dopo le gare con Tottenham e Juve". Ancora una volta decisivo Rodrigo Palacio. "Il primo nome che feci a Moratti era il suo. La sua stagione vale doppio perche' da fine gennaio e' stato spesso costretto a giocare da prima punta, lui da' il meglio invece quando ha una punta centrale al fianco. Ormai e' maturato tantissimo, e' diventato un leader di dimensione internazionale". Magari il prossimo anno il centravanti da affiancare a Palacio sara' proprio Icardi. "Oggi l'ho visto molto bene, aveva voglia di far gol, per me e' in assoluto uno dei migliori giovani del nostro campionato".

Nella ripresa Stramaccioni ha dato spazio a Silvestre, e non a Samuel, passando alla difesa a tre. "Avevo bisogno di un centrale come Matias, e' importante gestire Samuel e non sempre conviene utilizzare Walter in gare ravvicinate". Elogi anche per Kovacic. "Con lui siamo cresciuti nel palleggio, era il regista basso che cercavo, e' un giovane di grande prospettiva e nel finale si e' inserito molto bene alle spalle di Guarin e Palacio, credo sia un giocatore di grandissimo livello, un investimento per il presente e il futuro. Guarin? La sua prestazione e' stata sufficiente e soddisfacente, ha sempre rappresentato un potenziale pericolo per la Samp".

PALACIO, ERA IMPORTANTE TORNARE A VINCERE - "Era importante tornare a vincere, perche' il momento era difficile. Penso che oggi abbiamo giocato molto bene". Cosi' Rodrigo Palacio, che con una doppietta ha guidato l'Inter alla vittoria a Genova contro la Sampdoria, ha commentato ai microfoni di Sky il successo della sua squadra, rispondendo con un semplice "speriamo" alla domanda se con questo successo sia ricominciata la rincorsa della squadra di Stramaccioni alla Champions League.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
morattiinterstramaccionimourinho
in evidenza
E-Distribuzione celebra Dante Il Paradiso sulle cabine elettriche

Corporate - Il giornale delle imprese

E-Distribuzione celebra Dante
Il Paradiso sulle cabine elettriche

i più visti
in vetrina
Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%

Dati audiweb, Affaritaliani cresce ancora: ad agosto exploit del 40%


casa, immobiliare
motori
Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar

Stefano Accorsi porta in pista la nuova Peugeot 908 9X8 Hypercar


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.