A- A+
Viaggi
Coronavirus, smart working da Barbados? Possibile con un visto annuale
Barbados Mullins Beach

Coronavirus, smart working sull'isola di Barbados? Possibile con un visto annuale

Lavorare in smart working circondati dalle acque cristalline e dalle spiagge dorate sull'isola di Barbados ora è possibile. Come riporta il sito ufficiale dell'isola caraibica: basta chiedere il visto di benvenuto valido per 12 mesi per avere l'opportunità di vivere e essere connessi da remoto con la propria azienda direttamente dall'isola esotica. Sebbene il coronavirus abbia diminuito i numeri del turismo anche lì, si vuole offrire ai turisti la possibilità di vivere la destinazione come veri e propri autoctoni, i bajan, per un anno. Lo ha anche confermato la Prima Ministra, Mia Amor Mottley: "Qui i turisti avranno la possibilità di continuare a lavorare da remoto per 12 mesi - dice -. Anziché trascorrere qui le classiche vacanze di una, due o tre settimane, i viaggiatori ora possono pianificare la loro intera attività lavorativa. Possono trarre vantaggio dal fatto di trovarsi in una parte diversa del mondo, circondati da sole, mare, sabbia e da una società stabile, che funziona bene".

Un'isola responsabile nel trattare il virus

Un'isola, quella di Barbados, elogiata per come ha gestito il virus finora, con protocolli di tracciamento dei contatti affidabili e performanti, attualmente ancora in atto. Il Paese, con oltre 280mila persone, ha avuto poco più di 100 casi di coronavirus e 7 decessi. Ora ha riaperto le frontiere, ma continuando a seguire protocolli che rendono i viaggi sicuri e non onerosi. Sia interi uffici di persone che freelance e imprenditori potranno dunque lavorare immersi nella natura. Senza troppe preoccupazioni in caso di contagi o altre malattie, dato che Barbados vanta "un'assistenza sanitaria elevata e un alto livello di istruzione, perfetti anche per tutti coloro che desiderano venire insieme alla famiglia", fa eco alla Prima Ministra, Sunil Chatrani, presidente del Barbados Tourism Marketing. 

Come richiedere il visto

Semplice la richiesta del visto: le spese ammontano a circa € 1.748 a persona ed è disponibile una tariffa speciale per le famiglie pari a circa € 2.622. Il visto è valido per un anno ma può essere richiesto nuovamente. Inoltre, i richiedenti non saranno responsabili per l'imposta sul reddito di Barbados. 

Di seguito i requisiti: 

Le persone che desiderano lavorare da remoto a Barbados possono candidarsi telematicamente su Barbados Welcome Stamp e dovranno esibire questi documenti:

- Due fototessere

- Dati del passaporto

- Certificato di nascita (di tutte le persone per cui si fa la richiesta)

- Prova della relazione di persone a carico

- Visto di ingresso (ove applicabile)

Dopo l'approvazione si applicano le seguenti tariffe non rimborsabili:

- Individuale - tariffa di circa € 1.748

- Tariffa speciale per il pacchetto famiglie € 2.622

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    barbadossmart working barbadoscoronavirusvisto
    in evidenza
    CDP, ospitato FiCS a Roma Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    Corporate - Il giornale delle imprese

    CDP, ospitato FiCS a Roma
    Gorno Tempini: “Agire come sistema unico”

    i più visti
    in vetrina
    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili

    Ferrovie dello Stato, al via un nuovo modello per cantieri più sostenibili


    casa, immobiliare
    motori
    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità

    Nasce a Torino Stellantis Italy House, la casa della sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.