A- A+
Sport
Rugby, mondiali: Italia ko. Dura lezione dalla Francia: 10-32

Capitan Ghirardini ammette: "Sconfitta dovuta a mancanza di disciplina" - Leonardo Ghirardini, capitano azzurro, su Sky Sport ha collegato la sconfitta azzurra contro la Francia alla mancanza di disciplina. "Ogni mischia e' stato un calcio di punizione. Non e' possibile pensare di vincere una partita quando regali queste opportunita'. E' un peccato perche' c'eravamo. E' un aspetto quello della disciplina in cui pecchiamo nelle ultime partite e questo fa la differenza". "Era una partita importante per noi, l'avevamo preparata sotto ogni aspetto, ma nel primo tempo non siamo riusciti a mantenere il possesso - ha aggiunto -.Il secondo tempo a tratti e' andato meglio e abbiamo concesso poco. Quando abbiamo il pallone siamo tutta un'altra squadra. Era la prima partita del Campionato del Mondo, ma ce ne sono altre, dobbiamo ritrovare serenita', andare avanti, lavorare molto bene e crederci perche' possiamo passare il turno".

Rugby: mondiali. Azzurri ko con la Francia, 10-32 - Dura lezione per l'Italia che subisce una punizione pesante della Francia nel match d'esordio degli Azzurri nel Mondiale inglese di rugby. I galletti si sono infatti imposti con il punteggio di 32 a 10, sfruttando soprattutto i calci piazzati di Michalak causati dalla fallosita' italiana. I primi tre punti sono della Francia, con Michalak che dopo aver sbagliato un primo piazzato, non sbaglia il secondo e porta i transalpini in vantaggio per 3 a 0. Lo stesso giocatore del Tolone sigla il 6 a 0 su di un altro calcio piazzato dopo dieci minuti, mentre l'Italia perde subito Andrea Masi per infortunio, sostituito da Bacchin.L'Italia prova a reagire, ma Tommaso Allan sbaglia il calcio di punizione che poteva valere il rientro dell'Italia in partita. Non sbaglia invece Michalak che segna il suo terzo calcio che vale il 9 a 0 per una Francia molto organizzata in difesa. Al suo secondo tentativo, Tommy Allan riesce ad infilare la palla tra i pali e l'Italia accorcia sul 9 a 3. Ancora un calcio piazzato, questa volta di Scott Spedding dai 50 metri, permette ai francesi riallungare sul 12 a 3. L'Italia e' troppo fallosa e i transalpini chiudono il primo tempo sul 15 a 3, senza mete ma con la giusta precisione nei calci di punizione. La ripresa inizia nello stesso modo in cui si era concluso il primo tempo, ovvero con un calcio piazzato di Michalak per il 18 a 3 francese. L'Italia e' alle corde e arriva anche la prima meta dei "galletti" grazie al venticinquenne di origine algerina Slimani, il quale raccoglie un calcetto di Michalak e schiaccia sotto i pali per il 24 a 4, con il risultato che dilaga dopo la trasformazione. Splendida risposta dell'Italia, che con Giambattista Venditti risponde alla meta francese al termine di un lungo periodo di pressione azzurra, con la trasformazione di Allan che porta l'Italia sul 25 a 10. Si lotta di piu', ma la Francia chiude la partita a dieci minuti dal termine della gara grazie ad una meta di Mas che schiaccia sulla base del palo e alla relativa trasformazione che permettono ai blues di allungare sul 32 a 10.

Tags:
rugbymondialiitaliafrancia

i più visti

casa, immobiliare
motori
MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat

MÓ eScooter 125, il primo scooter completamente elettrico di Seat


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.