A- A+
Sport
Nike: "Neymar licenziato per accusa di violenza". Il brasiliano: "Bugie"
Neymar (Lapresse)

Perché Nike lo scorso agosto ha rescisso il contratto da 210 milioni di collari con Neymar, stella planetaria del calcio?

La multinazionale USA dello sportswear ha rivelato che l'attaccante del Paris Saint Germain non avrebbe collaborato alle indagini interne all'azienda, mirate a far luce sulla denuncia di una dipendente che asseriva di aver subito un abuso sessuale da parte sua.

La donna, secondo quanto rivelato dal Wall Street Journal, sostiene che nel 2016 Neymar avrebbe tentato di costringerla a un rapporto di sesso orale in un hotel di New York dove i due si trovavano per una serie di appuntamenti legati alla partnership commerciale, che sarebbe dovuta durare fino al 2028.

Neymar nega le accuse e promette di difendersi, sostenendo che il suo passaggio nella scuderia di Puma per un contratto valutato 25 milioni di euro all'anno, sarebbe stata una scelta commerciale.

Tuttavia Nike sostiene di aver “concluso la sua partnership con l’atleta perché si è rifiutato di collaborare a un’indagine su accuse credibili di illeciti commessi contro una dipendente". Nella stessa nota si precisa che "l’indagine non è approdata a conclusione".

Neymar, accuse Nike sono bugie assurde

Le accuse della Nike sono "assurde", si tratta di "bugie". Così il calciatore brasiliano Neymar da Silva Santos risponde alla multinazionale americana, suo sponsor, che dice di essersi separata da lui perché ha rifiutato di collaborare con il gruppo in una "indagine" interna avviata dopo che una dipendente ha affermato di essere stata vittima di un'aggressione sessuale da parte del giocatore.    Una portavoce di Neymar ha affermato che la star ha negato qualsiasi aggressione sessuale e ha interrotto la collaborazione con Nike per motivi commerciali. 

Commenti
    Tags:
    nikepumaneymarviolenza sessuale




    in evidenza
    Affari in rete

    Guarda la gallery

    Affari in rete

    
    in vetrina
    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid

    Boom per Salone del Mobile 2024 e Fuorisalone: i numeri tornano ai livelli pre Covid


    motori
    Kia, l’artista Richard Boyd-Dunlop firma il Camouflage del pick up Tasman

    Kia, l’artista Richard Boyd-Dunlop firma il Camouflage del pick up Tasman

    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.