A- A+
Viaggi
Egitto, le 7 meraviglie di Marsa Alam. Le foto

di Carmine Di Donato

Il paradiso esiste e si trova nel punto in cui il Mar Rosso si incrocia con il Deserto del Sahara, quello più colorato e ricco di vita. Per questo motivo Marsa Alam è diventata una delle mete preferite dai turisti di tutto il mondo, che qui cercano un posto speciale dove rilassarsi, ma anche un luogo dove poter fare delle esperienze uniche, a stretto contatto con la natura e con le bellezze storiche.

Marsa Alam è una delle mete più visitate dell’Egitto, assieme ad altri capisaldi del turismo della nazione africana, come Sharm el Sheikh e Hurghada. Situata nei pressi del Tropico del Cancro, è stata fino a pochi anni fa un semplice villaggio di pescatori, per quanto la nascita è antica e risale a duemila anni fa, quando re Tolomeo II la fece costruire come stallo per arrivare ai giacimenti di oro e smeraldi delle montagne di questa zona.

Lo spettacolo che offre la barriera corallina, considerata tra le più belle al mondo, è probabilmente uno dei motivi principali che ha decretato il successo mondiale di questo angolo di paradiso. Per questo le strutture di questa zona, come alberghi e resort, come capita per esempio a Gorgonia Beach, offrono una serie di attività, come escursioni e diving. E sono davvero tantissime le bellezze da vedere e le emozioni da vivere. Ecco una lista delle 7 meraviglie da non poter perdere a Marsa Alam.
 

1. Relitto di Abu Ghusun
Immergendosi dalla spiaggia del villaggio di Abu Ghusun si troverà di fronte al relitto dell’Hamada, nave mercantile costruita negli anni Sessanta per solcare i mari del nord, per poi trasferirsi al Sud, nel Mediterraneo e nel Mar Rosso, in cui nel 1993 a causa di una tempesta, spezzata in due dalla barriera. Oggi offre uno spettacolo sconvolgente, con la natura che ha fatto il suo corso e che l’ha colonizzata, in cui è possibile trovare pesci coccodrillo, pesci ago, ma anche tartarughe e se si è fortunati, dugonghi.

È un’immersione semplice (anche se per i non esperti è sempre consigliabile farsi accompagnare), e la parte di prua, quella appoggiata al reef, è protratta verso la superficie fino a 3 metri ed è quindi visibile anche per gli amanti dello snorkeling.
 

2. Marsa Fighera e Marsa Samaday
I raggi solari attraversano i cunicoli creando un effetto celestiale, con dei giochi che fanno venire la pelle d’oca. Marsa Fighera si trova al nord di Marsa Alam ai confini del parco Wadi El Gemal. Si scende dal fondale sabbioso ed è un’immersione semplice. È possibile qui ammirare razze chitarre, aquile di mare e piccoli squali. Sulla baia di Marsa Samaday c’è una barriera che scende fino a 25 in cui è possibile ammirare il tappeto di anguille giardiniere. Questa zona è visitabile per divers di tutti i livelli, e per lo snorkeling.
 

3. Luxor
L’escursione nella città di Luxor è quasi obbligatoria se ci si reca a Marsa Alam, per quanto non vicinissima. Luogo in cui era situata l’antica Tebe, dista più di 300 km da Marsa Alam ma è diventata una delle attività da fare se ci si reca in quella zona dell’Egitto. A Luxor è possibile ammirare il tempio di Amon a Karnak. Costruito da Amenhotep III nel XIV secolo a.C., fu concluso da Tutankhamun che aggiunse colonne e statue.
 

4. Cammellata
La cammellata è una delle attività caratteristiche offerte ai turisti, una giornata all’insegna dell’avventura, per scoprire alcune delle bellezze naturali dell’Egitto più emozionanti. In questo modo è possibile per tutti lasciarsi affascinare dal deserto di Marsa Alam e dalla vita dei beduini, apprezzandone gli usi e i costumi, assaggiandone anche la cucina.
 

5. Isola di Utopia
È come vivere in un sogno dal quale non ci si vuole mai svegliare. Un’escursione all’Isola di Utopia un luogo in cui la natura incontaminata darà relax e pace a chiunque. Il mare di qui è meraviglioso per lo snorkeling, con la scogliera ricca di fauna, tra pesci, tartarughe e persino delfini.
 

6. Baia del Dugongo
Il Dugongo è un simpaticissimo ed enorme animale acquatico, chiamato anche “mucca di mare”. È un sirenide e può misurare fino ai cinque metri. Fate una gita a Marsa Abu Dabbab (in italiano Baia del Dugongo) e sarà possibile incontrarli in alcuni periodi dell’anno, che si nascondono dai predatori.
 

7. Wadi el-Gemal
Per un’estensione di 60 km, il Parco Nazionale di Wadi el-Gemal, in italiano “Valle dei Cammelli”, in cui è possibile ammirare stambecchi e gazzelle, fare bird watching e altre attività. Tra le barriere coralline è possibile fare immersioni.

Tags:
viaggimeravigliemarsa alam
in evidenza
Terence Hill lascia Don Matteo Applauso d'addio della troupe

VIDEO

Terence Hill lascia Don Matteo
Applauso d'addio della troupe

i più visti
in vetrina
SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico

SPID, tutto ciò che c'è da sapere sull'utile e innovativo sistema informatico


casa, immobiliare
motori
Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV

Dacia: nuovo restyling per un Duster che va sempre più...SUV


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.